USF Libraries
USF Digital Collections

Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario

MISSING IMAGE

Material Information

Title:
Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario
Physical Description:
Serial
Publisher:
Società anonima Istituto romano di arti grafiche di Tumminelli
Place of Publication:
Roma
Publication Date:
Frequency:
semimonthly
regular

Subjects

Subjects / Keywords:
Race relations -- Periodicals   ( lcsh )
Jews -- Periodicals -- Italy   ( lcsh )
Race relations -- Periodicals -- Italy   ( lcsh )
Genre:
periodical   ( marcgt )
serial   ( sobekcm )

Record Information

Source Institution:
University of South Florida Library
Holding Location:
University of South Florida
Rights Management:
All applicable rights reserved by the source institution and holding location.
Resource Identifier:
usfldc doi - D43-00021
usfldc handle - d43.21
System ID:
SFS0024306:00021


This item is only available as the following downloads:


Full Text
xml version 1.0 encoding UTF-8 standalone no
mods:mods xmlns:mods http:www.loc.govmodsv3 xmlns:xsi http:www.w3.org2001XMLSchema-instance xsi:schemaLocation http:www.loc.govmodsv3mods-3-1.xsd
mods:relatedItem type host
mods:identifier issn 0000-0000mods:part
mods:detail volume mods:number 2issue 15series Year mods:caption 19391939Month June6Day 55mods:originInfo mods:dateIssued iso8601 1939-06-05


xml version 1.0 encoding UTF-8 standalone no
record xmlns http:www.loc.govMARC21slim
leader 00000nas 2200000Ka 4500
controlfield tag 008 121018u19381943it sr p p 0 b0ita
datafield ind1 8 ind2 024
subfield code a D43-00021
040
FHM
c FHM
049
FHM
0 245
Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario.
n Vol. 2, no. 15 (June 5, 1939)
260
[Roma :
b Societa anonima Istituto romano di arti grafiche di Tumminelli],
June 5, 1939
650
Race relations
v Periodicals.
Jews
z Italy
Periodicals.
651
Italy
x Race relations
Periodicals.
1 773
t Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario.
4 856
u http://digital.lib.usf.edu/?d43.21



PAGE 2

2 ANNO II N. 15 SOMMARIO 5 GIUGNO XVII J. EVOLA: NORD E SUD: SUPERAMENTO DI UNA OPPOSIZIONE; MASSIMO LELJ: GERMANIA t: ITALIA; EDMONDO VERCELLESI: GRUPPI ETNICI ITALIANI E TEDESCHI; G. D'ATESIA: ITA LIANI E TEDESCHI TIPI E SOTTOTIPI ETNICI; G. DELL'ISOLA: ITALIA E GERMANIA PEF. UN'ARTE DELLA PROPRIA RAZZA; GUIDO LANDRA: LE BASI SCIENTIFIC-!E E FILOSOFICHE DEL RAZZISMO TEDESCO; ANTONIO PETRUCCI: AUTARCHIA-LA RISPOSTA DELLA GERMANiA E DELL'ITALIA ALL'ASSEDIO CAPITALISTICO; MASSIMO SCALIGERO: OMOGENEITA' E CONTlNUITA' DELLA RAZZA ITALIANA; A. TRIZZINO: GUERRA TOTALE E COSCIENZA. DI RAZZA. PENSIERI DI LEOPARDI: LA VERITA' CHE CI OCCORRE E' LA RELIGIONE. QUESTIONARIO: LA QUESTIONE DELL'ESPERANTO. Una parte del materiale lotogrcdico di questo numero stata tratta dai volumi di G. Massani: La sua terra e La Sicilia e il suo. popolo ". I MANOSCRITTI ANCHE SE NON PUBBLICATI NON SI RESTITUISCONO GLI UFFICI DELLA 11DIFESA DELLA RAZZA11 SI TROVANO IN ROMA -PIAZZA COLONNA (PORTICI DI VElO) TELEFONO 63737 -62880

PAGE 3

BANCO DI SICILIA ISTITUTO DI CREDITO DI DIRITTO PUBBLICO .. -CALTABELLOTTA -CALTAGIRONE -CALTA-CAMMARATA-CAMPOBELLO DI IJCATA......: CA-. -CANNETO IJPARI-CARINI-CASTELBUONO--. CASTELVETRANO CASTROREALE -CATANIA CATTO_"". ERACLEA CEFALU' -COMISO CORLEONE -nUME-FRANCAVILLA-FRANCOFORTE-GA.NGr!r.,:,'::';';-, / -GELA-GENOVA -GIARRE-GRAMMICHELE-LEONFORTE-LERCARA-IJCATA-IJPARI-u-n.,,.n .... -NISCEMI-NOTO PALAZZOLO ACREIDE P 3

PAGE 4

EEII SERVIZI IEE MARITTIMI 1 [g ITALIANI tal PARTENZE DEL MESE AMERICHE "l T A L l A SOC. NAV." NORD AMERICA COIITII DI SAYOU' da Oenov:t e Cannc:s 7 Giug. da Napoli . : 8 Oiag. SANIIIIA da Trieste . . . . 8 Oiu2. . :::: g IO MA 1111 da Napoli . . 21 O iug. da Oenova e Cannrs 22 Oiug. COIIII DI SAYOIA da Ocnova e Cannes 28 Giur. da Napoli ... 29 Oiug. 'fULCAIIIA da Trieste 29 Oiug. o : : : : : : : : SUD AMERICA AUOUSTUI d:1 Oeno\'a e . l Oiug. da Barcellona .... :! Oing. NIPJUIIiA da Trirste e Spalalo . u d.1 Napoli o 16 Olug. PIIIICIHSIA MAaiA CENTRO AMERICA NORD e SUD PACIFICO QWIIA (Nord Padfico Trit.'Sie e Venezia .t7 Maggo da Npoli ...... 3 Olug. da Lhorncr o : -1 Oiug. da OenO\ 'il ... 6 Oiug. da Ahrs ig1i3 . . 7 O inR:. veotuo Sud PadfcoJ da .... o 11 Oiugo d:t MarsigJi;t . 22 OiUKo d Barcellallil . o l3 LIMI tSdrd Pacifico dn Trieste o ,. 27 Oiug. da Venczi.t . o 27 Oiug. da Napoli ... l Luglio c' :l Oen0\':1 o o o 1!) Giug. d a Napoli . . . 11 Oiug. da l.i\'nrno .... 2 Luglio : 29 Oiug. dii Onn,a ....... 4 da Barullona. . 30 Oiug. da Marsi ;t ,. o o 5 Luglio Servizi Commerciali Nord, Sud, Centro America -Nord e Sud Pacifico Indie Occidentali Messico ASIA-AFRICA AUSTRALIA L L O Y D T R l l! s t l N O INDIA-CINA COliTI IOSSO da Trieste e Venezia J-4 Oiug. da Brindisi o 15 Oiug. VICTOIIA da Gencwa ....... o J3 Luglio da N3poli .... t -1 Luglio SUD AFRICA SAVOIA (Afl i\'.1 Occ.idenl.l da Oeno\'il ..... 16 Oiug. da Ma rsiglia o 18 Olug. aOSAMHA (andata via Sue.z .. ritorno via Gibilterra) da Trieste o 20 Oiug. da fiume 21 Oiag. da Vene.zia : o 23 Oiua:o d:t Brindisi o o o 25 Oiug. da Messina . o 26 da Catania 27 Oiut. -IDDA via OibUterra ritorno via Sue:zl da Genova 77. Oiugo AFRICA ORIENTALE Napoli Massaua Assab Al IlO da NaJIOii ...... 6 Oiug. TODI da Napo1i o o 13 Oiuao PO da Napol : .. 20 Oiug. AIIIO da N:apoli o o .... ... 27 Oiug. Trieste Massaua Gibuti ITALIA da Trieste da Venezia da fiume da Brindisi ::: : : : : ........ Il Giag. . ..... Il Oiug. UIAIIIA da Trieste o l3 Oiug. da Venezia .......... 24 Oiug. .' .' .' .': : .' .' 81:1: -Afriee Orientele COLOMao (Oibali) AUSTRALIA J.o Otnova . . . 7 ,.......,.. dol Napoli 8 OiuJt. da Omova S Oiug. PR. ca_, (CbitimaJo) da Lhomo. . 6 O il". d& Oenova . o 14 Oiug. ; 28 OluJt. Servizi Commerciali Asia-Africa-Australia (Calcutta, Seigon, Indie Olandesi, Golfo Persico, A. O. 1.) DI GIUGNO 1939 XVII MEDITERRANEO ORIENTALE. "ADRIATICA. SOC. NAV." EGITIO MAICO I'OLO d:t Trieste e Vc-nezi:. l c 17 Oiue: da Brin lisi . . -1 e 18 Oiug. IIII'IRIA dn firno\'!'1 . . 10e2.f0iue. da Nat)Qh . . Il e 2!1 Oiug. IO IO da Cleu,na .. . "' IS Oiug. ili& Napuli ... 5> e tJ Qlua CAUftA ll:t e \'c:nt.-zii4 IO e d" Fiume ... Il e 2; Uiug. da Urh ot.lisi . 1:! e 2() OIIMAIII da Veuni.1. . . 7 e :!.1 OhlJ:. d:t tini . . . . s e 2:! da Brilulisi . 9 e :n Oiulo!. CIPRO PALESTINA PAUSTIIIA c.lo t Tri("sle . . 7 e 2d O i u).(. Drintliti . 8 e O i uJ.:". 011UIAU-I :::::::: OAUUA d:a Tri este .. o li Oiug. d:a Brindisi . .. 22 O in)( liNEE PEI LA OAliiAZIA ED Il LEVAMTE RO D l 1010 da Oem,:t -t e 18 O iur. da Napoli !) e 19 Oiug CAUTIA da Trieste e Veau:1.ia IO e 2-1 O iu g da fiume ...... o o 11 e 2S Oiu g da Brindisi . o 12 e 26 OIIMAIII da Venezia 7 e 21 Oiua. da R:tri .'. 8 e 22 Oiug. Brindisi 9 e 23 O i u g. GRECIA E TURCHIA lODI d:l Trieste eVm.n:ia 2 t6e lO O i u, d:l Brindisi 18 Olug. e 2 Lugl. DalA d:t Triesle e Vennia 9 r 23 d:t Brinditi o Il e 'Z!J Oint-:. .CinA DIUII d:l G\110''" Il r 2> O i u x d:s. Na)Mtli 12 c l6 O i u::. OIIMAIII dot \'enrtia o .. 7 e :!l Giug. ,Ja Bari o $ r 12 Giu;r da Brindisi o .... 9 l :!3 Oiuu.. IERVIZI COIIIIERCIALI: UVANTEIIU NERO MEDITERR. OCC. NORD EUROPA "T l R RE N l A SOC. NAV." P l. T t POLI r c.l;\ N : tp nli :.! I''J.I .l16-:!0'! ;. ,13 S irat'U:-.1 . i!:' 1 da Po1lc. 1 m o ; .111l i -:.!J ... . tlaOt'l\11\ ';t'i-ll-:!1-.!:J ....... Ciiul!. Pia INOASI 1 .!:1 :\':1puli .!-lh . ........ Ciiu..:. .. ..,n u< .. 1 7 -lll f i -17 .. :.H-2l-l$ Ou,::. !it' ' .. .. .. Uin).!. PlltPO..;J l r ALICO 1 d 1 l i U IIII .iut l ;ll; l ... \-1.!1 l ):\ Q('IJol \,1 (li 1 PII111) 0 .!tlolfl :! f il'h! A L T R l Napoli .. Palermo Civitavecchia Terranova .S,uim.mali : Genova -Coala orientale della Sardegna Cagliari Trapani Palermo PIR CAOLIARI1 d t Oc.:n u :a . o -J.I-21-:.!S t l:t C \ t'\"c : hi:t . .. 2-916 -23-'30 da ...... : o ,(.., I'J..2ll : !7 O i ul!. COIIICA (a..,;.) o Ll: t li '"'' ':t . .... 2-H6 :!3 -'l0 O iu:: tl:a Li\mlu . . -1-11-l:i2 > Oith.:. 1'. . ..... 4 1 :1lll Ciut:. Pia TU MISI . tl : t Uenu,;t . .... . i-U 21-'! $ O i u)! s l. y. 2. l : .... Aleaaandrlnl Ea:ltto Adriatico -Sicilia Tl"eno Adriatico Nord Europa Tirreno -Nord Europa TURISTICI COIIBINATI PER Il IEDITERRANEO OCCIDENTALE T A L A GENOVA DRIATICA VENEZIA LLOYD TRIESTINO TRIESTF TIRREN A NAPOLI l l i i TIRRENIA jj ITALIA L LO Y D T R l ES T I N O A DR l'ATI CA GENOVA TRIESTE VENEZIA NAPOLI .__ __________ __;_ ______ ....;__ ____________ ..

PAGE 5

ROMA VIA UMBRIA. "StMPl pre-o\it:z.a a Con una p -versandosl annuo. dopo rnio \\'anno, L a anni \a \ue \ Q pre-o\it.t.a a Con una p ersandoSl unico, v volta tnlO 90 una L 33.217' d po v a tanto' oS ci et pagbet anni \a o O O O L. t ___ o_o _. ___ S. A. ASSICURAZIONI RIAS.SICURAZIONI CAPITALIZZAZIONI -CHE COSA E LA CAPITALIZZAZIONE? a realizzazione perfetta del risparmio: la formazione cio, al termine di un periodo pre tabilito, di un capitale pari al cumulo delle omme versate e dei relativi interessi composti n variabilit di un conveniente tasso di interesse (4 e 4 e mezzo per cento) per a la durata del contratto (fino a 25 anni) CARAITERISTICHE DELLA CAPITALIZZAZIONE P o lizze nominative e al portatore (trasmissibili senza alcuna formalit) APPLICAZIONI DI PARTICOLARE CONVENIENZA nvestimento di fondi spettanti a minori, ostituzione di dote, garanzia di nuda ropriet, ri costituzione di capitali ecc-'ISTITUTO N AZIONALE DELLE ASSICU AZIONI GARANTISCE INTEGRALMENTE P O L l Z Z E D E L L A P R A E V l D E N T l A

PAGE 6

In tutte le parti del mondo, attraverso una grande e perfetta organizzazione, giungono i prodotti petroliferi incessantemente perfezionati nei pi moderni laboratori e istituti di ricerche

PAGE 7

ANNO II -NUMEUO 15 5 GIUGNO 1939-XVH ESCE IL 5 E IL 20 01 4lt;NI MESE Il N N U M E H O S E P A H A T O l. l Il E J AIIIIOI'iAMENTO ANNUO LIIIE 211 AUBONAMF.NTO SEMESTI!ALE, 12 t: S 'l' E Il O l l. U tJ P l' l O Direttore: TE LESI O INT ERLA NDI Comitato di redazione: prof. dott. GUIDO LANJJRA prof. dott. LIDI O CIPRIANI -dott. LEONE }'RANZI dott. MARCELLO RICCI dott. LINO BUSINCO Segretario di redazione: GIORGIO ALMJRANTE SCIENZA.DOCUUENT!ZIONE POLEUIC! OUESTIONJ\810

PAGE 8

... -Antico germano. una affinit in t'atto di \i.,ione del !llllttdo c di atteggia;," i tlil ,:pintuale ia pi per la reale .. lidariet fra i popo;i,uno dei compiti pi importanti, prsso al \nculo di amicizia e di alleanza c h e connette Italia e Germania. certamente di approfondire il ::
PAGE 9

trta opposlzlone trascurando sistematicamente quel.che essa contiene, invece, di olimpico, di solare, di -luminoso e che precise documentazioni possono dimostrare costituir l'essenziale della civilt indoger manica in genere. Wagner e i wagneriani non han poca colpa, in ci. Ci limiteremo ad un solo esempio, tipico per simili defor mazioni romantiche. Si tradotto l'antico termine nordico ragna rokkr con crepuscolo degli Di :.. Ma esso significa piuttosto oscuramento del divino :. e non si tratta, qui, di una visione tragica :. del mondo, ma di un dato momento di uno sviluppo idico. E come altre tradizioni arie conoscono parimenti una (( et oscura:. (Kali-yuga) corrispondente al ragna-rokkr, cos anehe negli Edda, cio nella tradizione noroico-gennanica, si parla di un nuovo Sole :. e di una grande razza dopo il presunto 4: crepuscolo : viene descritto il ritorno degli Asen. !egli eroi divini:., sull'Idafeld e il ritrovamento di quell'oro -imbolico, il quale eff.ettivamente altro non significa che la lessa tradizione primordiale del radiante Asgard, della ioro patria o sede originaria fVoluspa, 57-59, Gylfaginning, 53). <,lui, come Jelle altre concezioni cicliche della storia proprie alle a11tiche tradizioni nostre. classiche, i'mmutabile e l'eterno do minano su ogni divenire su ogni contingenza o tragedia o oscuramento. Ci che, per contro, romantico nibelun gico tragico elementare <.selva e via dicendo ci tlOn tradizione, bens escogitazione poetica, rive ,f i mento e episodio, anche per la visione germanica del mondo. Da equivoci del genere sono tuttavia sorte spesso delle anti tesi artificiali, non di rado acutizzate da un preciso affetto anti :uman o. E si finisce con l'ascriverCI in proprio cose, con le quali ; \eri esponenti della romanit non hanno proprio nulla a che f are. Ci che qualcuno degli scrittori, cui qui alludiamo, ama onsiderare come romano noi lo caratterizzeremmo piutto to come levantino -t orderasratisch. N manca il caso in 'ui si chiami romano e c: latino quel che invece ha schietta talgia che, in tempi pi antichi, dal Sud si port verso il Nord. e. invero, presso ad una precisa con!>apevolezza della sua natura. \Jelle stesse tradizioni classiche pi tarde la confusa nozione del giorno artico senza notte port a localizzare nell'estremo ettentrione la regione della luce immutabile, spirituale, oppo ,fa a quella fisica, che conosce aurora e tramonto: in quella Antico romano regione si pens dunque che fosse la s ede di Kronos dormente, del Dio dell'et primordiale, latente e mai morto: l si localiz z la degli Iperborei che a sua volta corrisponde all' isola bianca o isola dello splendore-veta-dvipadegli indo-arii concepita, questa, come terra del Sole:. e localizzata parimenti ne) Nord: la sede del Dio solare Vishnu che per segno ha la croce uncinata. Nel periodo della cri51 dell'impero romano. del contrattacco finale e subdolo del Mediterraneo semitizzato contro :a Roma aria e aristocratica fra gli ste s si scrittori crist i ani ebbe a riaf facciarsi il tema dell'attesa di un dominatore che verr da una mistica regione del nord -ab extremis finibus plagae sempten trionis) -a ristabilire il regno della giustizia e della pace trionfale t cfr. p. es. Lattanzio, lnst. dit VII 16 3 ) L'analogia fra queste imagini confuse e quella della regione nordica sim bolica e sacra ben visibile; cos come parimenti chiaro che quell'imperatore atteso altro non che una nuova figurazione del motivo del signore universale ario -cakravarti -cui si riferiscono tante tradizioni e leggende dell'Oriente manico e del quale la stessa concezione ebraica del Messia altro non che un riflesso depotenziato e deformato. Classicismo dell'azione e del dominio. Diffidenza per ogni abbandono dell'anima. Volont di tra.sfigurazione eroica. Affer mazione di ci che ha potenza assoluta di cosmos di contro a caos, -di supervita di contro a mera vita, di forza pura e di visione in senso trascendente di contro al torbido. al promi scuo, all'istintivo. Solarit, forma, gerarchia. Limite. come segno di un infinito che domina s stesso tutto ci sta di l sia da Nord che da Sud, tutto ci a rio e romano : lo stile di ogni gran-de ciclo costruttivo, di ogni grande razza In un tale segno. possiamo marciare uniti, possiamo far rivivere valori e simboli primordiali in una nuova comune visione del mondo Il resto divagazione, retorica, episodio, giuoco da dilet tanti c da ktterati, da che non sono all'altezza di ques!i tempi duri, di queste ore deci.-ive. J. EVOLA 9

PAGE 10

G .ERMANIA E 1 r A L l A Italia e Germania hanno ritrovato il popolo. Ecco tutta la questione di razza L'amicizia della Germania ci ha por tato fortuna. I francesi solo sca rogna. Regno d'Italia Impero Germa. nico nacquero amici e naturali alleati: E non possiamo renderei conto di que sto destino, se non vediamo da chi e perch fu guastato. Il 27 maggio 1872, i nostri principi ebbero a Ber.Iino accoglienza d'alleati. Margherita tenne al fonte di battesimo la figlia del principe imperia le, Umberto fu fatto colonnello d'un reg gimento d'ussari, l'imperatore gli don la statua di Federico il Grande. L'esta te 1873, Guglielmo I and a trovare :Margherita di Savoia a Schwalbach, le disse che desiderava la visita del re d'Italia, non solo per il suo piacere, ma per l'avvenire dei due popoli e le due di na stie. Andato Umberto a raggiungere la consorte, il nostro ambasciatore gli disse che era questione d'av venire la vi sita del re d'Italia, e che l'imperatore anebbe tirato le conseguenze, se Vitto rio Emanuele non avesse accettato l'in vito. Il 16 settembre 1873, Vittorio Ema nuele and a Vienna, splendidamente ri cevuto da Francesco Giuseppe : dall'una c l'altra parte furono fatte pubbliche promesse d'amicizia, e sugellata la,_ pace. Il 22 dello stesso settembre, Vihor io Emanuele giunse a Berlino, c nei quattro giorni che vi rimase, Minghetti e Visconti Venosta parlarono con Bismark d'alleanza. Bismark era stato offeso dalIa pubblicazione allora avvenuta del li bro di Alfonso La Marmora sugli even ti del 1866; tuttavia dal giornale ufficia le fece pubblicare che anche senza stringere patto; Italia e Germania erano urii te, perch avevano nem1c1 comuni; e ai ministri italiani disse di tenere per fermo che l'amicizia dei due. paesi si sarebbe nel modo pi efficace fatta viva al bisogno; slcch gl'italiani sentirono di poter contare sulla Germania, in caso di attacco della Francia, che era stato seriamente minacCiato in qu<:gli anni. Il 5 aprile I875, Francesco Giuseppe venne a restituire la visita, c la restitu proprto a Venezia, suo antico dominio, che fu un atto di lealt. Come render possibile quell'llmicizia? Francesco Giu seppe disse a Vittorio. Emanuele che l'occasione di cedergli Trieste sarebbe IO Bimbi italiani.

PAGE 11

Bimbi tedeschi. dovuta venire da un ampliamento ( dl territorio austriaco. Nemmno Guglielmo I and a Roma. Bismark teneva conto dei suoi quindici milioni di cattolici, con tutto il ltulturkampf, e non poteva desiderare altro che ri-stabilire l'armonia religiosa, che fu infatti la prima conseguenza del ponti ficato di Leone XIII. Per riguardo a Pio IX, Guglielmo I restitu la visita a Milano, il 18 ottobre 1875, e fra l'altro, l'effetto fu che le legazioni di Berlino e di Roma furono elevate ad ambasciata. La stampa inglese comment che I'Itlia ormai procedeva di pari passo con le grandi potenze. In quell'anno, la Bosnia e l'Erzegovina s 'erano ribellate alla Tun:hia, l'anno ap presso si ribell la Bulgaria e furono messe dai turchi a sacco e fuoco. II 24 aprile I87i, la Russia con l'alleanza del Ia Romania, -mosse guerra alla Turchia; mentre nell'ottobre dello stesso anno do vevano avvenire le e l ezioni generali in Francia, dalle quali se avesse vinto il partito monarchico, l'Italia doveva aspettarsi la guerra. Crispi era presidente della Camera, e ritenendo perniciosa l'iner zia del GoYCrno, r i usc ad ottenere la missione di recarsi a trattare con i go Yemi delle quattro maggiori potenze. Si proponeva di ottenere l'alleanza della Germania, per pa rare un attacco della Francia; e di mettere d'accordo Germania e Inghilterra riguardo alle terre ita liane che l'Austria avrebbe dovuto ce derci, nell'annettersi la Bosnia c l 'Erzegovina. Diciamo subito che a Londra, Parigi c Vlenna, la M issione di Crispi non eb. be esito, salvo forse l'imprudenza ch'e gli fece, di dire a Gambetta che si pro poneva di trattare l'aJleanza con Bismark; ma non senza risultato fu la trattativa con Bismark, che egli and a tro-_ vare il q settembre 1877 Bismark accett la proposta d'una al leanza difensiva ed offensiva, in caso di aggressione della Francia, e d'intraprenderne trattativa ufficiale. Quanto al l annessione austriaca della Bosnia ed Erzegovina, a cui era favorevole, con sigli Crispi di non irrigidirsi su quella. che l'Austria non considerava ragione di cessione, ma nemmeno vantaggio; tantoppi che la guerra continuava ed altro accadere. E di punto in bianco, disse: Perch non pensare al l' Albania? Quanto m e no, sarebbe un pe gno nelle ostre mani Af che Crispi oppose essere l'Italia contraria alla spartizione della Turchia europea e preferire la costituzione d'autonomie, secondo il principio di nazionalit, e avere se mai altre mi.re pacif i che . Rmase dunque fermo solo questo, che l'unione dell'Italia COil la Germania era sempre pi stretta ; ed infatti, al pranzo che a Crispi iu offert o da De Beri ningsn presidente della Camera prussiana, questi parl appunto di tale u nione. 11

PAGE 12

Madre italiana. 12 Senonh in Francia vinse e si consolid la repubbliCa.. Gl'italiani che non erano vissuti e non s'erano alimootati di altra lotta che quella, intendiamo gl'italiani he ora ave vano in mano l'Italia, i quarantottisti, quelli della rivolu zione parlamentare del 1876; fecero della vittoria della re pubblica francese festa nazionale. La celebrarono in t utta Italia, e con principale solennit a Roma, a Milano, Napoli, Genova Torino, perch il ponte della repubblica, com'era stata chiamata ta rivoluzione parlamentare, doveva servire a ppunto a farci passare la repubblica francese. Che cosa a ve vano fatto questi ponticri fin dal 1870? Avevano schiaffeggiato i preti che portavano -il sacramen to ai moribondi, impedito processioni e cerimonie religio s e, gridato morte a Dio, e non trascurata nessuna di quel le prodezze, che Fouch aveva fatto a Tolone, dopo quel le avvenute a Parigi. Non avevano trascurato occasione di promuovere la costituen t e repubb licana c d i dare questo contenuto anche alla legge elettorale. E che cosa avevano fatto, dopo aver costituito il ponte del 1876? Quelli che a vevano giurato da ministr i del re avevano lasciato agli a ltri il compito di portare a termine la dis t ruzione della Chiesa c della monarchia impedendo alla Chiesa fin le manifestazioni del culto, ma permettendo ai pontierile ma nifestazioni dell'Internazionale e di tutte le sue leghe dt guerra a Dio c al re; e pur non impedendo al re di esi stere per lasciando ai pontieri di insultarlo e proclamar e in piazza e al parlamento la repubblica, e far provvista di p ugnali c bombe. La vittoria d i Gambetta faceva dunque apparire in Ita lia l'attesa aurora della repubblica francese Il 3 novembre di quel vittorioso 1877, furono trasport ate a Campo Verano l e salme dei Consacchi c Facciotti, con cerimonia atea, e con berretto frigio, posto sul feretro. Un agente di polizia credette suo dovere di toglierlo. E l'oratore della cerimonia si domand: quale paura far questo berretto francese, quando sar in testa ai vivi, jnvecc che sulla bara dei morti? Ai primi del 1878, Leone Gambetta venne in Italia a ristorare le forze c a respirare l'aria della sua vittoria. L e tappe del suo viaggio fino a Roma furono .quelle del vin citore. Egli inaugur il ponte e seppe farlo percorrere fin dai monarchid, e convincerli ch'era un ottimo ponte, quell o che conduceva l'Italia alla repubblica francese. Fu pers ino ricevuto dal re. n 30 maggio 1878, si compiva il centenario della mort e di Voltaire, c la Camera, il Senato, i;l municipio di Roma non poteva.no naturalmente fare a meno di unirsi a ce lehrarlo, cominciando con un telegramma alla capitale delk celebrazione volterriane, diretto a Vietar Hugo. Non " d i co i manifesti. II giornale L Opinione scrisse che biso gnava fare guerra alla religione, -come alla proccdora pe nale, non solo tutti i giorni, ma tutte le ore. E lasciam(! il teatro Argentina, il banchetto in Prati di Castell o L a sciamo stare chi ci partecip. Il succo della celebrazior.. fu: reclamare l'abolizione delle Guarentigie, Trento Trieste, la fine della monarchia. Erano intanto cominciate l e operazione del -comizio re pubblicano e il 30 ddlo stesso maggio, a porta San Pan crazio fu commemorata la vittoria garibaldina, con b bandiera rossa sormontata dal berretto frigio. Matteo Imh r iani diss e che ora bisogn ava agire per liberare Trent l c Trieste c la cerimonia termin col viva la repubblica Il giorno appresso il comizio prese in esame i mezzi p er fare la repubblica e intanto insult la casa del re, pre. sente la p o lizia. G iovanni Nicoter a chiese a l governo s e f o sse lecito che una fazione fosse lasciata libera di abhat tcrc la monarchia. Cairoli e Zanardelli risposero press"; p o co che l a devozion e alla monarchia non do vcva' limi t arl' la lih e r t di quell i che la volevano abbatt ere Rispo s ero suhito a lor volta i repubblicani di Milano, reclamando );, guerra all'Austria, per Trento e Trieste. Quelli di Rimini impedendo che il consiglio comunale avesse dedi-cato un;; lapide a lla memoria di Vittorio Emanuele, dicendo qut'J che non poteva essere violata la libert delle deli berazioni municipali. Quelli di Albano, rinnovando gl'in sulti al re, al papa, alla Chiesa. Ecc Il 13 luglio 1878, fu concluso il trattato di Berlino, c o u

PAGE 13

cm termin la guerra fra Russia e Turchia. II governo italiano vi partedp senza nemmeno porre il problema della sua espansione, e neppure la questione ch'esso aveva ;,bbandonato alla piazza, quella di Trento e Trieste, tanto abbandonato alla piazza, cht: durante le trattative di Ber lino, s'erano costituiti in Italia comitati per la liberazione delle provincie soggette all'Austria, e avevano fatto mani icstazioni tali, che l'Austria rafforz la sua difesa, e chiese spiegazione al governo italiano, -che naturalmente le si profess amico, disapprovando quelle agitazioni. Ma i co !llitati fecero proclami d'arruolamento, invitarono quelli di Trento e Trieste a sollevarsi e attendere soccorso. II fu assaltato il consolato austriaco di Venezia, i vetri a sassate, gettato lo stemma in un canale. In tutte le citt avvennero nei mesi di luglip e agosto agita ;ioni che alla rivendicazione d\ Trento e Trieste univano l'aholizione della monarchia e della Chiesa. E Zanardelli liccva che non fosse lecito impedirle. bisogna dimenticare gl'insulti ch'erano in questi .nni stati fatti all'es-ercito e persino a soldati, rei nien :tltro che d'essere stati chiamati a servire; e l'opera per ;;,grcgare c far cadere in derisione la disciplina delle nni; c che s'erano andati moltiplicando i circoli intitotli a Pietro Barsanti, un caporale condannato a morte l '70, per delitto militare, e diventato simbolo della ri,, Il ione, c quindi del tradimento militare, a cui s'intendeva -,;ucfarc l'esercito. Il generale Bruzzo, ministro della 1erra, chiese lo scioglimento dci circoli Barsanti; ma rduta ogni speranza che Cairoli e Zanardclli prendesro qutl provvedimento, dovette dimettersi dall'ufficio di :uistro, e cos fece pure il ministro della marina. Il 17 1878, avvenne a Napoli l'attentato. di ,ovanni P.assanante. La sera del 18 novembre, tra la folla in Firenze si rallegrava dello sCJ,mpato pericolo del una bomba fu gettata, e fece una discreta strage. n novembre, un'altra bomba fu gettata a Pisa, mentre cittadinanza festeggiava il natalizio della regina. Natu!mcnte non manc l'istituzione di un'associazione repub ::an a intitolata Passanante e N ichilismo. Del resto, i si chiamavano Ateo, Lucifero, ecc. Il 21 aprile 1879 si riun a Roma l'assemblea repubblina, c si occup tra l'altro del modo di armare la nane, per togliere all'Austria le provincie italiane. Segui-:w nell'Italia centrale agitazioni di guerra all'Austria, -rantc le quali Umberto I fu paragonato a Caligola. La 'lcrazione repubblicana di Napoli band la costituente. E parlava d'uno sbarco d'agitatori alle rive italiane del \ustria, per sollevarne il popolo. L'Austria chiese al go rno italiano se gli sembrava leale dichiararsi suo ami!Co 1 consentire quella sollevazione. E permise al colonnello .-.ymcrle la pubblicazione d'un opuscolo, col quale questi .e l'esame e il paragone delle forze dell'Italia e dell' Auia, espose le difficolt dell'impresa di conquistare Trento !'rieste, l'impreparazione ed insufficienza delle forze ita-1. :te. Sicch l'Austria rispose non alla minaccia di una '' :nrrczione, ma d'una guerra militare. :1 7 settembre, Bismark in persona si rec a Vienna, :ninse Andrassy a firmare alleanza dell'Austria con la 1 - rmania. Chi pi: degli altri aspettava a Berlino il ritorno di Bi'':l;uk da Vienna? De Vallier, l'ambasciatore francese. h c ne pensate d'una guerra fra l'Italia e l'Austria? -chi<'se a Bismark. La Gerntania rispose que:oti -a. ;ebbe offeso la sua alleata, se le avesse offerto di conc": rere a difenderla da un attacco dell'Italia. l le Vallier potette fregarsi le mani. L'Italia era sola. Era stata staccata dalla Germania, cd era s1 \1, fra \,:,;rria c Francia, nemiche. .. -h i le aveva reso questo servigio? Il suo governo, i suoi rePubblicani; o l'intelligenza francese? La Francia, che l'anno precedente aveva respinto il tratta'" di commercio stipulato con l'Italia, rese di pubblica ragione l'insolenza con la quale aveva impedito c_he l'Italia avesse partccg>ato all'amministrazione del di Egitto, al quale Antonio Scialoja aveva dato opera, che "Rili uomo d'onore avrebbe dovuto dichiarare illustre. 13

PAGE 14

Gi'italiani continuarono a fare la re pubblica francese contro l'Austria. Il console francese di Tunisi si oppo se che venisse d:>ncesso a Il'Italia Un ca vo fra Tunisi e ]a Sicilia. Il nostro governo decise di acquistare la ferrovia Tunisi-Goletta, e la compagnia francese glie la tolse, pagando un prezzo mag giore. Il nostro governo ottenne l'annul lamento della vendita e poi non sostenne la compagnia Ruhattino nell'acquisto, la quale ad altissimo prezzo consegu l'ag giudicazione della ferrovia, il 7 luglio 1880. Il 5 aprile 188r, Cairoli fece domandare al governo francese, se era vero che il suo esercito avesse varcato il confine algerino, per conquistar Tunisi Quel governo rispose che la sua azionl era limitata alla difesa della frontiera algerina da un'incursione della trib dci Krumiri. Il 9 maggio, quando Cairoli a veva comunicato quella risposta alla Camera, sicch Zanardelli concluse che era meg.Jio occuparsi della riforma elettorale e del corso forzoso; la Francia fece pubblicare dall'agenzia Havas di non aver preso impegno alcuno c d'avere coml sempre intera la sua libert d'azione. Oc cup Biserta, Tunisi. il Bardo, e ne di venne padrona, sottomettendo il Bey, i l 12 maggio 188r. Bastano questi pochi fatti per vcdn, che il servizio dell'i-ntelligenza franccs.: ci ridusse un limone spremuto. Potc\'
PAGE 15

i s eguaci di Gambetta dovevano fare . di noi un pagliaccio, per gettarci in bra-ccio a lla Triplice. La l'Italia? Ecco come ve .l'abbiamo ridotta, prentletela, se i piace: poteva ora dire .)a Francia.E run tutta la Triplice, non cessammo dr l'' ntinuare a fare la repubblica francese. <, l che la Germania fece l aggiqrna u w n to marxista, mise l'Europa in d iak t ti ca economiea e filologica. Figurate-' i i nostri filo fili della classe dirigente, ,, tric si chiamava il pop()lo sCimmia. 1 ra ncofili. Germanofili. E italiani? Dovevamo avere intero il nostro territ .. rio riunirei alla gente del nostro sanpc rimasta sotto l'Austria. Questo cor; Ilario del nostro territorio era lo scol'" della nostra esistenza, era il nostro ; t ema di potenza, o era invece un sa r : ;,mento della nostra pura c semplice -tst cnza nazionale? E allora quale po':" doveva avere, come doveva e ssere tnprcso dal nostro sistema di potenza? I l primo iodizio di una intuizione del 1.. nostra potenza appare verso la guerr ; libica. Ma al tempo del trattato di l ndra svan anche l'indizio E il co ; l a rio del riostro territorio dive nne in .:c lo scopo, divenne tutto l'oggetto j. ila nostra politica estera, ci>me al temI' di Gambetta, con la differenza che ;, : ra la politica estera la facevano i r
PAGE 16

Organiuazioni giovanili italiane. .. _--.. .,. porzione da v\Tilson. Che Era in pericolo il sistema di potenza .fran cese, ed ha vinto. Non ne fate parte an che voi; non vi siete battuti per' questo? Ma non s'illuda nemmeno la Germania d'aver combattuto per la Ge11111ania: che i cacciatori del Kaiser che venhano diritti all'assalto delle trincee italiane i11 terra straniera, abbiano combattuto una guerra germanica. -La _sua sconfitta e la nostra vittoria sono state la stessa tragedia. considera,a i francesi una specie di tedeschi di secondo grado, un popolo assimilato, soggetto al principio dccadente della sua formazione; perche non ha sviluppato, ma ripiegato la for za nazionale, nella riflessione d'un'altra lingua, di un'immaginazione non germa. niea. Ma la Germania che dice Ficht<: soltanto la poesia poteva farla, alla sua forza interiore soltanto l'immaginazione .poteYa dar corpo; la riflessione .farne soltanto materia di assimilazione, cultura, societ, classi; materia d'un'altra razza di secondo grado. che l'oggetto della politica tutta politica, della politica di civilizzazione. La filosofia tedesca appunto mise a tacere Goethe, fece tramontare quell'astro : germanico, ne prese il posto con la sua 'luna di cemento ar mato. Ed estrasse la radice luterana di Cartesio, costru il sistema della rivolu zione. Hegel mise l'Europa in dialettica. cio nel modo al tempo stesso d'essen e pensare, che il movimento, e il .nocciolo della rivoluzione francese; e allarg le strade dell'Italia e della .Fran cia, per )e quali il mOVimentO rotolaYa allo stato giacobino. Fece del movimento la legge; della rivoluzione : costru i! bacino d'affluenza in quella appunt" Germania di secondo grado di' cui parlava Fichte. La Germania ebbe sem:. di quest'opera, d lavor, fu la pii' esperta operaia della rivoluzione frai' cese. Perch dunque doveva vincere b guerra? Combatterla? Quello fu pure il tempo del suo mag giore distacco da Roma, nel senso ck disse Mommsen, mancare Roma cio di genio poetico. Io non so se Lutero albia fatto la grandezza germanica o nor. l'abbia invece ristretta. Quale opera pi,: grande di quella fondata da Carlo M<' gno? Ma questa grandezza signifiea Gc; mania e Roma. Queste sono pure le pi'' grandi forze del mondo, i due soli g e u di tutte le altre, di tutti i popoli. C' voluto cos immane errore, perch: si ritrovassero. Perch ritrovassero '' stesse. Cercassero disperatamente il l<.> ro essere. Dove lo potevano ritrovare ? Dove la nazione non era stata cont;,. minata da riflessione di classe, da sck rosi di ceti dirigenti e accodati, s; nilit dialettica di .carriera e salan, (J;; egoismo di da farisei e. dr satori di vita altrui. Dove la nazwm era potuta restare. pi a contatto del L natura,, della terra: popolo insomm: . Italia e Germania hanno ritrovato il pv{>olo. Ecco tutta .Ja questione di razz; E hanno ritrovato il solo reggimento ca pace di fare del popolo il suo onore: l:i monarchia. Il popolo e un capo. Se cn-

PAGE 17

tri in Ima mescita bolscc\xa, senti il ragazzo chiamar capo il caffettiere, quest chiamar capo il distributore, ecc. L Gambetta che aneora lavora. In" yecc il monarca la sola garanzia che il popolo resti popolo. Il popolo e un capo. l\-Iussoli11i' ci ha riaddestrati alla monarchia, ce ne ha fatto fare Ja respi razione intensa, _la ginnastica della ri gencrazione. Un sol capo dunq1,1e, ..: il popolo, perch la forza interiore d'una nazione soltanto il popolo la tira fuori, .::.m la parola e l'immaginazione, dato che il popolo naturaie, le classi riflet tono, il popolo inventa, le classi pensano. T'immagini una nazione pensata? La Francia. Ma l'Italia la fece Dante. Con che cosa? Con il volgare. Noi dobbiamo rifare il nostro volgare. se non ci vog-liamo sbagliare dobbiamo guardare do ' c il paradiso perduto del nostro defunto, speriamo, popolo scimmia, pieno (l'alti fusti. Consideriamo la classe dei conscrYatori inglesi, separandola dalla dialettica di cui fa parte. Guardiamone; come dicono i filosofi, il suo momento : l'egoismo dei patrimoni e la crudelt. Se voi non conoscete l'anno 1826 dell!im pcro brittannico, non sapete a quale de gradazione fisica c fosse stato capace di ridurre il popolo la crudelt dci patrimoni inglesi. Non dnque egoi smo, ma distruzione del popolo, e quello inglese dev'essere davvero vitale, se riesce ancora a stare in dialettica, col polo opposto : se l'impero inglese non iinito. E i bolscevichi che altro fanno? Credete che la questione sia tra patrimonio privato capitale di stato? Marx pi intelligente di voialtri. Privato o pubblico, si tratta di dosare la vita degli altri: questa oscura libidine del colpo fatto da Lenin sulla Russia: questo il contatore bolscevico messo al popolo russo, come il contatore di Quintino Sella alle mac)ne della povera gente italia na; questa oscura libidine dei gamhet-t i ani della tari ifa doganale del 1886 : gli occupatori del !'egno d'Italia: il re:;no c una banca : che passione La stes a libidine inglese. Perci credo che l'In :dlilterra finir con la Sar fa cile. I conservatori hanno tutta la gam:na sotto gli occhi . Basta che arrivino ;t considerare le unioni opraie, e la dialettica li port_er. E cos dev essere, di ;ersamente sar la confusione. I pluto crati, come con orribile termine giusta' ncnte sono chiamati, da una parte; noi dall'altra. Quello che impedisce di con!'onderi il popolo. E' che per Germania c Italia lo scopo non sono le classi, n il commerCio; ma il Iiopolo. Il pOpolo la nostra politka interna, il popolo l'estera, il popolo la guerra . Il popolo ;l nostro animo. Non crederete che la politica sia tutta poli,tka, e la guerra soIn cannoni. Se foss.e cos, la Germania avrebbe polverizzato Francia, nel '14. E' una questione di animo. Si tratta di capire perch l'animo della vittoria ora il popolo. Si tratta di non esitare Sll QUestO puntO, ma di' andare a tutte le conseguenze. E vinceremo. MASSIMO LELJ r : Orgamzzazioni giovanlli tedesche.

PAGE 18

. E T .N l c l E TE-DE--SCH I Come altre. volte si detto raz:Ze pure: in senso assoluto, in Europa non esistono pi; sono rim asti per gli elementi primitivi che in vario modo combinati e in \'aria misura singolarmente accentuati o attenuati, formano i tipi : degli individui dei rispettivi popoli. I termini e i caratteri di questa \ariet di tipi vengono precisati sulla scorta delle misure antropometriche ch e :, tano dalla somma degli elementi analitici, quali l'indice c;efalico, la statura, il colorito, nonch la forma e il colore deg-li occhi e dci capelli. _Ma questa conce.zione di razza, strettamente antropologica, avrebbe per noi un significato molto povero se non riuscissimo a trarla fuori dalla pura scienza per farne uno studio d'interesse comune, e ci possibile se accan to alle qualit fisiche poniamo anche le psichiche in modo cos da poter mettere insieme gruppi etnici non simili solamente per tradizionale origi1,1e comune, ma veramente esistenti in n,;tura e legati oltre che da morfo"Iogich anche da identica psiche, cultura, lingua; civilt ecc. Lt genesi dei diversi gruppi umani quanto ,.i pu essere di pi ipott'tico; le teorie e le supposizioni sono all'ordibe del giorno ed esse ci allontanano anzich accostarci alht realti: popolazioni geografic:m1ente vicine possono essere antropoligicamente simili e psicologicamente diversissime; viceversa risultato che gruppi etriici fisicamente dissimili presentano invece affinit glottologiche, psichiche, ecc.; per cui io credo che si possa parlare di vera affinit solamente quando i due elementi, non all:i Juce della storia ma alla luce della realt, s'intrecciano c si sussidiano a vicenda. Perci nel trattare della popolazione italiana c di quella tedesca io far riferimento che :ai caratteri antropolo gici anche a quelli psichici, in rilievo, per quanto possibile, le affinit che .esse pre.scntano. La parola razza inoltre mi sembra poco idonea all'esposizione in quanto essa presuppone la presenza di caratteri tali di differenziazione da noh .lasciare dubbi di sorta, come abbiamo gi detto principio, le conservano solo elementi primitivi. he variamente combinati hanno dato origine alle popolazioni attuali. Parler di ''ariet sembrandomi questo termine pi adatto alla,_ cir costanza. L'indi.ce priricipll:le differenza di razza fatto nor malmente risiedere nell forma del cranio in quanto essa

PAGE 19

, si mantiene la di generazione in generazione e attra verso il pi lungo periodo di secoli ; e mentre alcuni carat teri somatici, cme il colore degli occhi, dei capelli, della pelle eec., possono mutarsi per l'azione dell'ambiente come; per ibridismo, nella forma del cranio ci non si verifica e per quanto un cranio possa mostrare mutazioni e trasforma. zioni esiste sempre, in fondo a tali mut-azioni, un carattere proprio della stirpe Nei tempi pi remoti stirpe dal cranio lungo ed ele. gante e di fmma ovoidale, si stabil nel bacino del terroeo ed in tutta ritalia; non molto pi tardi Soprag giunsero dall'Oriente altre popolazioni dal tipo fisico del tutto differente dalle precdenti : erani tozzi e corti e di forma sferoidale. Anche queste genti invasero l'Europa ma si sparpagliarono in ogni direzione. Come in Italia si stabilirono prevalentemente i primi i secondi invece occuparono principalmente l'Europa del Nord, dando origine cos a quella variet etnica che dai Deniker prese il nome di Nordica L'indice cefalico ci permette di rintracciare facilmente le forme del cranio in infatti, sapendo che gli alti indici cefalici (brachicefali) corrispondono all forme nordiche del cranio, in quanto indicano crani grossi e di forma sferica, mentre i bassi indici cefalici (dolicocefali) corrispondono alle forme meridionali del cranio, in quanto indicano crani eleganti e di forma elissoidale, possiamo senz'altro stabilirc in Italia ed in Germania, in base a queste due prm cipali forme del cranio, i gruppi etnici corrispondenti. Premesso che le forme brachicefale come le dolicocefale non sono esclusivamente in una determinata plaga geografica, ma che molto esse s'intrecciano in varia misura, possiano le seguenti distinzioru razziali : Variet dolicocefali : Bionda Nordica (prevale nella del nord). Bruna Mediterranea (prevale nell'Italia del V ari et b;chicefaie: Dinarica (prevale nella Gerrruini del sud e nell'ftali:;. del nord-est). Alpina (prevale nell..a Germania del e nell'Itlia del QOrd). . .. "La variet nordica si riScontra principalmente Qel_ nord ovest della Germania, ma il territ(>rio di estenSione 3b, braccia anche la Svezia, la Danimarca e l'Islanda per cui possiamo dire che il tipo nordico l'elemento razziale spe cificatamente europeo che occupa la zona territorialmente pi estesa. _La sua principale caratteristica la povert di pigmento sia nella pelle che e nei ed ritenuta l'unico rzziale a pigmentazione chiara. Il tipo nordico caratterizzato da alta stnira, corpo slancljltO, pelle bianco rosea, capelli ondulati biondo-cinerei, oCchi : azzurri L. variet mediterranea la Scura 'ael colorito delle razze europee; di statUra piuttosto bassa e di gracile complessione, ha capelli ed.. ondulati, occhi . bruni, naso affilato e cranio stretto. In es5a il dimorfismo sessuale molto accentuato essendo la doruia pi gracile e minuta che non sia nei nordici. Essa occupa la Spagna, la parte meridionale della Francia, l'Italia 'meridionale ed insu Jare . La prsenu della variet mediterranea si risecintra anche : in Germania ed dta dlla "PermanenZa in quelle localit antiche colonie romane. 19

PAGE 20

Ragazza italiana. 20 La variet dinarica ha una caratteristica sua propria : un naso grande e rilevato; il naso pi pronunciato di tutta l'umanit e generalmente uncinato. Nel complesso un tipo rude e robusto; di statura assai elevata ha un colorito della pelle che varia andando dal nord al sud. Il territorio princi. pale dei dinarici la penisola balcanica; verso occidente va fino alle AJpi orientali, al fino all'Ucraina e fino alla Slesia. Questa estensione per interrotta da una zona a squadra al nord del Danubio, corrispondente ai territori dell' Austria e dell'Ungheria propriamente detti, occupata dalla razza alpina. La variet alpina di statura bassa e di costituzione mi. nuta; il colore degli occhi d sul grigio chiaro, quello della pelle chiaro anch'esso, mentre il colore dei capelli scuro senza per essere nero. La zona di distribuzione di questa variet il massiccio delle Alpi, la Germania meridionale-oc. cidentale, 'la parte centrale della Francia, ed occupa anche quella zona di cui sopra abbiamo fatto accenno, a Nord del Danubio. L'Etnografia delle Alpi quanto mai interessante, la variet alpina che ivi s'incontra mostra una relativa uniformit dovuta alla gr:mde influenza della topografia sulla conservazione dell'individualit etnica. La razza alpina dovette essere in origine piuttosto scura, ma quando in un tempo relativamente trib teutoniche, fra le quali Burgundi ed Helveti, penetrarono nelle valli del Reno e dell' Aar, la razza alpina fu sopraffatta da ondate di carat. teri brachicefalici e di colorito chiaro, per cui mentre una parte di essa veniva assimilata dagli invasori, .un'altra ve. niva invece sospinta verso ilsud-est ed il sud-ovest per costituire pi tardi l'elemento alpino del versante italiano. L'elemento sopraggiunto si stabiliva invece nel sud della Germania. La variet alpina e quella Dinarica sono le variet etniche comuni tanto all'Italia quanto alla-Germania, infatti nell'Alto A.dige e nella parte occidentale del Tirolo abbonda la brachicefalia dovuta alla variet la quale tuttavia diminuisce gradualmente via via che si scende dalla zona del tipo alpino verso il dominio padano; i vi, nella valle del Po si fonde con un tipo secondario detto sub-adriatico e compreso fra i due tipi: predominanti dinarico ad oriente c: cevennolo ad occidente. Questo tipo ha per caratteri una attc:nuata brachicefalia, statura inferiore alla dinarica e coloritu pi chiaro. Lo stesso fenomeno riscontrato per il versante tirolese scendendo verso il dominio germanico. ., La variet dinarica italiana distesa nelle terre che ci r. condano il golfo adriatico che per noi risale lungo la Dalmazia, l'Istria e la regione veneta e, passando a sud del Po, fL, l'Appennino e il mare. In Germania, come abbiamo detto. la variet dinarica va, verso occidente, fino alle Alpi orientali per spingesi a nord-est fino all'Ucraina ed alla Slesia; perci non occupa tutta la Germania del sud in quanto l' Au stria prevalentemente occupata dalla variet alpina. Pl::r il fatto che nell'Italia settentrionale (Piemonte; Lombardia, Veneto, Romagna) l'indice-rapporto del cranio cheprincipalmente si riscontra il brachicefalo, dobbiamo neces. sariamente ammettere in queste regioni un'influenza nordica. questi popoli sono perci antropologicamente, fratelli dei tedeschi, degli slavi e dei celti. Ma non soltanto perch gli alti indici cefalici corrispondano alle forme nordiche del era . n io che noi possiamo fare tale affermazione; il colore biondo dei capelli accompagnato dagli occhi celesti, principalmente

PAGE 21

nei veneti, un'altra prova schiacciante. Gli attuali medi. terraqei dell'Italia del sud, invece, per la persistente dolico. cefalia che si riscontra, rappresentano una variet tipicamente italiana avendo mantenuto una singolare purezza di razza. Se si ammessa una realt morfologica delle razze diverse bisogna necessariamente ammettere anche una singolarit psichica di ogni razza. Ed il fatto che popolazioni italiane presentino caratteri antropologici simili a quelli di alcune variet germaniche non ci dice che esista anche una iden tit psichica; per questo ho preferito parlare di variet e non di razza perch ammettendo l'una avrei implicitamente ammesso anche l'altra, mentre universalmente riconosCiuto che se il complesso psichico italiano procede parallelamente al tedesco anche vero che le tendenze dei due popoli presentano caratteri ben diversi, dovuti soprattutto alle influenze climatiche, come ce lo mostrano gli usi e costumi cos varianti da regione a region_e. Il carattere del tedesco troppo noto per essere ulterior. mente illustrato; i brachicefali nordici, diceva Galtou, sono masse disciplinate che non si agitano vanamente dietro mille idee ed aspirazioni, essi si piegano bens al buon senso della vita pratica: amano i fatti, gli atti, i calcoli; i meridionali invece sono mobilissimi nelle idee, impulsivi ed amanti delle ribellioni, proclivl a decidere a colpi di testa gli avvenimenti anche pi importanti. I nordici invece percb mancano di questa grande eccitabilit posseggono i caratteri psicologici che s'imperniano sulla freddezza e sulla lentezza, cio ca. ratteri del tutto opposti a quelli del mediterraneo. Non mai distratti da banali emozioni hanno i nordici spiccatissimo il stnso pratico della vita non mai scosso dagli uragani psico. logici di una fervida immaginazione. Al contrario del meri dionale il nordico non ha un'intelligenza cos rapida e agile e la mancanza della prontezza nel concepire e nel compren. dcre supplita da una dote opposta, dalla tenacia, cio, di sviscerare l' obbietto applicandovisi con tenacissima forza di volont. L'influenza del fattore antropologico sullo svolgimento della vita sociale spesso combattuta, mentre invece da con. siderarsi il substrato materiale della vita sociale. Come spie. garsi ad esempio la vi!a tumultuosa di molte repubbliche dell' del Sud senza ricorrere all'interpretazione an. tropologica, vale a dire cio all'incrocio dei billfl;chi con razze di colore inferiori che ha creato nelle popolazioni di quelle repubbliche una psicologia collettiva ove domina la psico. logia inferiore ed impulsiva dell'uomo di colore? Per cui la diversa eccitabilit delle due variet, unita ai caratteri psi. cologici che su di essa si imperniano possono giustificarci la diversit di vita sociale presso gli uni e presso gli altri, solamente va tenuto presente che il prevalere di determinati caratteri antropologici negli italiani e nei tedeschi noi?-conduce mai a tendenze estreme ma dal punto di vista psichico si tratta invece di una maggiore inclinazione ai moti senti. mentali negli uni, mentre negli altri prevalgono i calcoli raziocinanti. Si sa bene per che se antropologicamene italiani e te. deschi sono diversi, pur tuttavia nella loro cosienza es5i sono e da questa coscienza, dove vivissimo il sen. timento di scaturisce la comunanza delle idee e delle aspirazioni che, attraverso gli avvenimenti storici e sociali, lega i destini futuri dei due popoli. EDMONDO VERCELLESI l> .. p,. } i .-Ragazza tedesca. 21

PAGE 22

Atleti italiani. ITALIANI E TEDESCHI TIPI E SOTTOTIPI ETNICI Oggi pi che mai giusticato domandarsi perch i popoli Italiani e Tedeschi siano visibilmente destinati a creare e forgiare l'avvenire dell'Europa. Quest'indagine si orienter principalmente ver:Jo la base essenziale di ogni capacit innata, la zazza. Quando"intorno al 2500 a C. i popoli ariani si divisero in varie parti ben distinte, essi dimostrarono malgrado la diversit dell'ambiente, le loro comunanze linguistiche, razziali, sociologichc, culturali ed 'etniche. La famiglia dei popoli di Kentum, composta dagli Italici e Germani, dagli Elleni e Celti-arcaici, ha czvuto nella storia dei. compiti \altissimi da risolvere. Questi grandi compiti valgono pi che mai anche ogg,i c ie nostre Nazioni sono degnamente preparate ad assumersi qucsw millenarie responsabilit. n gloricso passato ha disegnalo pure l'aspetto estetico delle razze le quali rispecchiano in tutte le !ero sembianze le sorti della loro singola Patria. Anzitutto colpisce ia grande rassomiglianza dei volti tra Ita liani e Germani e questo p::rrticolarrnenle nei ceti superiori e dirigenti. Seppure qualche volta non pu. essere trovata une essenziale diversit fisica, vi per certamente; in ciascuna delle due razze, una menialit del tutto tipica, e particolarmente:

PAGE 23

propria, frutto di un. diverso processo di e cqntrosele zione, e di C:dtri orientamenti spirituali e culturali. l conce1ti : dell'onore, della libert, della morale, il senso tico, quello musicale e quello del colore, Italiani e Tedeschi li hcinno sempre, malgrado la loro Universalit, la fisionomia della forma specifica deve C!llChe essere protetta e custodita unci vera espressione della propria psiche razziale. Come pure le sottili diversit dei tipi di una stessa razza meri tano le attenzioni pi accurat. e dlirote, le diversit tra i grandi complessi della Razza ltaliana.e. di q4ella, Germanica sono altrettanti motivi per creare un diiu:xinismo fruttuosissimo. Per dare una certa guida per vedere c riconoscere le piu diffuse variet ti:Pologiche nella razza Italiana e quella Germanica, citiamo un tipo che apj:xxrisce sempre assai longilineo, di ::l.lta statura, tendente verso il colorito chiaro col volto classico. Oltre a questo, che diffuso in Italia ed in Germania in ugual modo, vi una variet delle medesime. forme antropologiche, .ma di pi piccola statura, e tendente. verso un colorito scuro. Questi tipi prevalgono nelle provincie del sud, sia in Italia che in Germania. A parte queste due variet tipologic_he, vi sono in. Germani a i Dinarici:. ed in Italia gli c Adriatici > pure essi di alta statura col naso aquilino, i quali dimostrarono nella storia dei due pepoli una particolare inclinazione 'verso le arti. Nelle statue imponenti dei Patrizi della Roma repubblicana c nei Condottieri medioevali e moderni troviamo eternata la pesante e quadrata immagine del ti:Po megalitico >, forse la pi espressiva fohna della razza italiana, in questa veste classicamente romana, come pure conosciamo quegli uomini rigidi nelle provincie della Westlalia e della Frisia. Vi sono ancora altre variet razziali, tra le quali ad esempio i bracoidi bassi, ugualmente diffusi in ambedue i paesi. Agli effetti del nostro confronto, che dovrebbe far conoscere meglio le due Naiioni alleate, basta la fiera constatazione. che !l' nostre razze possono essere considerate le pi antiche ed :mch e le pi nobili tra i popoli bianchi, e che possiamo guardare fiduciosamente verso i destini che ci metteranno alla prova nostra innata supremazia. G. D'ATESIA Atleti te
PAGE 24

-..,,!._ -_:_ .. __ Uf):. l l l! Il .. 1 l l l l QUANDO MARCIA R SINO iN

PAGE 25

"' l AMICI I N S I E M E F ONDO M USSO LINI

PAGE 26

ITALIA E GERMANIA PER L'ART E DELLA PRO .. PRIA RAZZA Le considerazioni che han no spinto il governo tedesco a porre, tra i suoi primi scopi, la rigene razione dell'arte; sono principalmente due. L'una che, da un gran pezzo, non esisteva pi un'arte del popolo, anzi, quella che veniva allora chiamata col nome -di art, divenuta una cifra astratta ed esoterica, non era pi assolutamente intesa da esso. Ristretta ad alcuni circoli, vi aveva, pi che altro, la funzione di simboleggiarvi le forze proprio .allra operavano al dissolvimento nale. La seconda considerazione stata, per espri mersi con le parole di Hitler, che un po polo dura quanto le opere della sua civilt. E' superfluo aggiungere che questa civilt non pu essere Quando di fatto lo significa o che non esistono nazioni, o che una, pi forte delle altre, le sopraffaccia tutte. 01e quel che si vede nei tempi in cui viviamo, nei quali questa sopraffazione avviene, anche senza conquiste, ma solo per il predominio economico, essendo la borghesia internazionale, in realt, per se stessa, una nazione, sia davvero per il sangue, come si vede nel suo nocdolG ebraico, sia per mente e per il costume, come si vede in tutto il resto. L'arte della borghesia, appunto quella d'una civilt, inumana e staccata dal popolo, e contro di essa, dunque, il nazionalsocialismo, fondandosi sul popolo, era naturale che com battesse. L'ha stroncata, anzi, fino da principio. Non si lasciato trattenere da sofsmi. Il principale. tra tutti, era questo. Ogni cosa nel mondo di venire ; e non essendovi n bene, n male, n bello n brutto, ma solo flusso e riflusso, l'arte, anche essa, consiste in questo movimento. Non importa fermarsi nell'opera: importa solo mu tare. Anzi non neppure possibile l'opera: pos sibile la tendenza: in questa, bisogna porre il lavoro dell'arte; ed adattarsi a considerarlo come una serie di tentativi non destinati mai a conchiudersi, appunto perch privi di un punto al quale durevolmente appoggiarsi. Donde la estrema variabilit che distingue la cosiddetta arte del nostro tempo :. ; e il culto fanatico della parola moderno :1> Contro il sofisma e <'Ontro la parola s1 ri\olse dunque fin -da prin cipio, il nazionalsocialismo. Il fondamento 26 Contadina italiana.

PAGE 27

' Contadina tedesca. fermo, durevole, si pu dire eternb, sul quale appoggiare l'arte, esso lo indic, l dove era sempre stato, cio nel popolo: solo il distacco da questo, il limitarsi alla borghesia, uguale per tutte le nazioni ed il venir meno, peri della forza stabilizzatrice della razza, ave,ano creato, da tempo quella deviazione. Tutti i futurismi, gli avanguardismi, i .razio nalismi, tutte le forme, insomma, nate dalle escogitazioni di piccoli gruppi borghesi, sono stati e3clusi dal nazionalsocialismo. Come era da attendersi, il risultato stato evidente. Messo da parte il pregiudizio del c: moderno dato come scopo all'artista di creare anzi tutto oper durevoli, cio tali da essere com prese dall'intero popolo, e da potere in conse guenza, per la loro chiarezza ed umanit, rima nere vive presso le future generazioni, ne venuto che, della grande moltitudine di coloro i quali, nel primo. facile modo, credevano di es sere artisti, ben pochi si son sentiti di rimanere e questi pochi, buoni: sicch l'arte se n' grandemente giovata. Soprattutto nell'ar chitettura il giovamento stato visibile. Facendo giustizia d'un altro principio disgregatore, tipico delrazionalismo, e comunicato ad esso dai suoi iniziatori ebrei (Mendelsohn, Elsaessaer, Taut, ebrei, Gropius e Le Corbusier comunisti, che quanto dire la stessa cosa), facendo giustizia cio, del principio che il carcere e il palazzo pubblico debbano essere costruiti nello stesso modo, si nell'architettura del nazionalsocialismo, ridato il suo giusto posto alla monumentalit: che non n arbitrio, n lusso, ma il modo lungamente maturatosi, che possiedono alcuni popoli l sep pure non egualmente tutti) -di configurare nella pietra il simholo della loro durata. Perch ri nunziare a questo simbolo? questa forse, anche, la rinunzia alla individualit come po polo? E non poi, oltre tutto, respingere una aspirazione assai nobile? E' sfata, dunque, come si dovem. rimessa in onore la mouumentalit; ne sono venuti fuori edifici egregi, come il Palazzo delle Arti, i due Templi degli Eroi, il Palazzo del Partito a Monaco, e il. Palazzo dei Congressi a 1\"orimberga: tutti concepiti nell"ar chitettura dei popoli classici. che quella del genio ariano. e con cui questo puo pi alta mente e dure\olmente esprimersi. l\la c'era un altro punto, non meno im portante, che bisognava considerare, l'architettu ra della casa. Qui nascono e si e.Jucano le gene razioni, qui pure bisogna mantenere, vivo e tan gibile, il senso del perpetuarsi della famiglia. La casa deve essere dunque intima, accogliente, pa triarcale, doti che non s'improvvisano, ma che si formano a poco a poco. secondo l'indole e il costume dei popoli. Ogni popolo ha perci una sua forma naturale di casa. non pu essere razionalmente cambiata. solo perch cos piaccia 'ad un ebreo. Ecco ci che ha afferinat, fin dal principio. il nazionalsociali sm: che ha messo perci la massima cura a che non venisse alterata l'architettura tradizionale rlella casa; ed esigendo che, sia in citt sia in campagna, pr pratica11dosi quei perfezionamenti igienici che risultano veramente utili l e non sono n cos grandi. n cos radicali, come mtifi-2i

PAGE 28

ciosamente si fatto credere) in sostanza rimanesse immutata. Quanto alle arti figurative, i principii sono stati gli stessi. Chiarezza ed umanit, )ungi dalle astrazioni e dalle cifre, ispira zione alla natura e alle grandi correnti dell'arte classica tedesca: Diirer, Cranach, Holbein. Nella scultura, i Greci: come quello, tra i popoli ariani, che abbia sviluppata maggiormente quest'arte. Ricon quista della fonna piena, condanna dell'impressionismo: considerato giustamente come il primo passo verso la degenera zione di queste arti. Ostacoli simili a quelli che ha dovuto vincere il nazionalsocialismo, si sono trovati, in questo campo, sul cammino dell'Italia fascista. Sopravyivenza dlla bor ghesia ebraizzata, quindi, le solite forme di degenerazione: avvenirismi ed avan guardismi, esoterismi e razionalismi, distacco sempre maggiore dell'arte dal popolo. Sfruttamento di facili cifre da parte di gente senza scrupoli, che si introdotta. con questo mezzo, nel campo dell'arte, senza averne i numeri; e si fatta strada gridando forte, e barando," soprattutto. sulla parola moderno ::.. Questo non sfuggito alle sfere dirigenti fasciste. Ecco le nobili e chiare parole pronunziate. qualche tempo fa, a questo proposito, dal ministro Alfieri: Questa mostra (quella per il Premio Cremona) acquista uno spe ciale significato, ed una par.ticolare im portanza, in quanto viene q. colmare una lacuna ed a soddisfare un'esigenza unani-

PAGE 29

memente sentita: mentre il Fascismo, in fatti, ha permeato di s tutte le attitrif naz ionali non ha ancora avuto, nel campo dell'arte, un'adeguata espressione dello spirito dei tempi nostri; ci pu dipen dere, in parte dal fatto che i tempi odierni sono aspri e duri, tempi di combattimento uei quali i giovani sono pi atNatti alle a rmi che non ai pennelli, in parte, dal l'ansia degli artisti di conquistare un fa cile successo :.. Non si poteva dire meglio n con mag giore franchezza. Quel facile successo, cui mirano tanti dei cosiddetti artisti, quello che appunto si ottiene coi pretesti sopr accennati : gridando forte', giuocando sul l'equivoco, e presentando tendenze maJL_ f esti invece che opere. E dimenticando soprattutto di' avere davanti a s, l'Italia: pae s e pi di ogni altro, predispo s to a l'arte. Questi borghesi avveniristi 'ed este rofili, ignorano di proposito che cos e l'Italia, disconoscono la razza italiana. che essi vorrebbero, in questo modo. d s truggere. Non s'accorgono che proprio in questa razza, restituita al suo istinto e alla sua tradizione (come ha gi fatto, e sem pre pi si propone di fare, il Fascismo) c' da attingere la forza, capace di ridare v1ta alla nostra arte. L'ostacolo dunque, unico: quello che s tiamo combattendo noi e la Germania : la lotta pure unica: i risultati saranno na turalmente diversi, consistendo, per cia ,;cuno, nella riconquista del proprio genio nazionale G . DELL 1SOIA 29

PAGE 30

LE BA$1 SCIENTIFICHE . ; ... . E FILOSOFICHE DEL RAZZISMO TEDESCO La politica razziale del III Reich trova i suoi precedenti scientifici c filosofici nel l'opera secolare di uomini eminenti che hanno onorato la Germania c dci quali giustamente pu essere debitrice la civilt di questo secolo. : Dal lontano I77J, anno in cui apparv per merito di Filippo Ludovico Miiller la prima tralluzioite tedesca della classifica zione linneana delle razze umane, gli stu di razziali in Germania' hanno ptogredito secondo un ritmo costante. H nome di Blumcnl)ach (l752-184o} resta nella stoJ'ia dcUa civilt umana come quello del vero fondatore di una 1iuova scienza; la scienza delle scienze, la scienza dell'uma nit onsiderata nel suo perpetuo divenire nel tempo c nello spazio: l'antropologia. Fu Blumenbach che in luogo della va-. rietas di Linnco intio.dussc il termine rassc l'> la distinzione dell'umanit in cinque razze da lui dette rispettivamente caucasica mongolica etiopica americana c c matese divisione che raggiunse subito una grande notoriet c che anche oggi c diffusa nei libri a carattere popolare ed elementare. Incominciavano cos con Blumt'nbach a fiorire i primi studi razziali dal punto di ,ista biologico morfologico. Ma il pro biema razziale cos appassionante e com plesso no11 poteva tardare ad interessare in Gennania studiosi di altre discipline . Possiamo cos vedere il sommo Ema nuele Kaut, tra i primi filosofi tedeschi, occuparsi del problema razziale c trattare delle distinzioni delle razze umane da un punto di vista generale. dobbiamo qui ricordare il nome di Cristoph Meiners (1747-1816), al quale oggi finalmente si riconosce il Jilerito di essere stato il vero fondatoredella filo sofia razziale, precursore quindi del De Gobincau e del Chamberlain. Accanto ai nome di lVIcincrs resta nella storia del pensiero quello di Herdcr, primo allievo di Kant, che mise in e,idenza i legami strettissimi tra razza e cultura in un dato popolo. Fior verso quest'epoca una speciale scuola di filosofi-antropologi a Brcslau, per merito c.ssenzialmcnte del Wiinsch c dello Steffens (1773-1845), filosofo quest'ultimo che ebbe una parte notevole nell'organizzazione elle rivolte di studenti tedeschi contro Napoleone. Ritornando agli studi di carattere bio logico ricordiamo dopo l'opera del Blu-

PAGE 31

inenbach quella di-j. B. Fischer (1829) eh;; itrodusse notevoli modific-dzioni nella classificazione delle rzze umane del prc_dccessore. Questo autore parla di H. Japtticus, distinto in numerose razze, cor rispondenti a un dipresscJ a quelle note di' -moderni antropologi. Anche il J. B. Fi--< scher fu essenzialmente un morfologo c l sua opera raggiunse una notc.-olc fama.. verso questa stessa epoca apparve in Germania per merito di C. H.itter (Ii79r859) un novo indirizzo nello studio del-:-: razze umane, non pi moriologico m;, storico, .e ncna letteratura si parla tanto i <1: Formrassen (>azze morfologiche) quauto di Volkrassen (razze storiche). Con l'influenza scmpr crescente della teoria dell'evoluzione c con il progresso delle scienze biologiche que sto dualismoapparc sempre piu spinto eh nel I 87 J 110!1 apparve per in e rito di I r: c di E. Haeck.:l, la celebre classificazione che avrebbe dovuto rappresentare la grande si1:tesi del pc11sicro an-. tropologico tedesco. i.Juesta classificazione appoggiava per le g:-andi distinzioni su caratteristiche mor fologiche per quanto non strettamente craniologichc e per le diYisioni pi sottili su criteri linguistici. Taie classificazione come ebbe poi a scrivere J. Ranke -per la grande a; torit dei suoi autori e per il fatto di aver distinto i popoli in gruppi dalla cultura omogenea ebbe molto favore in Gennania e all'estero e sulla sua guida furono scritte Ii10lte opere storiche e geografiche .. })all'epoca del Miiller e dell'Haeckel. per quel naturale processo di specializzazione che proprio della scienza moderna. gli studiosi tedeschi hant:to in generale abbandonato l'idea di siJltetizzare insieme il risultato degli studi biologici, linguisti-Cl, etnografici, ecc. -Ognuna di queste discipline ha proseguita libera di preoccupazioni per la sua strada portando sempre nuovi contributi al sapere umano. -E' cos che troviamo ispirate a criteri strettmente morfologici le classificazioni dello Schurtz (1903) e del Kleinschmidt (1922). Ai nostri giorni il V. Eickstedt ha tentato, come gi un tempo il :Miiller, di sin tetizzare in una grande classificazione i.ut te le nostre conoscenze in materia di razze umane: Egli per, al contrario del .Miiller e dell'Haeckel, non ha preteso di mettere insieme dati morfologici e dati cultu rali, ma si limitato soltanto ai primi. Questa classificazione yicne oggi considerata dagli antropologi di tittto il mondo come la pit moderna e ;ma delle pi perfette; -colui che la osserva Yene colpito dal numero veramente grandt di razze umane descritte c classificate. Questo non deve meravigliare perch nel degli anni il concetto di razza ha subto notevoli trasformazioni ed ora viene riservato unicamente ad indicare dci gruppi perfettamente omogenei dal punto di vista biologico. Notevole influenza sulla .cultura tedesca contemporanea per la diffusione delle idee razziali hanno esercitato Hans Guentber e :n

PAGE 32

J . Camicia Nera. 32 L. Ferdinand Clauss. I libri di qesti au tori sono popolarissimi in Germania; l'o pera del primo ha carattere eminentemen te tipologico, quella del secondo psicologico; entrambe per si riallacciano alla scuola a!ltropologica classica. Un indirizzo molto moderno viene seguito in Germania dalla scuola di E. Fi scher, che facendo tesoro di tutte le ultime conoscenze in materia di .biologia, ha veramente rivoluzionato lo studio delle mzze umane. Merito di questa scuola l'aver per fezionato i meJodi di indagine nel camP<.' delle ricerche modologichc e di avere o.ffrontto in pieno i problemi dell'antro pologia fisiologica; patologica ed eugenica. E' stato anzi soprattutto nel campo delle <>.pplicazioni degli studi di genetica ai pro blemi delle razze umane che la scuola del. Fischer stata pi feonda di risul tati. Abbiamo gi avuto occasione di accennare ai precedenti filosofici del razzismo tedesco, parlando del Wiinsch e dello Stef fens, ma il vero decennio dei filosofi raz ziali tedeschi, ai quali si ispir poi l'opera del Gobineau, incomincia con la pubblica zione avvenuta nel 1843 per merito del Klemm della storia generale della cultura umana. Il concetto della disuguaglianza delle razze umane stato poi molto chiaramen te esposto nel 1849 in un piccolo libro di C. C. Carus, nel quale viene messo in chiaro come questa disugqaglianza delle raze umane abbia costituito causa essenziale dell'evoluzione delle differenti culture. Il De Gobineau e j) Chamberlain pOssono quindi a ragione essere considerati i continuatori dei filosofi razziali tedeschi. Il primo, partendo dalle sue esperienze di viaggio, ha tratteggiato una nuova visione della storia del mondo imperniata sul concttto delle differenze razziali, ripresa in seguito dal Chamberlain. Arriviamo cos all'opera piii celebre sul problema razzia]e inteso come visione politic'!-filosofica-rcligiosa della Germania attuale, Il Mito del XX secolo, nel qua le Alfred Rosenberg, ispirandosi fonda mentalmenteal Gobineau e al Chamber lain esamina tutta la storia della cultura umana alla luce dei valori del ed esalta la virt creatrice del sanguenordico nei massimi geni di Europa, contrapponendola alle virt parassitarie e distruttrici del popolo ebraico c della sua pseudo-.dvilt. Il Rosenberg ha cos U'attato profondamente le varie questioni rela tive alla razza e all'anima razziale, al significato dell'amore e dell'onore, dell'idea le estetico razziale. Da quanto stato esposto appare chiaro come in Germania la questione raz ziale dal punto di vista scientifico e filo sofico abbia una lunga e gloriosa tradi zione; dal punto di vista politico invece si pu dire che la sua storia coincida con quella stessa del nazionalsocialismo. L'idea razzista del nazionalsocialismo ha il suo punto di origine dalla consta tazione della decadenza dell'Europa nel dopoguerra. Tale decadenza troverebbe la sua espressione nei fenomeni seguenti:

PAGE 33

1) Diminuzione del numero delle na scite, 2) Alterazione dei valori ereditari, 3) Variet delle origini razziali non A tale decadenza il nazionalsocialismo reagisce: 1) Favorendo l'accrescimento di numero delle famiglie biologicamente sane c la fecondit di quelle taratc. 2) FM:orcndo c promttovcndo la fonna zionc di tma vera c propria lite, scelta fra tutta la base popolare. 3) Conservalldo e favorendo la purezza della razza, ricomponendo in tal modo l-'armonia tra lo spirito e la carne. Questa azione politica del nazionalso cialismo aveva avuto la sua prima enun ciazione nel punto 4 del programma del partito nazionalsocialista del 25 febbraio H)20, in cui si poneva saldamente il principio che soltanto chi fosse di sangue ted::-sco potesse essere cittadino tedesco. Nelle magnifiche pagine di q; Mein Kampf e specialmente nel capitolo Volk und Rassc troviamo esposti con chiarezza e passione i concetti razziali che hanno inspirato l'opera di ricostruzio ne del grande capo del III Reich. Concetti che hanno trovato la loro im mediata applicazione nei primi tempi del Regime con le famose leggi di Norimberga (15 settembre 1935) per la difesa del sangue e dell'onore tedesco. Attualmente la grande Germania conta per la sua propaganda razziale sull'at tivit veramente capillare di uno speciale organo dipendente da] Partito socialista, l'Ufficio Politico Razziale; che conta pi di tremila collaboratori, scelti una speciale scuola e disseminati in tutta la Germania. Come organo di propaganda popolare esiste la rivista Neues Volk:. che ha raggiunto ormai una tiratura di oltre 300 mila esemplari. Accanto a questa pubbli cazione esiste tutta una serie di riviste, da quella divulgativa a quella scientifica, dalla filosofica alla biologica, dell'antisealla rivista di eugeni<:a che diffondo ne in tutti i settori della popolazione le nuove conoscenze, pilastri fondamentali della moderna cultura. A parte questa attivit culturale un'attiva propaganda razziale viene svolta dal magnifico corpo delle S. S., che sono i gelosi custodi delle sante leggi della razza. *** Le forze del giudaismo internazionale sono estremamente pericolose perch di spongono di mezzi potenti: l'oro, la grandc stampa, le societ segrete, le rivolu zioni, l'incoscienza delle democrazie. Ma i Giudei, meglio di ogni altro sono ora in grado dj apprezzare il valore e la potenza di una salda coscienza di razza. L'Italia e la Germania, nella grande crisi del mondo moderno, rappresentano dci punti saldi c in loro s'incarn a la lont di resistere della civilt umana. II razzismo destinato quindi a restare come uno dei fenomeni pi grandiosi di questo secolo, come l'espressione della lot ta eterna tra lo spirito del Bene e quello del lldale: GUIDO LANDRA Camicia Bruna. 33

PAGE 34

AUTARCHIA LA RISPOSTA DELLA G M A N l A E DELL'ITALIA ALL'ASSEDIO CAPITALISTICO Non occorre, una lunga dimostrazione a base di cifre per rendere evidente che il massimo sforzo compiuto dal capita lismo coincide con il tentativo di sta bilizzare l'egemonia politica degli impe rialismi occidentali (Stati Uniti, Inghil terra, f.rancia) sul resto del mondo. La ripartizione,. sembrava, intorno al ta \'olo dj Versaglia, l'operazione di alcuni rappresentanti di gruppi industriali. E sostanzialmente lo era. II. mondo risuTt infatti diviso in paesi creditori e in paesi debitori. Ma i crediti degli Stati Uniti dell'Inghilterra, della FranCia, creati o raddoppiati -dalla guerra non furono portati alle loro conseguenze, in quanto la Francia .fece col suo capitale soltanto della politica, e l'America, non avrebbe dovuto essere un paese creditore, da) momento che la s toria e la struttura lo portavano ad avere un forte eccedente di esportazioni. Solo flnghilterra ha cer cato di rimanere fedele alla sua tradizio ne, ed per questo che ogg'i ha in mano il timone dell'iniziativa dell'Occidente. Ma dalla parte dei debitori stanno il Sud dell' America e l'Australia, gi cos cari chi 'di oneri che nonsembra possibile in vestirvi altri capitali; la Gel'Dlania, che per la sua storia e la sua struttura avrebbe dovuto essere (a parte i debiti politici) un paese creditore, e l'Italia cui furo no negati i frutti della vittoria. Assurdo economico e 'storico questo che rende inestricabile la situazione mondia.e da pi di vent'anni. Un assurdo per che, negli scopi ultimi del capitali smo, avrebbe dovuto, con la costrizione a sempre maggiore., indebitamento (in progressione P,Jasi geometrica), alla valvola della liquidazione percui i debitori sarebbero scesi al livello di dipendenza coloniale d er -Due fatti si sono per opposti aila rea lizzazione di. questo bel e -hanno reso pi profondo l'abisso tra le due paiti : il graduale dei ter ritori economici che chiameremo colo-34 Soldati italiani.

PAGE 35

Soldati tedeschi. niali :., e la rivolta dell'Italia e della Germania, <;lecise ad ottener illoro_.apa: zio vitale senza lasciarsi soffoare dalla violenza bruta del denaro. .. .. Conclusosi col terzo periodo cento il ciclo del progresso scientifico. culminato con la scoperta dello "sfrutta mento industriale dell'elettricit, il pro hiema della vita moderna divenne zialmente un problema di distribuzione delle materie prime. Tornato mente in primo piano ogni qual volta i prezzi precipitando hanno minacciato di rovinare i produttori, oppure qundo; saliti troppo divenivano proibitivi per i compratori, avviavano ugualmente verso la china gli industriali, questo problema ha raggiunto lo stadio critico l'indomani della grande guerra. E' dal 1919 che l'Italia ha prospettato per prima la situazione alla Conferenza della Pace e nello stesso anno a quella : Internazionale der Lavoro a Washington. Successivamente la questione veniva pre sentata all'ordine dei giorno della Lega col risultato di rimanervi. Lunga e noiOsa sarebbe la storia delle logomachie suscitate e per nient'altro istruttiva se non per la dimostrazione della nessuna volont di risolvere la crisi (e le le abbiamo gi esaminate) da parte delle demoplutocrazie. L'alto potenziale industriale della Ger mania e il presunto basso potenziale dell'Italia, contemporaneo alla deficienza di materie prime, servivano ugualmente al calcolo capitalismo occidentale volto ad impedire la ripresa economica della Germania ragione effettivamente tra le principali dell'ultima grande guerra e il sorgere e l'espandersi della nuova potenza dell'Italia. Calcolo esatto se le premesse stesse del capitalismo non avessere avuto insita la origine della crisi mondiale. Il presupposto psicologico della pos sibilit di suscitare indefinitamente i bisogni ha portato all'organizzazione., alla razionalizzazione., alla produzione in serie (da Taylor, a Ford, a Bedaux) con l'unico obbiettivo della quantit dei prodotti. Il vanto del capitalismo stafo infatti di avere fronteggiato la richiesta di una popolazione mondiale in aumento . Fino a quando? Se questo ammettiamolo pure per un momento stato_ vero fino all914, non lo stato pi quando le statistiche banno lanciato l'al larme della denatalit in quasi tutti i paesi mondo. Al tempo stesso sulle rovine del libero scambio nascevano i primi pallidi fiori del protezionjsmo do-

PAGE 36

36 ganale, che divenivano in breve fitte siepi di spine. I paesi poveri, per ri vlsa costretti a ripiegarsi su se stessi, trovavano nella necessit di .soddisfare, se non in qualche caso di limitare, i bisogni, anzich accrescerli una nuova base di orientamento economico. .Al l'autarchia dei paesi ricchi i poveri ri spondevano con l'autarchia. ltalla Germania alla testa della rivolta. La politica protezionista dei ricchi senil mente intestaroiti nella riscossione de gli interessi quella che ha spinto Italia e Germania sulla via della rieera dei succedanei autarchici di quelle male rie prime di cui sono prive e impossibilitate all'acquisto, e in una politica di rivendicazioni coloniali. Politica dj pa rallelismo data l'identit degli interessi, politica diretta ad una mta comune: spazio vitale per due popoli che, p .ressoch unici al mondo e certamente unici in Europa, hanno un'alta : natalit un continuo, inesorabile aumento. ... La fine del capitalismo leggi impe rialismo industriale di pochi dominante la povert dei molti non pi una visione apocalittica. Siamo gi entrati nella fase risolu tiva: Non si tratta pi ormai che di sman tellare un' chimerico status quo che si oppone alle legittime rivendicazioni e con cess ioni.

PAGE 37

Come, secondo alcuni, all'ra delle iotte per la nazionalit si andata sostituendo l'ra delle lotte tra imperiali smi, cos di fatto, e forse pi propria mente, bisogna riconoscere che l'otto centesca lotta di classe stata portata su di un pi vasto piano, quello mon diale. Il sindacalismo combattivo, trasfor matosi, in Italia e in Germania, nella corporazione professionale organizzata, ha portato i diritti del lavoro allo stesso livello di quelli del capitale, e di que st o ha trasformato il concetto, nel senso di considerarlo quale elemento della produzione, di interesse nazionale. E' di conseguenza la Nazione nel suo insieme che rivendica il diritto alla vita, la Nazione che riporta l'economia dalla funzione di dominatrice a quella di serva dell'uomo. Italia e Germania, sospinte da Versa glia nel gruppo dei debitori, destinate il disegno dell'Occidente a scen dere al livello semi-coloniale dell' America del Sud o dell'Australia, dopo aver ritrovato in se stesse le ragioni essenziali di un primato naturale, superando quella crisi di valori che la pi profon da minaccia alla civilt europea, si as ,;umono oggi il compito ultimo che loro spiegarsi con gli avidi, arroganti ace rdti
PAGE 38

., ,. itaiini. OMOGENEIT E CONTINUIT DELLA RAZZA ITALIANA Quando gli etnografi e gli storici ritrovano alle origini di Roma popoli e razze diversi e ci parlano di. Liguri die vengono dal Nord, di Siculi presentano le caratteristiche etnich. e tradizio nali mediterranee, di Etruschi-Pelasgi e di ltalici, di genti arie che si incontrano con genti mediterranee, impossibile non riconoscere in questi rami etnici una indi. ,;dualit di tipo ariano, data dall'as. senza assoluta di contaminazione semitica e tanto meno ebraica. Ci fonda. mentale per la storia della razza ariana occidentale. Occorre oggi intendere la diversit profonda che divide ruomo mediterraneo ( minoico-miceneo-ellenico-itali. co) dall'uomo semitico (fenido-caldeo assiro.ebraico): nell'arcaico essi per secoli sono in lotta cn armi di. verse: l'uomo mediterraneo riassume in s l'eroe il sacerdote, reea }o spirito apollineo classico, solare, mentn: quello semitico il trafficante, ir nomade, l'invasore, reca oscuri culti tellurici e una religione sensualistico-individuali stica. Stabilita questa distinzione essenziale, noi ritroviamo due aspetti, due variazioni del tipo mediterraneo, che contendno nell'Italia : il nordico e il meridionale. Sono due tradizioni, due sottorazze : ma inizialmente essi erano una razza potente, saggia, l'atlantica-iperborea. Questa razza, che si ritrova all'origine stessa del mondo ariano, t: la creatrice dd primo tipo di civilt solare in quanto fondata sull'armonia dei due principi: sacro ed eroico. La chiusura del suo ciclo si accompagn!l con la scissione di tali principi, onde si genera un dualismo religioso, etico, politico ed etnico, ehe per molti secoli luogo a contrasti e a connubi di razie e di civilt, dall'Occidente europeo-mediterraneo all'Oriente indoiranico. L'arianit prepara la risoluzione di tale dualismo nella sintesi delle due culture e delle due sottorazze : il prodigio, nuovo nella 'storia del mondo, si compie con il sorgere a; Roma e con il suo affermarsi nell'Occidente. Dal punto di vista strettamente storico, tutta-

PAGE 39

via, attrno alle genti prero mane non pu O(CUit,ai'ci l' etnogeO:esi; perch essa presenta precisi elementi che richiamano la comunit di origine l'af. finiti etnica. In verit, l'Urbe conserv il costume antico e al tempo stesso in, nest una forza nuova, sviluppando (e migliori energie dell'intima natura umana cosl che essa in effetto inizi e cre una storia e una razza. In sostanza; Roma restitu alle due sottorazze fondamentali l'unit di sangue, etnica spirituale, c:>riginaria. Roma ebbe dunque lilla sua razza grazie soprattutto allo stile di vita religioso, politico, civile, che agl come potente trasformatore attraverso l'individuo, le famiglie, le gentes e la citt. Essa' 'coltiv con"' piui dignit le anni, le Ieggi; la religione, e, ci che maggionnnte significativo, armonizz per prima il diritto dei patrizi con quello della plebe; da ci nascono il vigore c la sua gloria massimi. Mentre la Grecia si circoscrive sempre di pi nell'indi vidualismo e nel frazionamento degli 'tati, Roma aspira e tende con tutti i ,uoi poteri all'unit nei diritti come nei Joveri, .nelle leggi del pari che nei culti, nella diffusione della lingutt non menc che nell'espansione del territorio; per ui si pu affermare che l'ideale romano della vita e della razza non l'ideale di :Jna citt particolare o di uno stato solamente, ma l'ideale di una civilt che tenda ad affermare la sua forza universale. L'idea imperiale romana da allora di\err non soltanto una realt storica e il
PAGE 40

to dei Goti verso i valori romani. Un altro segno significativo del la persistenza di tali valori la riconquista italica ad opera di Giustiniano. D'altro canto, quando si constata che in sostanza nessun apporto di masse ingenti di uomini nei tempi storici ha a\uto luogo nell'Europa meridionale e che dopo l'invasione dei Longobardi (i quali sono in sostanza una sottorazza ariana, di tipo nordico, e rispetto ai quali i Romani mantengono irriducibile la loro personalit attraverso i rapporti di diritto privato) non ci sono stati in Italia altri movimenti di popoli capaci d'influenzare la fisonomia razziale della nazione, si riconosce implicitamente l'intima resistenza di un elemento etnico supeJiore che si man tiene desto e tale da poter affiorare nella realt e nel piano della manifestazione, attraverso il senso di molteplici eventi L'influsso del cel'po etnico romano sui destini europei soprav vive dunque immutevolmente allo sgretolamento dell'Impero, man tenendo persino una sorta di equilibrio economico, anche quandc ric:scono vani gli sforzi di Teoorico e di Giustiniano volti a ri comporre attorno all'unit di una idea romana il dominio del Me oiterraneo. L'avvento e l'espandersi della civilt Islamica, se giunge poi a dividere in due ampie zone il bacino mediterraneo, preclu dendo quello orientale all'Europa romana e cattolica, tuttavia non realizza l'intento di stringerlo in una sorta d formidabile assedio da Occidente ad Oriente. La riscossa dell'Occidente medi. terram.'"O viene preparata dall'Impero di Carlo Magno attra verso una forza universale propria ad uomini che detengono il retaggio spirituale, etnico e di sangue della razza romulea, orga. nizza in salda compagine politico-militare l'Italia, la Francia e parte Jella Spagna : essa s'invigorisce con la costituzione supernazionale del Sacro Romano Impero, nella nuova unit ariana nordico meri dicnale; e ancora con la restaurazione imperiale degli Ott:>ni; este:ude la sua lotta attraverso l'ardimento colonizzatore delle Re pubbliche marinare d Genova, Venezia, Pisa e Amalfi, e culmina con le Crociate le quali riaprono gli scali dell'Oriente alle potenze marittime della cristianit. L'antico il-fare rlernum poi ancora una volta scenario di lotte di sottorazze nelle quali l'elemento romano-italico assume la mas sima funzione regolatrice e dominatrice. Nel secolo XV, grandi stati iniziano la lotta per il conseguimento del predominio nel ba cino occidentale mediterraneo; nella stessa epoca il bacino orien tale viene invaso dai Turchi : il che, sebbene porti un gran colpo al commercio, non modifica sotto alcun aspetto la funzione della razza romano"mediterranea . Sullo scorcio del secolo i Turchi e i Barbareschi con frequenti incursioni spopolano il lido, per cui in Sardegna, in Sicilia e in Puglia, gli abitanti si ritirano nell'interno -t o e s rinchiudono nelle citt fortificate. Ma al tempo stesso, p<:r virt di una aspirazione eroica di carattere mediterraneo, l'cspt rienza del mare d luogo allo spirito di una nuova ra c:uropc:J, alla forza propulsiva di uno slancio universale di una razza nuo. vamente conquistatrice, all'anima di un nuovo ciclo eroico avvcnhJ roso. L'antica formula classica 11i11ere no11 11easse, 11a11igare IIIUJJ<-. acquista ancora una volta la pienezza del suo significato : la na\ i. gazione e la conquista, traendosi dall'originario spirito romano mtditerraneo, divengono, a partire dalla Rinascenza, la parola d'or dine assunta via via da una serie di popoli ariani per la conquisu mondiale e il consolidamento dell'egemonia coloniale. Da questo periodo si succedono diverse vicende che conducono ancora una volta all'affermazione di una superiorit occidcntalt mediterranea dovuta all'insorgere del gruppo etnico italico-roman ; nei momenti pi decisivi della storia europea: la vittoria navai. di Lepanto, con la quale nel l H l gli Italiani tagliano il pa.\;n all'invasore turco e salvano la cristianit, rapprc$mta l'opporsi un destino occidntale alle forze barbariche asiatico-meridionali : la razza di Roma che ancora una volta regola le sorti del Me.i1 terraneo e della civilt europea Questo spirito della razza, incst1r guibile, ancora quello che dal secolo XVI al secolo XVIII esprime attraverso la spiritualit e l'azione di uomini come Gir, vanni delle Bande Nere, Galileo Galilei, Federico Borromeo, Tar! maso Campanella, Gian Battisb Vico, Raimondo Montecucw; Francesco Morosini, Ludovico Muratori, Pasquale Paoli Lungo lo svolgersi di tali vicende, facile seguire la immutc\ lezza di uno stile del combattere, dell'ordinare e del pensare, pr prio al romano antico : sufficiente, anche dal punto di vista strc tamente antropologico, esaminare i diversi tipi che esprimono persistere dell elemento c:tnico romano, per convincersi che c-s' conservano le caratteristiche somatiche che si ritrovano nella di un Catone, di uno Scipione, di un Cesare come in quella deii' J tleta e del guerriero romano : tali tipi, che sono i rappresentan: delle due fondamentali sottorazze del ceppo ariano, si ritrov.1n negli uomini che preparano il Risorgimento. Sono quei valori italiani della stirpe che, avendo carattere lh perennit, sia in senso di civilt sia in senso strettamente biologiw riaffiorano nel clima eroico-spirituale della Grande Guerra e dell. Rivoluzione Fascista : essi, oggi, attraverso la nuova azione razzJ. sta, dnno impulso all'unione feconda delle sottorazze ariane pe-r la ricostituzione unitaria ed integrale dell'antica inestinguibik razza solare MASSIMO SCAIJGERO

PAGE 41

GUERRA TOTALE. l \ .. E COSCIENZA DI RAZZA Nel primo attacco alla potenza tibur anno 18-18 -, gl'italiani mi6ero '" campo 25.000 uomini, che durante> la salirono a 60 o 70 mila. Alla ri 1.n."l!a delle olllilit nell'anno successiv(l 18-19 -,gli uomini in armi dell'Italia .... carono la cifra di circa 120.000. Nel secondo attacco portato allo stessJ .:emico anno 1859-, l'armata italiana "' campo -ordinata su cinque divisioni li guerra e una di cavalleria di linea 11nmontava a 60.000 uomini. Altri -10.00CJ i rea erano stati lasciati ai depositi c di r impiazzo. In pi, tra i combauenti, ,r ano 6 o 7 mila volontari di Garibaldi. La terza volta -IHlJ6 -, i: corpo .:operazioni italiano constava di circa uomini. ripartiti in 19 divisioni di :u<'rra e una di cavalleria di linea. In ullo. cio. 20 dh isioni, raggruppate in 1unllro corpi d'armata. risultanti dal quadro di forze. Uomli CCIIUloiLI FANTERIA: 78 re99. di cui 4 di 9ranat. a 2400 soldati per dcuaaoo 182.000 l ERSAGLIERI: 38 bana-glioni. a 600 uomini per ciascuno 22.800 :AVALLERIA: 17 fe99 a 600 caYalli per dcuaano 10.200 \RTIGLIEBIA: 60 batterie. a 6 peni per ciCUCUDa. Parchi e poali militari 16.000 360 ;ENIO: aappatori e ... ta-tii parchi d'armata per il r.ervizio dei parchi 2.000 Totale 235.000 360 \l che bisogna. aggiungere 40.000 vo: .. Jttari. inquadrati in 10 reggimenti. La i"cna gt:nerale era co5lituita da tSO.OOO mini rimatoli ai depositi o di guarn : ionl'; ed altri 100.000, delle i pi 1nziane. lasciati alle loro case, pronti ad .. ,,.ere chiamati alle armi in ca.-.o di ne ''""it. Cifre. queste, certamente cospicue per '!"t'i tempi. Si pensi che quattro anni doi"' -nelll! guerra del con la di::.fatta di Sffian i francesi avevano in linea in tullo ir!'a 200.000 uomini. Nel quarto ed ultimo attacco al seco lare nemico (1915-1918), che coron i precedenti, e nel quale la potenza asburgi ca fu definitivamente liquidata, l'Italia mise in armi 5.500.000 uomini circa. Va le a dire: ogni cento persone deJ;a po polazione italiana che allora ammon tava compleuinmente, masebi e femmi ne, a 38.000.000 di anime -15, in me dia, furono incorporate. E oltre 10.000 furono i pezzi di artiglieria che spararono dal nostro fronte; a migliaia, mitraglia trici, bombarde e carri armati. La sintesi di questo fondamentale ciclo storico che inizia nel 1848 e si chiude-con la scom parsa di uno dei pi potenti imperi del mondo nel 1918, nelle seguenti paro le pronunciate dal Duce a Livorno, l'li maggio 1930. c L'impero che fino al 1859 teneva ancora la Lombardia, che nel 1915 aveva ancora Trento e Trieste, oggi non che un vago ricordo. di fronte all'irre \'ocabile fatto compiuto che prende il no me da Vittorio Veneto. Vi dunque qual che cosa di fatale. qualche cosa di divino e d'ineluttabile in questa marcia verso la t!randezza del popolo italiano .... Il riepilogo che si fauo serve a dire l'evoluzione che il carattere della 211erra ha subito, da meno di un secolo a questa parte. Si sempre pi este!'a in senso geografico, cio linee di contatto tra le parti contrapposte. che sono diventate immense. Si nel numero e nella potenzialit delle armi. E ,;i t-Stesa nelle ma55e armate in campo, che ormai numerano a milioni j combat tenti, inquadrati in battaglioni. divisioni. arm.ih' L'ultima poi. quella mon diate ehbe carattere senza precedenti. Per la \ olta. infatti, fu quella che si dice guerra di popoli; guerra. cio. in cui non solhmto gli eserciti. ma dietro di e55i i stessi si fronteggiarono, mo hilitati in tutte le loro energie e in tutte le loro Attore, in essa, di primis ::imo piano il generale Ludendorff cos nelle sue Mcnwrie: Le armate e l flotte combattevano le une contro le altre come era an-enuto in passato. pur capisce, forze pi potenti cbe mai. al contrario del passato era no i popoli che si ammassavano con tutte le loro energie dietro i loro armati. In, questa guerra era difficile distinguere do ve cominciava la forza armata propria mente detta, e dove finiva quella del popolo. Popolo e armata formavano hlt funo. II mondo assisteva, estto dell'espressione, alla guerra .Ji popoli Da allora il carattere estensivo della guerra si pu dire ancora enormemente accresciuto. Anzitutto a motivo del rapido progresso compiuto, in quest'ultimo ven tennio, dall'Aviazione. La guerra ormai ba il mezzo per investire direttamente e in pieno anche le popolazioni civili. Dai campi di battaglia certamente dilater., con effetti che debbono prevedersi consi. derevoli, all'organizzazione economico-so ciale nei territori dei popoli che si f ron teggiano. In secondo luogo bisogna tener conto della radio. Si pu dire che non ci sa cbe non la possegga. Comunque si provveda per neutralizzame gli effetti, sembra difficile evitare ormai che sulle onde dello spazio volino notizie vere o false; informazioni su vicende reali, mi--litari o politiche; o macchinazioni propa gandis'tiche. Filtrava, tutto ci, anche al traverso le maglie fittissime di quell'in sieme di rigorosissime predisposizioni -la cosiddetta c censura che vennero praticate durante la guerra mondiale; a ragione, d'ora in poi. debbono prevedersi in questo campo pi ,aste e intense possi bilit, per la diffusione -appunto delle radiocomunicazioni. In ultimo. va tenuto conto delle difficolt che, in una futura guerra, incontre ranno i trasporti per mare. Difficolt pe rutti i popoli: sia cbe si tratti di trasporti attraverso gli oceani. o in mari ristretti. Si \ ide. durante la guerra mondiale, la quantit enorme di tonnellaggio che col negli abissi del distrutto da forze relativamente esigue: ch molto di raro si ebbe allora pi di una dozzina di som mergibili simultaneamente in azione. Og gi essi non solo nel numero sono smisura tamente aumentati, ma anche in autono mia e potenza offensiva della singola uni t. I mari ne infestati in una guerra futura. 41-

PAGE 42

8 4 8 8 5 9 1 1 70'000 i ooooo J.lerci. euft>mi:chieramento delle forze si estende in profondit a tutto il territorio che sta dietro di e,;sa: in que; to con,;iste essenzialmente quello che ,:i dice carattere totalitario assunto cialla guerra moderna. Questo processo di evoluzione che il della guerra andato :;ubendo da meno di un secolo ad oggi lo si tro\a rilles,;o nel pensiero dei maggiori capi militari. II grande teorico italiano il l!eneralt> Enrico Jomini -alla cui dot trina ,:.'informarono essenzialmente l t> r u(llt' di tutti i paesi d'Europa durante lo .;cor:;o ,;ecolo. nei suoi Principi strategici enumerava ben nove diverse forme di gurrra c altrettante maniere di condurla. Scriveva: Uno Stato pu essere portato alla guerra per rivendicare diritti o difender! i ; per soddisfare grandi intere:; s i pubblici, quali quelli del commercio, dell'industria. e di tutto ci che concerne la pro,:.perit della nazione; per sostenere nazioni vicine la cui esistenza necessaria alla sicurezza dello Stato o al mantenimento dell'equilibrio politico; per ten e r fede a trattati d'alleanza offensiva e dir per propagare dottrine, repridf'rll' difenderle; per estendere la pro--12 t 8 6 6 pria influl'IIW o la propria potcllla. n>n .tuovi acqui,;ti nrce,.;.ari alla ,.nlutc dello Stato; per "ahare l'indipt>tHicnza uuzio naie miuacciata: pn nn iican l'nnon oltag;)!iato: per mann di cotH)IIi,..ta o ,;pi rito Per ciu,.;cuna di que,.;te forme di egli JHendtnt 1111 dinr s o do,;aggio di forze c di : hi,-ogner f:lrc a tale ,:co p o c :'ttl re,.ten,;ione del l C' i 111 !lft'Se che bisognlr intraprendNc In termini analoghi :witz f contemporaneo dll Jominil. Anche la dollrina "tratcgic a del difalli. ammette1 a dinr,-<' forllll' di guerra e altrellanti corrisponden ti modi di condurre le o: di uno Stato era limitato ull'amhito di questo quantitativo di uomini c di armi m e sse in campo da un paese caso per caso. Ma cosu invece deve intendersi oggi pn ellicienza Lcllicu di una nazione'? E' il ri;ultnto --disse Mussolini al Sennlto i! aprile 1925 -di tutte le for:e slorit /, c uttuali di un popolo. Dico tutte :t. E ""' ribadisce: E' il dato complesso ( l'df i cienza hellica di una nazione) risultnnlt' non dalla somma, ma tlallu coo1 dinazione dell'efficienza militare, tr.ono mica. morale. indu!!triale La guerra i divenuta unica; alla guerra conllui,n dunque. non l'efficienza militare 111;, unchc tutta quella economica, tutta que l J., indu:ro ,.;trurnenli. nw .mpmltult(J tw/ f, 'fJirito. ,.ono prontt 11 difendere J!l'inlt-H -dell'ltalia-.-discur,;o dell'li nol't'l!11 !t)) :1. dopo unr in rivista l t t 1 pt .Id Pn.,.idio di Homu. E il pri111 1 mu,;,..oliniunu tlt lle forZI' dello "l'i1 JH<' I ulenti. premimnli t tlctt>rminu11 1 i l'arti della gtH'rra. sfol'ia-com'i e ,.j c omplltn. in tptcllo dc: ln ,:iont e della t'ompattezzn l>. \L trt alla potenzu delle armi -prorL \lu,-,.;olini nel disrorso tli Udine tic: nonmhre l -noi JIO!'!'ediamo la potenza dello spirito. cio In con ti"sima unitI morale dell'intero l"'' italiano. E fmalmentc ecco le pn 1 zioni culminanti del Suo pensirro: cannoni ,.;tC>'si. per quanto costruito tempratissimo acciaio. sarehhcro una teria inrrte :'C dietro non ci f oss!'r o mini dt Lio slt'.
PAGE 43

lue popoli-l'ltalianu e il1'ede11co -' /i1amali a !!Uperare altre lotte, l'uno al l":dtro affiancato, in un mondo di egoisti ,. di nemici della loro esistenza stessa. l'nlitica razziale che primieramente si .. neJ;'estromissione degli ebrei dal t- uto connettivo della loro esistenza. l)ui non si tratta soltanto di banche, istituti, e tutto ci che1!.1 all'efficienza bellica, dali!! 111 li degli ehrei che sono senza patria e, 1 . i, per la loro natura 11tessa, cosmo l liti. La ragione hcn pi profonda. Si 11 :Ila di sottrarre lo spirito del popolo al l' dlucnza dello spirito ebraico. La que ., .uc, quindi, la letteratura. l'ar l d cinematografo, il teatro, la stampa: 1 ,,. le attivit, cio, che invisibilmente, a fondo, operano e incidono sul ca re e lo spirito. Non si pu chiedert' 1111 popolo la pi alta virt di sacrifi ,.c ad si 188Ciato insinuare rta mente o di sottomano -la sfiducia 1 critica per la societ. per la gerar 1 in cui vive. E lo &cardinamcn1 .Ici valori sociAli costituiM:e, appunto, :nissionc eterna che lo spirito ebraico . 1\c da millennii nel mondo. \on si pu nemmeno chiedere all'incii-110, o ad una collettivit d'individui. 1 nllahile \'olont di resistere e vincere _, lllolsill1!i costo, se individuo e collet 1 : t :i ,oono stati tarati da sfi-la. li pe811imimo 1 lo spirito etico -, come si sa. altro degli aspetti fondamentali del tllcrl' nazionale degli ebrei. i pu dare la parola su questo argo lo ad uno degli spiriti magni della :t. Guglielmo Ferrero, ebreo nostrano. infaui, riconosce: c Due qualit i.di del genio ebraico :!Ono il pe$Si :no e lo spirito etico. Se la nevrosi .tglia un po' tutti oggi, essa lavora pi ll'lmente ! 1'1:mo Ferrero aggiunge: c Il pessimi .,., i uno transitorio dl'llo spirito 11.1nn. che :;i alterna con altri; ma in 1 lo ;:tnto quasi cronico dell'anima :til'a. / .o spirito lo spirito germanico, hanno avuto accessi di dolore, ore di melanconia; ma la melanconia e il dolore furono sempre interrotti da gior n! di gioiA lunghi e splendenti; per cui 1i pu dire che l'ideale della vita come con cepiUJ da que1ti popoli, in complu1o ancora 1ererw e wrridente abbrutanza. Il pe111imi&mo invece la legge del pen.8kro ebraico. Cos vero che, n la civilt, n l'ospitalit accordata all'ebreo dai popoli occidentali, l'hanno guarito da questa ma lattia secolare. Le grandi creazioni dello spirito semita sono tutte tristi, e la nascita di un genio ebraico significa quasi sem pre una cattiva notizia portata al genere umano. Spinoza gli ha annunciAto che il bene ed il male non esistono; Marx che le societ sono la lizza di una disperata lotta di clasai, la cui legge suprema riusunta nel motto: mor5 tua viUJ 1TU!Il; che per la legge di bronzo un operaio non potr mai avere quanto ab per vivere, ma solo quanto baMa per nou morire; il LombrO&O cbe genio e santit sono malattie e che l'origine del la societ nl delitto :t. Luciate che l'animo di un popolo s'im beva di convinzioni come questa; persua detelo bene che l'origine della societ nel delitto; convincetelo che il bene e il male non esistono; inculcate nel1a mente di chi lavora che non riuscir mai ad otte nere pi di quanto gli basti per non morire; propagandate che la legge unica cbco regola i rapporti tra gli uomini mon tua vil.a mea; e dopo aver lasciato ben bene lavorare gli animi in questo modo, chiamate il popolo alla prova suprema. della guerra del carattere che essa ormai riveste. Forse non sarest nemmeno capiti dai pi, ovvero nemmeno ascoltati. Le ricostituite compagini razziali sono per il popolo italiano e tedesco piedestal lo e condizione delle loro costruzioni nel mondo, bA.!!e del cammino che hanno de eisa di percorrere affiancati. A. TBIZZINO

PAGE 44

) 'i l li il 'l l 'l l i l l 1:' l l o LA VERIT CHE CI -OCCORRE LA RELIGIONE E tanto miser l'tiOIIW qnant'ci si reputa, c tanto beato quant'ci si reputa. Cos tanto soddisfatto il desiderio di co noscere e concepire, dalla credenza di conoscere, quanto dalla vera conoscenza, e la verit assoluta totalmente indifferente all'uomo anche per questo capo. Anzi il desiderio infinito di concepire !pU ben essere in qualche modo e spesso appagato dalla natura col mezzo della immaginazione c delle persua sioni false ossiano errori; ma non mai dalla ragione col mezzo della scienza, n dai sensi col mezzo degli oggetti reali . Che se l'uomo avesse questa tendenza infinita non al conce pire, ma prcisamente al conoscere, cio al ,ero, pcr-ch la natura avrebbe posto tanti osticoli a questa cognizione neces saria alla sua felicit? Perch avrebbe radicate nella saa mente tante illusioni che appena il sommo incivilimenlj:>, c abito di ragionare, pu estirpare, c mon del tutto? Perd la verit sarebbe cos difficile a scoprire? Da che l'uomo tende infinitamente alla precisa cognizione, nessuna verit indiffcper lui. Non solo la cognizioile delle verit religiose. mor.ali, ec. ma di quahmque verit fisica ec. ec. diviene n cessaria alla sua felicit. Ora quando anche si voglia che_ l'uomo primitivo avesse mezzi sufficienti per conoScere le verit religiose c morali, certo che non gli ehbc per infinite altre, certo che infinite se ne ignorano ancora, eh<> infinite se ne ignoreranno sempre, che la massima parte degli (tolto nella religione rivelata) ignorante quanto i primitiv.f; che i fanciulli lo sono parimenti anche, quanto alla religione: E' certo che quantunque l'uomo conosca Dio ch' infiniWi non lo conosce n lo pu conoscere infinitamente; anzi limititissi mamente. Dunque la sua cognizione non infinita; dunque, se la sua facolt di conoscere infinita, manca del suo _ogg_ etto, c perci della sua felicit. Dunque l'uomo non pu esser felice dunque ripeter coll'autore, egli "" essere contrudditlorio, pcrch at>endo '"' fine, cio la prrfrciorte o lu felicit, non /u1 nlcun mo:so di pcrvrnirzi. E le illusioni, che la natura ha po ste saldissimamentc in tutti noi, perch cc le ha poste? Per contendergli espressamente la sua felicit? E se l'ignoranza infelicit, perch l'uomo esce dalle mani della natura. cosi strettamente infelice? E conseguentemente desidera di trovare oggetti che gli piac. ciano, di trovare il buono (intendendo per buono anche il bello .:: tutto ci che affetta gradevolmente qualunque delle nostre facolt); desidera dunque di amare, ossia di determi narsi piacevolmente verso gli oggetti. E lo desidera senza con fini, tanto rispetto al numero di questi oggetti, quanto rispetto alla misura della loro bont, amabilit, piacevolezza. Questo desiderio innato, inerente, indivisibilc daJla natura non solo dell'uomo, ma di ogni altro ,ivcnte, perch necessaria con seguenza dell'amor proprio, il quale necessaria conseguenza della ita. :\la non prova che la facolt di amare sia infinita nell'uomo : c cos il desiderio in finito di conoscere non prova che la sua facolt di conoscere sia infinita : prova solamcntl' che il suo amor proprio illimitato o infinito. E infatti comc si potr dire che la facolt nostra di conoscere o di amare infinita? :\la noi possiamo conoscete un bene infinito l'f amarlo. Bisognerebbe che lo potessimo conoscere infinita mente cd amare infinitamente. Allora la conseguenza S
PAGE 45

questionario Il Prol. Alfcmao de Sario ci scrive da Mol letta : Il Duce, con fermezza virile, ha pronun ziato un altro dei suoi basta, relegando in e per sempre, la voluta esistenza di vincoli di sangue tra l'Italia e la francia. La credenza era frullo di un sentimentali:;mo fatuo, falso, servile, di basso conio, or mai messo in fuga, o ch'ebbe la sua ra gione di essere In tempi di umiliante asser vtmento politico. Oggi il Fascismo passa ri gorosamente al crivello errori e false valuta ztoni di eventi storici. La Franda non nostra sorella e nem menc. sorellastra. Vittorio Alfieri, nel sonetto con cui chiude il Misagallo, li chiam, o ben a ragione, Galli. Ga.omo verr, torner ti giorDO 1ft c:ut Redavtl ormai gl' itall 1taranno In campo crudact e non col lerro oltrut In val dUNO. mo del Galli a donDo Al lorle ligrafi hanno provato, il sangue dei Galli quello che scorre anche oggi nel!e nostre vene. Quali sono questi tratti mteressa conoscere. Certo, la filiazione nettamente tracciata e la somiglianza incontrastabile, ma i Galli ed i Francesi non hanno fra loro una grande somiglianza, non : : ono i due Menecmi di Plauto. Il nostro capo un Celio puro sangue. Il nobile antenato i: nei figli viventi. Sono i Galli moderni. Agir da bravi oggi non pu non voler dire semplicemente che condursi come i Galli si con riucevano un tempo E cosi concludeva. lo v'ho mostrata l'anima degli antichi guer-Galli e, attraverso la nostra storia mil lenaria, l'ho seguita lino ad oggi, rilevando le trasformazioni subite per divenir quella del soldato francese. Dopo di che, o guer rieri Galli, soldati di Francia, d'un tempo e di oggi_ tutti Vi chiamo a raccolta Il generale Pelecier, con franchezza di cui gli facciamo merito riconosceva per, che la spada di Brenno lui l'antenato -non valeva c quella di ferro temperato dei Romani :.1 Ancor meno l'oro francese deve valere a petto della spada romana. Carlo CWDGDO di Lerici ci ha scritto; Ancora l'esperanto? Si, ma per l'ultima voltai Dopo di che non v'importuner piil; nemmeno se qualche esperantista vorr mandarmi, invece che opuscoli di propaganga, il testo originale del FUDdameato e la fot09rafia del compianto Zamenhof, con firma autografa! Questa volta da Catania che m'arriva un pacchetto i giornali e d'altri stampati. Lo speditore anonimo (pare che. fra costoro l'anonimo sia di prammatical) ha segnato con la matita rossa i passi comprovanti )'ortodo3llia fascista e razziale dell'esperantismo italiano. Nulla di nuovo, in fondo; nulla a cui non sia gi stato risposto -esplicitamente o implicitamente -e da voi, con grande dottrina e maestria, e da me con i miei pochi lumi. Sta il fato che l'esperanto d'ispirazione ebraica; perci; nella pi favorevole ipotesi, dovrebbe intervenire una discrimiDcmte an che per esso. In attesa della quale rimango no o noi il diritto ed il dovere di denunciarle. come antiromano; dopo la quale -se mai una discriminante vi sar-prudeoza vuole che ai continuino a tener d'ooc:bio gli esperantisti, come gente c che sta dietro la persiana. Anzi l'esperanto servir a maraviglia per riconoscere un certo numero di quegli ebnti daacte.tini. per altra via non facilmente individuabili, il cui pericolo fu segnalato anche dalla nostra Rivista, con un articolo di Umberto Angeli. Sono lietissimo d'aver sollevata una questione non priva d 'importanza (direi anzi, ch' stato messo il dito sopra un punto assai dolente dell'intemazionalismo ebraico) e vi ringrn.io. Per chiudere la questione pubblichiamo qt:este altre lettere sull'esperanto. Il capitano della riserva Alberto MDVOai di Rocca San-Casciano ci ha scritto da Genova quanto segue: Peplico per confutare sulle generali to hanno scritto : Carlo Cuma."lo d i Lerici asserendo cruo l'uso e l'insegnamento dell 'Esperanto (n= si conosce altra Ji!'.gua universale) rappre.rentinc un vero e proprio attentato alla in!e rit morale e cuitu:ale della razza. Detta dichiarazione che l'articolista fa a priori per dirsi ammirato dell 'opera santa che ;riene svolta da voi. molto a:zzarda:ui i n quanto l'unico scopo dell'Esperanto quello di facilitare ogni relazione fra gt uomini, senza differenza di nazione, razza o lingua, come ne fa fede lo statuto dell'associazione esperantista univer&ale nelle sue prime righe accettate all'unanimit in uno _dei primi congressi fino dal l. ottobre 1910 Lo studente Pasquale Aniello Jannini da Milano, dichiarando (anch'egli a priori) che d'accordo pienamente con il camerate Cumane e che l'ebreo Ludovico Lazzaro Zamenhof ha adottato l'Esperanto per la sue propaganda sionistica. Ci non vero, dal momento cbe persone degne di fede che hanno avvicinato U Dr. Zamenhof (oculista nato il 15 dicembre 1859, morto il 17 aprile 1917) asseriscono eh egli dopo uno studio non breve si decise a rendere di pubblica ragione la nuova lingua univer&Jie (propugnata fino dai tempi antichi da Bacone e Pascal) come c:orollario della constatazione che a Bielostock (suo paese di nascita. allora di circo: 3 mila cmime) si parlavano diversi dialetti che mettevano a dura prova la non facile comprensione degli abitanti di detto paese nonch dei paesi limitrofi. Cumano in un suo successivo articolo fa notare di aver ricevuto dalla U. E. A. (probabilmente replico io -dalla sede di Milano) un opuscoletto di propaganda esperantista. che dichiara ortodosSia politica e -razziale il motto latino di cui si fregia la Federazione Esperantista Italiana appartenente alla Federazione Fascista Enti Culturali; ma non sa precisare se detta apparte nenza risalga o meno ad epoca anteriore alle recenti provvidenze razziali, mentre posso assicurare che ha il suo controllo politiC:o. La insinuazione che una lingua universale offenda i sentimenti nazionali percb neutra. brutta. artificiale, insanabilmente grottesca, un'affermazione gratuita. personale e completamente falsata nel concetto generico, come inqualificabile quella che Roma non ha bisogno d'interpreti e particolarmente di un interprete eunuco. Ringrazicunenli anche a nome dei numerosi samideani i quali sono certcunente d'accordo cor. me nel dichiarare che Cumano poteVll. espri. mersi ben diversamente. La contraddizione stridente proprio quella ch'egli si sforza di dimostrare, confon-

PAGE 46

dendo lo studio di una lingue con la politica della razza. Ginetta Dall'Orto, alla quale risponder che il Dr. Zamenhol anzich preoccuparsi di dare ai suoi ammiratori un ideale d'internazionalismo di marca ebraica come essa asserisce, dopo essersi laureato oculista presso la Universit di Varsavia, mc:i essendo vissuto nel ghetto di col, consacr al beneficio dei meno abbienti diverse ore del giorno, curandoli gratuitamente senza preoccuparsi della loro lede, pur non tralasciando l'Esperanto, che divulg (senza alcun fine recondito) lino dal 1887, ottenendo l'approvazione di quanti riconobbero le: nuova lingua unico ausilio a fianco di ogni lingua parlata nelle pi lontane regioni delJ'orbe. Cori tutta probabilit la Dall'Orto non parla per scienza propria dal momento che si scaglia con accanimento contro gli esperantisti tutti e per conseguenza (certamente a sua insaputa) contro l'esponente, che assicura di aver piena coscienza di quello che asserisce e che si dedicato allo studio dell'Esperanto (di cui insegnante) dopo essere stato in relazione (per lettera) con non pochi esperantisti dei cinque continenti senza curarsi allatto della loro razza, ma solo per la passione alla nuova lingua universale, passione dettata dalla soddisfazione i poter tenere corrispondenza con tutti gli esperantisti della terra, pur senza aver conoscenza dei loro idiomi. Non trovo quindi scusa sulliciente per in fierire contro gli esperantisti mettendo all'indice ogni principio della loro sana e disinteressata attivit, desiderando vivamente che non sia messo al bando lo studio di questo disprezzalo Espercmto, unicamente per il fatto che esso stato creato da uno studioso che non appartiene (secondo i sullodati contraddittori) alla razza cristiana. Candido Boncolini di Torino ci ha scritto: Non ci sembra sulliciente per un'adeguata persuasione quanto Carlo Cumano e la gentile Ginetta Dall'Orto hanno creduto opportuno poter dire in merito alla interlingua esperanto. E' facilmente comprensibile come le allusioni ivi contenute non siano davvero contro il movimento sionista, n per la difesa della razza Ariana. Il loro scopo ben altro ed estraneo al periodico di cui si son serviti. Trattasi di ostracismo all'esperanto. Risponderemo confermando che Zamenhol, polacco ed ebreissimo, nacque nel 1859, mori nel 1917 e venne seppellito nel cimitero di Varsavia. Per i suddetti soltanto oggi (1939) si accorgono che costui era ebreo! La strepitosa scoperta non ci sorprende; per si deve anche avere il coraggio di dire intera la verit, e dovevano aggiungere che Zamenhol, ebreissimo, terminati gli studi classici, (era fervente latinista, di quel Latino che tutto pervade e civilizza) ben tosto si accorse delle grandi lotte e del grande male che il movimento sionista arrecava all'umanit. Si vergogn amaramente che la Maclrenatura lo CIVeva posto a far parte della razza ebraica. Si ritir mortificato, lontano dal mondo,lino a diventarne ateo o libero pensatore in fatto di religione. Per comodit citiamo: c Vivo de Zamenhol > di Edmondo Privai, Brita Lett. Asocio, 17 Hart Street, Londra, 6 presso i gruppi esperantisti di ogni citt italiana: si persuaderanno). Dovremo aggiungere che l'esperanto non la della politica; almeno nel dopoguerra. Per contro, non potrebbe dirsi egualmente delle lingue inglese e francese, cosidette interna-46 zionali ed egemoniche, imposte per servilismo a chi se ne serve. Esse continuano indisturbatissime a fare una guerra sima contro i Paesi Totalitari. E' lapalissiano? L'esperanto si fregia di motti latini, perch lingua Mediterranea. E' storico che Zamenhol, con la sua invenzione, si appoggi prevalentemente su radicali latini per l'BO per cento e greci per il IO per cento; il resto, vocaboli gi internazionali. In Italia, l'esperanto, meglio d'ogni altra lingua, svolge la sua attivit culturale a disposizione del Turismo, della. Moda, dello Sport, della Letteratura. E' per questo mo tivo che esso riscuote l'autorevole appoggio dell'Istituto di Cultura Fascista, dell'Ente Provinciale per il Turismo, del Dopolavoro Ferroviario, come lo dimostrano speciali squadre di ferrovieri facenti servizio alla frontiera Italiana, cd infine al servizio di numerose altre attivit e manifestazioni, a lini nazionali. Il Turismo Italiano, risaputo .. ha a'ssunto un tale sviluppo cosi potente per concorso di stranieri, che J'Enit, riconosciutane la impellente necessit, ha accolto in suo seno anche l'esperanto, in seguito a richieste di stranieri che transitano per il nostro Paese; ed oggigiorno si effettuano due dif fusioni per settimana dall'Ente Italiano Audizioni Radioloniche in lingua esperanto, con apposita Direzione Generale al Ministero della Cultura Popolare, che ai lini nazionali ne controlla la diffusione. Per quanto riguarda la letteratura Italiana all'estero, soggiungiamo che n:olte opere Italiane vennero gi dilluse in tutto il mondo e lette con interesse veramente lusinghiero. Fra queste opere citiamo le pi importanti: Dante, l'Inferno; Mussolini, Discorsi; Cuore di Deamicis; Papini, La Vita di Cristo e Letteratura Italiana e tante altre, per non dilungarci, nonch la Bibbia e la Carta del Lavoro, che varcano monti e mari. L'Accademico Papini cosi si espresse intorno all'esperanto: c l'opera rifl.-iva di tecnici sperimentati non dovrebbe riuscire qualche cosa di meglio dei linguaggi naturali, che sono opera irriJleaaiva dei volqbi? >. Ecco quanto scrisse UBRO E MOSCHETTO il 18 luglio 1936-XIV: c Con l'uso delle lingue estere nei rapporti con gli stranieri, si viene ad attribuire alle medesime una superiorit rispetto alla Lingua Nazionale, il che significa riconoscere l'impotenza della propria Lingua nel campo internazionale. c La Lingua Esperanto, opera geniale del dott. Zamenhol, vive dal 1887. Da quell'epoca essa si diffusa gradatamente in tutti i Paesi del mondo, in tutti i campi dell'attivit umana. c Molto semplice nella sua struttura gramn:aticale (poche regole) nessuna eccezione od irregolarit, pronuncia facile e ben deter. minata) molto pi facile di tutte le lingue naturali, per limitatezza del suo vocabolario; meno di 6000 radicali ulliciali; le quali, combinate con prefissi e sullissi, e composte Ira di loro, permettono la formazione di un grandissimo numero di vocaboli, per nulla in feriore alle lingue neolatine, l'esperanto per l'internazionalit delle sue radici lessicali, per le sue alte possibilit, si mostra pienamente idoneo al suo compito di lingua ausiliare comune moderna>. Prima di finire vorremmo ricordare ancora che l'Esperanto non vuole e non ha mai voluto essere una lingua totalitaria, come i denigratori la vorrebbero credere; ma soltanto c Ausiliaria>, la pi facile ad apprendersi da tutte le genti del mondo ed anche posta a salvaguardia delle singole lingue della Terra, senza alcun interesse, per-ch non egemonica, ma hngua di tutti. ,.; ai sullodali Cumano e Dall'Orto non presentino proposta di una lingua migliore. l'accoglieremo. Ma lascino stare l'esperanto. e se lo desiderano veramente, si occupino d: pi in difesa della razza e ne diano vera. mente pratici risultati. Il tenente colonnello di porto, Arturo Paaserini di Finale, ci ha mandato da Uvorno Zamenol era ebreo. L'idea di trovare u:. linguaggio che costasse alla gente modesto meno spese e fatica delle lingue in U3t (quando vengono in rapporto persone d: diversa nazione) gli venne nella nativa Bio lystok, polacca, ma mezzo secolo la sog getta ai russi. Vedere compaesani mal. trattati e processati per non aver ordini di gendarmi, gli dette l'idea di prcn dere dalle lingue europee le parole compr se dalla maggioranza continentale (una sol : per ogni significato) ed unlrle con le p:. semplici regole (senza eccezioni). Che, r legge d'indistruttibilit, l'ottanta per cen di tali parole sia di origine latina, per m rito dei conquistatori romani, si poteva su< porre, ma nessuno aveva avuto la pazien:: : di dedicare vari anni di lavoro per olfr:: all'Europa l'utilizzazione di tale unit h:. guistica. Che anche altri continenti lraggc: beneficio nello imparare detta sintes1 luogo delle molte lingue che la compC' gono, non guwta. In quanto al non adoperare l'Eapera:. per la ragione che fu costruito da un eLr mi laccio bello dell'aneddoto racconta dal rev. padre professore Modesto Care .. O. M. di Cortemaggiore (Piacenza) Pr dente della Unione degli Esperantisti c tolici d'Italia (Vedwi c Pro Famiglia> J IO agosto 1925, che ne riporta Il ritr a : : trovandosi in treno con prelati esteri. di essi, vedendolo leggere un pero<: Esperanto si meravigli che egli studiG una lingua ideata da un iaraelita. Ed pronto: c Reverendo, perch, non si b .. dal treno> c Perch? > -c Come :. sa che la macchina a vapore fu lnven: c da un protestante?>. Per conto mio posso dire che appresi speranto dal generale Carlo Corderc Montezemolo. in seguito a sua confere: nella Universit Carducci di Uvomo, c tro la servit linguistica nei 'convegni in nazionali, che ci danneggi ( e potr c neggiarci ancora ove manchino rappre. tanti che siano padroni di lingue estere Non potei esimermi dal servire il gliardo come segretario onorario della derazione Italiana di Esperanto, quando ne fu eletto presidente dal Congresso di ri (1925). Confesso che, oltre la gratitud<: mi spinse la curiosit di venire a ccc scenza di luth i vari elementi nazionali esteri che sono in corrispondenza con u istituzione, che, quando ero in servizio. era stata dipinta con le sole parole: ro: da matti. Ebbi anche l'incarico di preparare l Congresso Nazionale (Livorno, settemb, 1926), e in compenso, il piacere di ven: a contatto di persone che non avevano ali: di anormale che studiare ed applicare 1 mezzo di comprensione, che, lavacro d peccato di presunzione ricordato dalla Tor. di Babele, risparmi, almeno ai nostri nipc di studiare tante lingue estere che, ne servono mai abbastanza, torturano con la: le eccezioni e insidiano con inattesi id1 tismi. Che dire del sollievo di poter parla: specialmente con inglesi (nell'occasio: avemmo vari ospiti europei) senza us:J:

PAGE 47

l: :oro lingua e senza perci provare quel t : .Lio che mi rodeva quando, in Egeo, du : ,, :r: la guerra, parlando con ufficiali della ; .n Bretlagna, non volevo che credes :u che l'usare la loro lingua fosse un ri )::cimento della loro supremazia? Trova : nodo di ricordare che Re essi avevano ::tcrlne, noi avevamo glorie storiche :!ll:;tiche; ora non simpatico. : quanto a rapporti Ira ebrei ed Espe .. posso dire che fra i primi trenta stu in Livorno vi furono un avvocato ed maestra. di tal razza. Quando si costi 11 gruppo c Ni :Jemas pagaronp con 1 l e duo liro annuali, che andavano a hcio della Fedorazlone, ma quando con mio sollievo. si trasfer a Mi ;: lt1 quota fu elevata a lire venti. non o :::;ibile indurii a continuare. delta Federazione pu dare la lista truduzioni di opore del Duce. d1 Dante. :.1 "cc. che hanno potuto raggiungere : cho non avrebbero potuto prendersi .::o di 11tamparle nella propria linguu. :::io grazia della letteratura originale, pctltica, n<:lla quale ai .:naginalive di ogni razza, ma ho il do h ricordare che la Unione Postele 1 Universale ha disposto che I'Espe :;:u riconosciuto como c Lingua chiC .. c i dopo una inchiesta latta fare dal :qrctori a della Societ delle Nazioni :l<:vare quale Ira le varie lingue au progettate fosse da preferirai. Uno ,.,rgomcnti a lavoro duii'E. fu il be-: J cho i ciechi di tutto il mondo rica dalla modicil del co11to di un'unica 1 mensile stampata in tale lingua, a ::n rilevati. lotto 1l Mini5tero dolio Cultura :.:r:;i del nuovo mezzo di comunica-con pubblicazioni sul turismo .. p ... ricd1che radiodiffusioni nella stess.::J 1 :;i attirino al paese da parto di chi non conosce le lin :::c vanno per lo maggiore. quanto alla Francia avete ragione la concorrenza della sua c bella 1 di cui si vale per estendere sui quella che chiamate sottile schiavit 10 delimrei pericoloso torpore della .. ,d piacere, sempre preludio di dolo :vegli. ; .:mio per questo bene liberare p1 possibile dalla necessit d1 1mparore .. nqua ammaliatnce,ma pur piena di .. nelle eccezion\. nei verbi e negli 't. con la pi semplice ... :ione della lingua che i francesi stessi .mo c Latin Populaire ma che, per confusioni col c Latino senza lles rlel nostro Peano, (da riservarsi caso : chi ha la fortuna di parlare la da.> :ov.,lla) noi continueremo a chiamare ;'E A >eri:c di averla battezzata cosi del 'llstriaco losel Zauner, che. partendJ : inci pio che la unit linguistica aveva .1!o unit nazionali in Italia e Germa !!1coraggiava, col suo Organo de la