USF Libraries
USF Digital Collections

Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario

MISSING IMAGE

Material Information

Title:
Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario
Physical Description:
Serial
Publisher:
Società anonima Istituto romano di arti grafiche di Tumminelli
Place of Publication:
Roma
Publication Date:
Frequency:
semimonthly
regular

Subjects

Subjects / Keywords:
Race relations -- Periodicals   ( lcsh )
Jews -- Periodicals -- Italy   ( lcsh )
Race relations -- Periodicals -- Italy   ( lcsh )
Genre:
periodical   ( marcgt )
serial   ( sobekcm )

Record Information

Source Institution:
University of South Florida Library
Holding Location:
University of South Florida
Rights Management:
All applicable rights reserved by the source institution and holding location.
Resource Identifier:
usfldc doi - D43-00102
usfldc handle - d43.102
System ID:
SFS0024306:00102


This item is only available as the following downloads:


Full Text
xml version 1.0 encoding UTF-8 standalone no
record xmlns http:www.loc.govMARC21slim
leader 00000nas 2200000Ka 4500
controlfield tag 008 121018u19381943it sr p p 0 b0ita
datafield ind1 8 ind2 024
subfield code a D43-00102
040
FHM
c FHM
049
FHM
0 245
Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario.
n Vol. 6, no. 2 (November 1942)
260
[Roma :
b Societa anonima Istituto romano di arti grafiche di Tumminelli],
November 1942
650
Race relations
v Periodicals.
Jews
z Italy
Periodicals.
651
Italy
x Race relations
Periodicals.
1 773
t Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario.
4 856
u http://digital.lib.usf.edu/?d43.102


xml version 1.0 encoding UTF-8 standalone no
mods:mods xmlns:mods http:www.loc.govmodsv3 xmlns:xsi http:www.w3.org2001XMLSchema-instance xsi:schemaLocation http:www.loc.govmodsv3mods-3-1.xsd
mods:relatedItem type host
mods:identifier issn 0000-0000mods:part
mods:detail volume mods:number 6issue 2series Year mods:caption 19421942Month November11Day 11mods:originInfo mods:dateIssued iso8601 1942-11-01



PAGE 1

Ll DIFES! DELL! StiENZADOCUHENTAZIONE POlEND OlJESTIONABIO DIRETTORE TELESIO A. VI -n. 2 . 20 NOVEMBRE XXI r ROMA SPEDIZIONE ABBONAMENTO POSTALE UOJUISI SIA1'E, E iVO.Y l'ECO/lE JATTE, S CilE 'L (;JCDEU DI VOI TJU UJI SOS RID.f!'' ( UA:\TE \ 1

PAGE 2

SCIENZA ALDO MODICA: RAZZ \ ITALIANA IN SVIZZERA; ARMANDO TOSTI: PEDAGOGIA RAZZISTA; LUIGI MANZI: LO SPORT E LA DONNA; GUIDO LANDRA: IL PROBLtMA DEGLI INCROCI A TRINIDAD E NEL VENEZUELA ; MOD.: GENETICA. POLEMICA FELICE GR ,AZIANI: FUNZIONE DEL METICCIATO STORI C O DOCUMENTAZIONE ENCOLPIUS: IL GIUDEO NELLE LETTERE DI S CATERINA DA SIEN \ ; LIDIO CIPRIANI : GENTI DEL N ILO QUESTIONARIO EINSTEIN PLAGIARIO IL PRIMA E IL POI LA MALA COV .'\.T A M AN O S C R l T T l A N C H E S E N O N P U B B l l C A T l N O N S l R E S T l T U l S C O N O GLI UFFICI DELLA "DIFESA DELLA RAZZA" SI TROVANO IN ROMA PIAZZA COLONNA (PORTICI DI VEIOI TELEFONO 63737 62880 CREDITOITALIANO BANCA DI INTERESSE NAZIONALE SOCIET ANONIMA 1 CAPITALE LIRE 500.000.000 INTERAMENTE VERSATO RISERVA LIRE 128.000.000 sEDE SOCIALE GENOVA t DIREZIONE CENTRALE MILANO -OGNI OPERAZIONE E SERVIZIO DI BANCA { (

PAGE 3

. A N N O V l -N li M E HO 2 .20 :\OVEMBRE 19 -12-XXI t:!!t:t: Il. S t; Il. :.!U 111 UG.'i l :llt:!'t; t : :'i :'iU!IIt:Hti !!t:J'AJI.\TCI J.lllt: l \ 111111 N A M T Cl \ 'i :'o 1 ; Il 1 1 H t: 2 Il A R IlO SA M F. :'i TU l't:llft:!l'fH.\I.t: l:! t: !O T t: H H l l. Il U l' l' l 1t Dirt>ttnrt : 'I'ELESIO I NTEHLAND1 Comitatu''.di rcda7.ione: pruf. olull. c;nuo L\NDR:\ prof. dott. LI DIO CIPRIA!Iil oli rC'
PAGE 4

t necessario stabi-lire le basi di una soluzione mente ariana della n o s t r a fu tu r a esistenza FUNZI Nel meticciato va ricercata la causa fonda-mentale della decadenza e della CriSI dei grandiImperi della storia I n omaggio agli 1mr.g/i11 ./llrrt'lll/1111 d in: tigli iwwrwr/1) di 1/.TI-rl urclwologiu ru:.:ialt: clw portu cllrlilluamlnti nut/1 '11 lllct misltru dtllt jomlwnt rrtnli tictndt sloriclw. ral,. u tlirf' sllltt must t/, progns.w i" dtlla dtc:uJc11:.a dtllt ru:.:., 111/IUIIt'. 11l tli jrwri di ogtii ,:erbulislica gittmlsticu e di ogni critica .. 11011 inopporlUIIO 'jart' untt. a11ulisi di qud jttw/llf'ti di t'IIIIIU/It intomo ulla ,{,di Ullt.t p11rt,. dd billnLo. l' pi prtcisamt'llte del .1QII gue aria11o. nl mtticrIIW ttnic.o -di'i 1111/ichi ,. di qurlh' pi recenti La riPI f{iOI'fl a sco prirt. oltrr al" di pus t' di Hl'lllurr, Il' pn "'"' .wlu:.iollt' dtc i MJmentr ariana della no.Hm ju./um rsislt'll:.tl. Origi11uriumente. comt pochi tllttora di suptn. [,, carallt risticht purtit:olari t/dlt m:.:., IJianc/11. tltllt mz:.e nt'{!ft' ,. dt/L, ra:.:.t gialle eratw molto pi rd t!tidenli clrt of{gi. / pritmJ luogo /u differenza dd colore mttissinw. .r. molt,. altri' .
PAGE 5

ONE ANTI-ARIANA del meticciato storico t'rtt (l(/ completomenll' Nullo il tf,lfa trudi=ion,, l n antittsi ant.ropu/ugica e alla genie n t' r:edianw f,. ru:.Zt' gialle originarie. (/ui /,. distanze sunwt!che erano estremi'. <:!}tnt' dtl oggi. Le ra:.Zt' giallr non hanno nwi tlinwMmtu. a di/fert>n:.a di'li m:.:.l' bianchi' t tblf,. ra:.:;t ttl'/!,rl', una grandf. vigoria dt>l corpii Comt purt tll'llt facolt dtlla di qupgfi f'CCf'ssi wntu comuni ai negri .4ppl'liti dt>boli. r uumt piuttosto che tt>nact. ur1 coslllnte ,. JWrJwluo drl!P m.aJniali soddi:sfa:.i oni. Con unu CPrW ptr i pt riori r uluri tftllo ,, con una mentalit emine n ttmtfltt praticu. poco 11 11ulla inclini agli ed a{!li id,.ologi . portllli ulla rirtrca l'Il alla innn=ionl'. i gialli hann" sl'tnprt dimostrato ;,,. ,.,., . fin dai primi tt:mpi. una t' una aMliJ .wrpremlrnti (1(/ ppprP:::;arr t d a mtllnt in a pplica :.io ne lt> pi utili t!tllt quali nnnrro 11 ronosctn:;ll. F:i t'ecu illl't't 't' u11 profilo dPllc ra:.:. /,iunche primordiali. Energia o ptr dir mt' {!lw. un'intt>lligPTt:.a porto/ti tinth a menlt a l'attir : it pratit:a ; \enso t 'i tJCJ d,./futile mo non ficatu materia/t t!el tPrmint. bens in un si{!nificato pi elrr'(J./.(), di esten sioni' .\ltJTica l' morale: una roMtln:.a di r;o/ont t' di che ajfronta gli o s tacoli incontmli .wl et.rmmino d,.fr t>sisttm:.u P trova u lungo andore. i nu?:.:.i ptr superarli ; una suptriore forza mu.:sculare. 'Un i.dinto t'CN'. ::onol.mente t'l'Oiuto inte .u principalmentt' comi' di consermziune: istintim O!{ni deltrmina:.iunr lor tiri rnpporti sociali. qut>lla. ad est'mp i o. in cui r isst'TO sem prt' i Pi degli altri affe:.ionato ullu r itu. comt 11 un! tU .cui sapt'r:a appre:.:.:.art. al gmdu. il ralore di impie{!u. (uomo hianw stalu .\emprP sospinto. in ogni allo. dal entimt nto drlfonurc; sentim e n:fl quon -mai elevaJo t? profondo fin dal/t.' primt orif!,ini e semprp riPt oeaJ.o. at trm: ersu i SP.coli e i millenni. twlle COTLcP:.ioni politiche. nella fede re/i t' supru.ttuUo cosci e nza della p e rsonolit indir,iduole in mez zo alle m:.:.e bianche tle/I'Eum..a P. pi ,pecialmente in ml':.;;o alla fami {!lia degli A ri.ani, di qudl; cio c !te dalltr _iur:.u di qur. s to se-l'! t ire derivarono il nomP proprio (ur) a = onort' i La supriorit dell'uomo hinnro inoltn n e ttissima nel campo dell'intelligen:.a. in t'Salta corrisponden:.a alla manifesta 111-fnioriJ nel campo di'Ila fisiopsichim. Questo ; sommariamentt. il quudro dl'llu pnmllu-o dr} }eren:.ia:.ione m:.:.iale t/t/ genrrt' unumo; dijjeren:.ia:.i.onl' che oggi. natu ralmente. nm1 pi la Contatti t' mr.scolan:.e pn quanto par:.iali e. sin{!olarmenle presi. d; !if'Vt' momento. hanno .finito infatti col produrre. 11 lunf{O andart un certo ibridi smo di e di psicologr .. pi 'di/ fuso attrat ersu i /t'm pi, ca{!iont del qual t.' ft caratteristichl' ori ginarie delle raz:.e hanno subito profondi' altera:.iuni .41/c so11o indubbiamente dvt>uti msti t' compll'ssi fenomeni di ordine s/.()rico. socialt politico. j ntellettuale. morale e spirituale. che qui di t'Saminare partiwmenlt' per otTie esif{en:.t' di Non per questo, s'intende, r ogliamo a.ssolutamentt' negare ri su.ltato accettabile degli im: roci Ma. non possiamo far" a meno di r.nnstu tare che il fenomeno dd me, ticciato ha prodotto. t duvet'. fatolf!lente pro durre. al di fuori di 0(!.111, accidtntalr e.//l'llo. lti drrodt'TL:.a dtl sangue supniore. A l nostro al idealr poco importa che nel meticciato rn:.ze i11{eriori ,,; elemte n dignit 14 qualit alla lorn prr.-. ,. Oue11o prlgionler scl\'le Ileo porta 1ul volto le sHg mali del metlcciato

PAGE 6

Immagini del paradisc.1 dE.i meticci, gli Stat i Uniti. Dal i n basso: il pri mo generale negro dell' eserc. t o nord-americano, Benjam i n O. Dav i s; un dEputato negro del Congresso, Oscar De Priest, lologralato ass ieme alla moglie e alla cognata; le telefon iste negre sono in gran numero a Huova York ; non i l caso, neg11 Stat i Unit i che un bianco lustr i anche non metaforicamente, le scarpe a i negri. cdenle natura: a noi lo rinrrtsct!. 1 tlolorosamen/t. ciii'. nelle medepropor::.ioni .. rimasta inquinalu t' ahhus.sata nu par/t' di quel san gwc che di'l genere uma n o cmliluica e co.tifuisct la pi nobilr e t igo rosa incanreniente questo dlt' contropartita polettt c potrebbt compt>nsare. l no/tre da rill'rur. clu! /t' complicu;;ioni storicht del mtticciuto IWfl/111 finito ptr produrre 1111 rrrtu 11ei .primitiri camtleri rli op;ni ra;;;;a. Vale u dire che u na cata premlcnlt urmo11ia l' I'Ofll' lllllilan;;a di cara! /tristiche fisichr. psiclzichr e intellrl/uali. in ,rp;uito al l't'nlll' nu.tomatitaml'll/1' ad intrrrompnsi. Doti di lw[/,.;;::.u. di fisiro l' di intelligeu;;a che prima. nl'llt ra::.:t IJianche. l' negli A ritmi. 111l/IO quasi co11p;iuute. si a/11/anwo .lt'mprl' pi .H'JHirundiJ, punt'/1 dosi p1r}iw A ;,; contrasto lilla cnn l'ultra iu quella pur/t di. unuuiit tVII lamina/u dal mtticciatu. E. nt'l nlt'ticciato. furono t/11/ttralm<'fl/t lt p;tnti hianclw a pudtrt della Imo no/Ji!tt ra:.:ialt. stn:a ,/i 'rifar.H'lll' n rli lornart, per una. ipotttica .. ricompmi:.iont . all'inltgri!ti vriginuria. a mu,u di quella altera:inn1' irnparabilt di'Ile caml/triMiclw . wmaticltt e dtt' la lt'f!,{.t' dtl . c;sposi::.iont cht prl'crde. Jll'l quanto sintetica. 1101/ ;. Ct'r/llnll'/1/t frullo dei/a uostm }un/asia. Es.a soltanto da qw(/o ciii' lu Moria lta inoppugnabi/mPII/r retristm/u t' /tslimonialo 11i poslc:ri f." l a in/utti che ci d ln pront pi conriucrnlc dl'/[a, dti .wtllf!.llt' bianco. ,. pi prtci.wml'nlt d1l .Wnf!.Ut' ariano .. w lUI/t !t allrt p.enti }i no dalla pi rt'IIWta (poca. un:i allora molto pi di Olf,j{i. f: la ,toia ciii' ci in.H'f!.IW CUI/li' qtwsti Ariani. llllllll'l'lldo pn la prima rolta tlullt .regiuni dtll'A.itl ctntrosl'l/tntrinnalt' com, ah/Jiamo tliffu.anlt'n/t tf,._ prectrltnti urticn/j pnnnis. ci1iltti ,. cnnw iri, a .Wgf!,t'::.ionr la pupola:Oitp indigilla. la jonda:.ione di gni t>rl impn,: che duram11o sl'cnli t' .H'coli. /m di p;mndl'::.:.a. dii po /en::.tr. t' di: !II. militarr. E' la storia cht ci documt'll/it come la lo;o dPraden:.r' c In loro rorirw roincirla cnn il della loro t'O.imila anni Jr .wru:, allr regioni dell'lndo ,, del Gangt. jino allr rit r del Bra .hmaputra ,. l dominarnni> lungumt'll/t' . ar,nici. f:llrni, altra ra::.::.a di Ariani. cnnqui.fatori della Grecia furono dei pt [!.lorirMi popoli dP!la storia finch-rrs/
PAGE 7

Italiani l l l!. Tedeschi Francesi Ili RAZZA ITALIA N A I X SVIZZERA E' o,;.,.;enare come viaggiando dalle prealpi lomharde e per il Lrio ed il Verbano. da Val Solda. Val di Rezzo. Val Cnargnone e dal bacino del lago di Como !'ino alle alte ,alli del comasco ri;:alendo sino in territorio sviz zero. nulla nell'ambiente hiosferico. nei caratteri etno-razziali e nell'aspetto ge_o grafico e naturale tradisca i'l cambia mento di Stato. La stessa sensazione si ha quando si sar osservato quell'insieme geo-etno-ra?.ziale che costituisce il hacino inferiore ed il bacino superiore del Ticino e quando pas;:ando dall'alta valle d: '1elazza o dall'alto On:'PillOJI'' o alla testata di Val di Campo si tra scorre ad_ oriente r.ella Val .\leso l cina c nella Val appartenenti al cantone dei GriJ!:ioni. Infatti il hacjno inferiore e superiore del Ticino non sono. n geograficamente. nietnicamente ;;eparabili. Cos il Vallese. I'Engandina. la Ladinia tran!'al pina non rivelano un preciso distacco antropolof!ico rispetti,amente alle zone pedemontane del ver!'ante ita liano ed all'intero hacino padano. Una va!'ta zona antropolof!ica pi o meno uniformt> si estende dal Piemonte all11 Lnmhardin : presenta all'incontro una percentuale del1'8{) in biondismo oi che una dolicocefalia di tipo nordico accanto a quella di tipo mediterraneo molto meno depigmentata eri o\e predomina in morlo deciso il bruno chiaro e la capellatura castana o hr!n". Gli Autori sono d'accordo nel rite nere che que;ote zone della s,izzera antropologicamente non possono separarsi dalrarea dolicoidf> che abbraccia gran parte dell'Italia settentrionale da occi dente ad oriente e da nord a sud sino al tipo e!mscoide che del pari rloli cornorfo. Con le conclusioni generali di Von Eickstedt. di Weinert. di Montandon. di Poisson. concordano Canella ( Ra==e u manp estinte e torentiJ Stef anelli ( Ra:=c umane italiana) Biasutti il quale. nel suo recente trattato sulle raz ze 11man"'. ha scr;tto L'elemPnto doli. cocefalo bruno un componente impor tante della popolazione della s,jzzer! va 1] iv a D nedemontana ed esso ha per lo pi i t-ratti fisionomici delle forme sud-europee. E' cE'rto ner. meno hrunn e. come in yarie parti df'lla stPS:'a Italia (1el :\ord. presenta in molti soggetti scar,.;a altezza {'f'falica :.. 7

PAGE 8

T i pi deii Oberlctnd di Berna. In a lto, un dollc celalo b r uno e u n dolicocefa l-o biondo; p i s c tl o d u e tagane b r achimorfe d i tipo a l p in o u na con. .nll e nze soma tlche nor dic he, l'allr a con intluenz e med iterranee. F.' caratterl;;tico il fatto che nella zo padana sj hanno indici cefalici di S3.0 e 82.9 p.rP.dominanti e nella zona italiana pedemontana gl'indicl cefalici toccano la 'lllisura di 85.0 e 86,9. La stretta c9n gl'indici cefalici iranslpini -ed alpini del territorio sviz?.ero ladino e ticinese un elemento che prova la unicit razziale per l'aspc.>tto craniometrico. Tanto pi che si ha un rlistacco tra gli indici cefalic dell'Italia centrale e meridionale e quelli sin ora considerati. .. Se osserviamo poi le percentuali ita liane di biondi!'mo in base alle tavole del Livi troveremo ehe le cifre rela tive al Veneto. alla Lombardia, alla Li guria, -Pimonte nn si discostano af fatto da quelle date per il Vallese. il Ti rinese. e la Ladin.ia in genere. E poich tratta di mellere in raffronto fra lo etnie montane o snbmontane conside reremo le corrispondenti wne italiane delle regioni anzidette nell'ambito di una altezza sul livello del..:_mare di 400 me tri. che il minimo che si possa con siderare. Le percentuali italiane sono 14.7 per il Piemonte, 13,2 per Ja Liguria. 10;5 per l a Lombdrdia . 16,4 -per i l Veneto. Ci f. similmente come abbiamo visto nelle zone svizzere considerate, All'in rontro passando all'Emilia si salta ad un : perrento di 8,8 e di 6.5 per le Puglie e di 5.:{ pi' la Siciiia. di 2,1 per la Sardegna. Il colore castano della capellatura che abbiamo visto predominare nella Ladinia e nel Canton Ticino la per centuale d e l 63.1 in Lombardia f' del 61,3 i1el Veneto e sceiule al 57 per cento in Campania e al 43 per cento in Sardegna. Gli occhi azzurri incidono iil Svizura ladina e ticinese nella misura del 16,1 per cento ed iif Piemonte nella misura del 13,6, nella Lomhardia nellil misura del13,4, nel Ve1;eto nella misura del 15,7. Queste cifre raggiungonJ quelle svizzere se si considerano soltanto le sta tistiche relative alle regioni montane. La statura media nella Sviz1era ladi na e ticinese. come i rileva menti del 1932. di ]()8,6 quella delle zone italiane considerate da 165 a 170. Il facies dei ladini e dei tidnesi ;. quello corrispondente alle zone antropo etniche cle) comasco. del f riulsno. del varesotto, delf'i:ntale detta ca da fijc un luogo di radunata e di soggior no per la famiglia come ci avviene tra i rurali della pianura padana e del friu lano pedemontano. Le pitture rupestri liguri del bro nzo ci narrano l'uso di scassare il terreno c e n la zappa anzich con l'ara tro : Anche oggi in Ladini'a si possono vedere donne intente a questa bisogna comt> ci pu veder!.'i in alcune zone non meccanizzate dell'alta Lombardia o del. l'alto Veneto. L'usanza eli preparare il castagnaccio facendolo cuocere come le fette di po lenta nel mantovano e nel lomhardo veneto su pielrt> arroventate sotto b cappa del camino. alto e solenne comune al l'Engadina. al al Vallese orien tale come alle ziJne italiane. Si del pari una diffuM cre denza c fatture:. i cui riti e for mularii sono :
PAGE 9

mistica arvale, in lorme odierne viene continuato nelJe camp agne italiane at traverso la' benedizione delle bestie pri ma che vadano a valle al principio del l'inverno O .risalgano in montagna al principio dell'estate. 'In Ladinia eome in Italia il bestiame viene adornato, in ta le fe s tivit ,' con fiori, e nastri e condotto in processione attraverso i centri rurali d e lla circoscrizione cui E' particolannente notevole poi il fatto che l punto di vi.st_ a paleoantro pologico una rivoluzione si verificata in queste zone svizzere che erano domi' nate nel neolitico dai brachicefali pala. fitticoli i quali, per via di, pressioni iinmigratorie," si sono spostati ad ovest o ad est fondendosi con altri elementi antrpJiogici preesi.stenti. Non certamente chiaro, anche am mettendo tali migrazioni fonate. come le granli stazioni neolitiche delle civilt. maddaleniana e tardenesiana che poi evolse ad un neolitico influenzato !ial gri maldiano del nord-ove8t itlico e come 'le stazioni dellacivilt indoeuroj>ea delle palafitte poterono essere sostituite in tempi protostorici e storici da civilt di tipo mediterraneo .e ce1to-italiche e come Reti ed Illirici poterono portare in quelle stesse zone la civilt di Hallstatt e gli Etruschi poterono spingere le loro nu merose colonie al sud di quella che poi doveva diventare la Ladinia romana. Senza poi entrare nella complessa questione ai palafitticoli ed ai terramaricoli, che potrebbero anche essere una evoluzione ambientale dei pri mi, pu ricordarsi che le principali sta zioni europee di questi popoli furono proprio nelle dianzi considerate' con un movimento da nord a. sud verso la pianura padana e la Ligu ria.. Alcuni autori. come Pigorini ed Helbig, hanno pensato che le e le palafitte dei laghi dell'Italia setten trionale e della Svizzera prealpina _e pe demontana abbiano una comune origine etnorazziale. Mentre il russo Mdestov h& invece voluto dimostrare che si tratti di due civilt distinte una delle quali ha combattuto e som!llerso l'altra. . Ma nella scienza attua] e si va diffondendo l'opinione i_,terramaricoli arii p'rovenienti dal sud-est europeo .. dato luogo successivamente Latini e agli Albani e si fatta che la Roma quadrata fo5se sul Palatiho pri. mitivamente una teriamare. Queste ipotesi e questi studii porte rebbero sino all'et del bronzo l'unit etno-razziale tra le zone del nord-est italico e le zone del svizzero. Ma noi. non vogliamo spingere in ter reni controversi e pristorici l'indagine quando attualmente il facies antropolo gico ed etnico della Ladinia sqperstite ci ap}>are di un-inconfondibile tipo ita ico. ALDO M O _DIC A

PAGE 10

Al tramontare del secolo XVIII erano irf voga le questioni vitali e il pro blema pedagogico che uomm1 em1ilenh teneva. no de5te con l'opera pratica con gli scritti. Si pu dire a-nzi che allora precisamente la pedagogia si liberava dai vechi metodi empirici" ed assurgeva alla di gnit .di scienza, inaugurando un'epoca nuova per riforme es senziali, adatte all'indirizzo dei tempi. Pestalozzi fu allora il padre della scuola popolare: Froebel del Giardino d'infanzia: ,' Herl\art dell'istruzione classica L'Emilio del Rousseau fece trionfare, sebbene esagerazioni, l'indirizzo naturalistico sopra tutte le educazioni e morte : Come istrui sce i suoi figli del Pestalozzi introdusse la in tuizione comP. solo metodo efficace per ottenere pratici risultati dal lavoro educativo: La educazione dell'uomo di Froebel perfezion e svolse il metodo pestalozziano. Tale lo stato della pedagogia al sorgere del secolo XIX, ma essa sarebbe in oggi sempre pi imperniata su canlinl se avesse cercato nella fisio logia e sopra tutto nell'antropologia i suoi fondamenti E' sempre l'antropologia che, in una forma o in un altra, penetra ovunque, e porta il suo spirito riformatore, il suo in dirizzo positivo e scientifico. anche l dove regnava assoluto il genio o l'empirismo. 1 Onde chiaro che sopra tutto lo studio dei rapporti tra la scienza dell'uomo e la scienza dell'educazione occorrf; a chi ha l'ufficio d'insegnare e di educare. L'incertezza degli odier ni metodi educativi intellettuali non che un atto riflesso delie incertezza delle idee di persone le quali, se pu cono-OJ scono la psicologia dei dei fanciulli e degli adole scenti, non hanno con()!;cenza esatta dello svolgimento fisiopsi chico del cervello umano, e credono di potere far raggiungere il perfezionamento desiderato coll'applicare empiricamente dati e cognizioni le quali sono non .. di rado in aperta contra dizione con le leggi fisiolosiche del corpo e della mente del l'uomo. e creano all'intelligenza un mondo fantastico, ideale. lontano dal vero. con dispendio enorme di forze in un cam po dal quale non si potranno trarre mai i frutti positivi, ne cessarii alle esigenze della vita E se vero che ciascun po polo. o. pi chiaramente. ciascuna nazione, ha nella costitu. zione fisica e intellettuale della razza quei caratteri fonda mentali che rimangono sempre, costantemente inalterati. e co stituiscono quella maniera generale di sentire che la carat teristica dell'organismo nel senso psichico; se vero quanto asserisce il Goll, e cio che fac,olt .degli individui appar tenenti ad una stessa razza hanno solamente una differenza di gradazione ; chiaro che ogni deve essere de terminata dalle attitudini. dalle inclinazioni. lai carattt'ri della razz, alla quale gli educanili, appartengono, Cos l'educazione non pu in Italia prescindere da)la di sposizione alla disciplina che insita nella nostra stirpe. Il frutto che ha sempre dato l'educazione del soldato, e spe cie (per il tempo pi lungo) dell'ufficiale italiano deriva da che questa -pwnta uomo ch.e nmce rigogliosa in. Italia, come scrisse l'Alfieri, ritrova in quelle professioni la disciplina a &pi appropriata, cio una disciplina onesta. severa. ed adatta a domare il soverchio rigoglio dell'individuo. Quando

PAGE 11

la razza italica vide sciolta la Patria nell'Impero, disavvezza dalla milizia, sopport al cadere dell'Impero gli invasori, ma lu disciplina vigorosa risorse poi nelle convivenze pi rigi"e, prima sulle navi che nei comuni, e pertanto le gloriose flotte amalfitane, pisane, sicule, genovesi e venetp fecero frut tare nativo degli individui italiani. sotto la re gola salda e precisa del capitano. Dalla ciurma della nave l'abito rinnovato della disciplina pass in un secondo tempo alla mi1izia comunale. Onde, quando la Rivoluzione francese ci lasci, quali eravamo da secoli, rassegnati e disperati, di!!l'Ordi nel nostro intimo, disavvezzi dal sentire la vita nazio nale, continuando a 11entire l'Italia come una remini11cenza let teraria, freddissima, traendo i tipi tragici dai greci, i comici dalla Francia o da una sol delle nostrp regioni, gli eserciti italia.ni che avevano una bandiera propria, ritemprarono ed educarono molte migliaia di abitanti della penisola. e preco nizzarono l'efficacia mirabile dell'esercito che ancora oggi scrive ovunque pagine di gloria. MoHezle p cicisbei. pi che dai vf'rsi deii'Aifil'ri e del Parini, furono sradicati in Italia. come nota il Balbo nelle sue opert', dalla virilit pratica o militare degli Italiani. Certo. quei militi chp furono poi i militi di Eugenio e di Murai. nella pace e volgarit dei tempi dal 15 al 20 furono delle : notevoli intervalli di grandezza e di civilt agl'Jtaliaui del Mezzogiorno. dagli ordinamenti pitagorici a quelli romani Ora questi esempi furono efficaci solo perch trovarono m1a facile e naturale applicazione negl'istinti e nel tempera mento della razza. Epper questa educazione alla disciplina sar sempre pi nt'cessaria domani quando. dopo la guerra vittoriosa si fonder il nuovo ordine eur )peo. Nella su.1 Prda gogia, Emanuele Kant dice che Ja scienza dell'educazione de ve tendere a formare un futuro migliore. E questo futuro le nuove generazioni del Littorio prepareranno, quando a loro volta insegneranno al mondo: che solo con un regime di fer rea disciplina, le societ potranno a\'ere esistefl18 pi calma e pi riposata. Solo allora, illuminati .e governati da una nuova coscienza. esse potranno prendere assetto migliore; un assetto pi normale. pi umano e pi cristiano insieme. L gia ce. se non in tutto. in non piccola. parte il mister.o della li bert. della possanza, della vita prospera e forte per lo Stato. come pt'r l'indi,iduo. E come dal 1100 al 1300 l dove fu rono meglio gli ordini e i ceti dai giuramenti fidi, daJia squadra navale. dai consorzi religiosi e civili, sorse da parecchie citt italiane una nuova supremazia marinara ed artistica, di coltura e di ricchezz.a, tra le nazioni rideste a qtiella luce; cos la nostra educazione alla disciplina rinnover adesso il mondo che sorger sulle rovine dell'a,nar chia liberale e plutocratica. ARMANDO rosn

PAGE 12

LO S PO La generazione venuta su dal lievito della _guerra europea e della Rivoluzione fascista, che _ci. ha raggiuuti e superati uella ta glia, ha caratten somatici e psichici che si scostano un poco da quelli rimasti nei ricordi dei nostri venti anni tra il1915 ed il 1918 e richiamano la nostra attenzione. "' . La nostra razza rifiorendo in una maniera prodigiosa. Le,(lalestre, i campeggi, le colonie; gli sport i cimenti dei Littoriali non sono state opere vane. li Fascism, curnr1do l'attivit l'isita della donua, ba inte,;o pre pararla ai suoi alti destini di vesta le, del fuoco sncro. delW. Patria. Preparare una femminilit sana, consona alla sua fun zione di' migliorare e perpetuare la rnzza, anche attraverso ed al di l dei grandi cataclisJni storici. Raggiungere un modello di bellezza classica,. dal puntQ di nrtistico ed anatomico. un'al'llJOnia di forme, una solidit di membra Unii< fierezza di ca.rattere non disgiunta da una nol1ilt e "gen tilezza di pensiero. Sagomare un poco ulla voltu, con i giuochi e gli eseJ'cizi 11i semplici, prima, e gli sporti pi complessi poi, il tipo di donna 11i bello e pi 11erfetto della nostra razza. che principalmentll s'accosti al materno" Tali aspirazioni non sono state vane, come gi qualche indizio abbiamo notato segnalare, specie a coloro che temono che gli sport mascolizzino la 1lonna. .... modello> dovrebbe conispondere Il questo insieme di grazia e di forza nella donna1 Qual' il modello che 11er nnupnill. di formesi accosti di ,pl alla bellezza classica che ammi1iamo nella statuaria greca, e s:. lascia 11i auunirare ed IIIIPJ'ezzare nel le competizioni sportive! Quale questo modello che noi a:;piria 1110 a sbozzare e attraverso l'attivit fisica? Fin dalla pi lontana antiebit sono state fissnte-per determinare un modello di bellezza mor:fo)ogica delle unit di mi sina, -rappresentate da questa o quella parte del corpo, In quale doveva essere comp. resn determinate volte nella taglia, presa tome modello. I grci tennero i1resente 'la larghezza della mano, e la lunghezza del piede, altri l'altezza della te.'lta. Modello fu la Ve nere di Cnido di P1assitele (JV" li nostlo Leonnrdo prese come unit di misura la faccia, facen lloln rientrare dieci volte nell'nltezza; gli artisti moderni pren dono come unit rli misura In testa che dov1ebhe rientrare scltc volt nell'altezza e tre volte eil un terzo nella lunghezza delle braccia, e quattro volte in quella degli urt:'j inferiori. Questo mo rlello dovrebbe, a bracia aperte orizzontalmente, 11ermctterc In costruzione di Jin quadrato, secondo Leonardo, e (molto. 11rima 11i lui, Vitruvio) con i lati orizzontali 11assanti per la te,.;ta e la pia u ta dei piedi, quelli vrticali per le e-1tremit delle dita. Oppure dovrebbe, a braccia sollevate fino nl1'altezzn della testa e le galit- he divaricate ad 'angolo retto, in un cerchio toccante la 1mnta delle dita c le piante dei piedi; raggio, la distanza dall'om" belic;, alla punta dei piedi. n'al lato artistico sono presi in considerazione, poi, i punti di eontatto dagli arti inferiori, .nella stazione eretto, e l'entit della lordosi lombare; e cos, a talloni uniti questi punti di contst.tto essere quattJo, al terzo su11eriore delle cosce, ai gi nocchi, ai polpacci, alle caviglie; la lardo-;i lombare, misurata con perpendicolare abbassatu dulia parte pii J'ientrante delln curvatura su di una linea tiratn dalla deeimnvertehrn toracica 11lla parte pi sporgente .del sacro non dovrebbe superare i quattro centimetri. Dal punto di vista antropometrico, poi, l'altezza media rlella donna matura dov1ebbe essere rli m. 1,58, con un peso cor J'ispondente, nelle varie et, n quello indicato dai due ultimi nu meri dell'altezzn (meno due, tre unit t'ino ni" 25 anni). Ln larglJezzn delle spalle (hiacromiale 35) dovrebbe superare di poco quella deleranche (bitrocanterico 32): e cio .di .due-tr-e -eeutimet-ri (memre.ue11'uomo la differenza molto pi forte: 8-10 "cm.).,Que ste proporzioni forse mernviglieJanno ancora degli artisti e per sino dei medici, come il .pubblico, abituati a ritenere che leanchc rlovesHero essere pi larghe delle !!palle. (l<'ino al in l'atti !di nrtisti il tronco; erroneamente, ad un ovoide eou l'estremit !)i gl(Ossa in alto, nell'uomo, ed in basso pe1 la donna) . fl IJiametro bitrOCIIJlt.eJ'ICO (anche) .llovrebbe SUJierltre iJ llitresto iiiaco di due-tre centimehi, 11111 non 111\1. Il punto di mezzo del l'intera altezza, della taglin normalll, 1lovrehhe corril!pomlere al pube. Tali (lrO!Wrzioni ho lllllulo ristontrnre in numerose ragazzo dai 14 ai 20 anni dedite all'ntleticu )p.ggiern, e K(lecialmente con assiduit al pattinuggio u rotelle du pii 1li un anno. Mi li .mito ad accennare qui spHil ui raiJIIOrti tru i rlinmetri hitrocan terico e biacromial!' thc mi hnnno dnto peJ' unn media di taglia di metri 1,58, unn medin di cm. 32 per il hincromiale, di 29,4 11er il bitrocnnterico e di il hicresto iliaco (In medin rlell'altezzn gi uguale a quella rlclla donna matura, mentre quella dei diametri trasversali sen:iibihnentl' inferiore ancora). Nelle adolescenti trn i 14 ed i 19 nnni dedite limitatamt:nte agli e8trcizi ginnici ed agli llport (nuoto, fiiiiCO} raJtezzu media risultntn di m. 1,53; il diametro hincromiale 34, il bitro c.anterico 29,5, il bicresto iliato 26,5. Tra queKte ragaZfe e le precedenti si nota qualche differenza nei rilievi antropoutetrici e cio che nelle prime pi ha11so l'indkoe di robustezza dato dalla differenza tra il hineromiale ed il bitrocanl.erico, il che lli gnificn che si ai caratteri somatici corrispondenti al loro sesso, al tipo 1 terno che caratterizzato !!all'annulla mento della differenza forte nel ma11chio (R n 10 cent.) tra il biacromiale ed il bitrocnnterico. Si dovrebbe da tali con11iderazioni dedurre ehe lo llllort e 'gli cizi fisici che richiedono prevalentemente l'attivit delle ma11se muscolari dell'addome e degli arti inferiori portano pi presto l'adolescente a raggiungere lo caratteristiche del c tipo materno mentre gli esercizi che tengono in attivit tutti i muscoli ma In quelli del tornce e degli urti Ruperiori fanno pi ac l'ORtare la giovanetta al tipo maschile, solo per la maggiore am tJiezza delle spulle e non n danno del bacino, il quale In stessa ampiezza notata nell'altro gruppo. Quesie osservazioni ci portano n concludere che, se pure l'attivit fisica rlella donna si orienta di 11i verso quegli esercizi che fengono in movimento tutto il corpo, ma in ispeclal modo i mu'!coli del torace e degli arti superiori, ci la maseolinizza solo J'ino a un certo punto, e cio, in quella parte del corpo torace spalle, -urti superiori meno influenzata dal sesso, mentre l'altra, che pi dnl punto di vista mnteruo, il bacino, si svilupJIII allo stesso modo che nelle ragazze che sl dedicano in prevalenza ad attivit sportive che mettono in giuoco i mU8COli che si attaccano al bacino. ln quC'Ite ultime esercitanti attiva mente gli sport, ma in ispecie il pattinaggio ho potuto perii un maggiore sviluppo in altezza (media 1,58) in rapporto alle altre (media 1,53) iledite di. meno allo sport (e solo ni nuoto, atletica legglera, pallacanestro). l>a altri numerosi rilievi fatti su ragazze della stesso et, .lon tane da qualsiasi attivit ginnico-sportivo, l10 ricavato poi i 11e gucnti duti: nltezza 1,49, hiaerominle 31,2, hilroenuterlco 28,7 "hi crelilto 26.

PAGE 13

Come Jd vede v' una .deficienza in. tutti i tre dati; la taclia e basu, e se pure normale il rapporto tra. biacromiale e bitrocan terico, rispondente cio all'indice medio di robnstezza della donna, deficiente l'ampiezza del bitroeanterico. Questa defieieaza 110n in rapporto con la brevit della taclia, eeeendo dlmoetrato che la larghezza delle anche in rapporto col sell80 (nella femmina la larghezza delle anche ,supera di 3 cent. quella del maschio di eguale taglia); e perci si deve ritenere che l'attivit sportiva oltre a migliorare il fisico in cenerale (migliore sviluppo di tutto i corpo) agisce favorevolmente sull'apparato sessuale e di con.se gaenza, sullo sviluppo del bacino che riceve urui pi valida spinta. A riprova di ci (rapporto col sesao e non con la taglia) cito i rilievi fatti in giovani lontane da ogniattivit sportiva, al di IIOtto dei 20 anni, Did madri. In queste, l'altezza stata trovata di metri 1.50 ed il biaeromiale di cent. 31,8 il bitrocante rico, invece s' accostato Il quello della donna sessn.almente ma: tura, con fum;ioni utero-ovariche nonn.ali,. ma non ancora madre, superando di mezzo centimetro la media riscontrata -per lo stesSo diametro nelle sportive e, di cent. l e mezzo nelle altre non esercitanti alcuna attivit fisica. La deficienza eostituionale (o il ritardo di sviluppo) di ultime non deve essere intesa in senso a980luto o del tutto messa in rapporto oon la mancanza degli e11ercizi ginnlco-RpOrtivi ben.si anche, in parte, eon l'alll! biente ed il regime di vita di esse, tenendo presente che in magcioranza si tratta di ragazze del popolo e contadine dedite a lavori di campagna e scarumente nutrite. Volendo da tutti questi dati trarre elementi per raffigurare il tipo morfologico pi perfetto anatomicamente ed artisticamente, sulla guida dei canoni innanzi rieordati e provenienti dai due empi, delle arti e delle scienze, 'dobbiamo ritenere che si accosta di pi al modello cla,; sico della femminilit quel corpo che, avendo un'altezza rispon dente alla media pi comune ma di poco sn.perandola, presenti lieve differenza di. lunghezza tra i diametri biacromia l e hitroCD.oterico, senza arrivare pero ad una prevalenza di quest'ultimo sol precedente ma cci ore ampiezza delle anche. rispetto alle spalle che non si osserva neppure nell'et ed in donne che hanno avuto figli come si riteneva nel campo artistico, almeno prima del Rin811Cimento, %nza una base anatomica. Riferendoci alle cifre riportate, quelle che rispondono piir da vi cino, per la costruione di questo modello classico di femmini lit che sta per varcare la soglia dell'adolescenza, le troviamo nelle medie riferite a proposito delle giovanette, pi attivamente dedite allo soort, e specie al pattinaggio: alt-t>zza 1.58, 32, bitroeanterico 29,4. Per ci che riguarda la caratteristica morfologica di queste ra gazze, dedite attivamente agli sport leggeri, ho potuto notare una netta prevalenza della statura media, .corriRpondente a quello che il Viola definisce norrootipo, tra i due opposti; longilineo microsplancnico e braellineo megalosplanenico. Di questi due ultimi risulta pi eomune il secondo (e ci non solo nell'Italia centroanche Lo quella settentrionale, come ba risconil Facioli. Atti Soc. It: ost. 935). tiOt'MCile che comun.issimo nelle nostra razza, e d 11 magcior rendimento in quasi tutti eli ia deUe sue forme; cui corriojponde n.na ctuta proporzione tra "Jalori dei tronco (cubatura) e degli arti (lun cbeUa)\ An&i posao aggiungere che il tipo pi_perfetto artisti camente ed enatomicamente e che con pi facilitl emerge e rag giooe U primato nelle QOmpetizioni sportiva. quello che pur restando nella categoria anzidetta (normotipo) si ccosta un po di pi al longllineo, auicb al brevilineo. ; a quello che il afin1sce lot&.g"itifteo slmico. -una ragazza slanciiata, agile ed elastica, Insomma, con buona mn.seolatura, si impone "sulla ba'JS&, anche se forte pronta e vivace. olt.re che per crazia ed ele-ganza, per il rendimento; Se questo il tipo ohe meglio s'impone all'ammirazione dello sportivo, del medico e dell'artista, e che per nostra fortuna caratteri9tico della nostra razza, dev'essere questo il Modello.a che Il nostro clima fascista deve conservare e perfe&iriare, come seme per i. buoni frutti della nostra buona terra. LUIGI 13

PAGE 14

L'atteggiamento passi vo che i paesi dell'A meri ca Latina, salvo poche ecce zioni, hanno a ssunto nei riguardi d ell'imperialismo anglosassone in gran parte da metter.,i in re l azione c o n la struttura razziale caratteristica di que !'ti paesi. Soprattutto le repubbliche d e l Centro America e q uelle pi viine al l'equatore dell'America Meridional hanno una preponderanza meticci ne ll a loro po po'azione." Questi meticci :;ono la principale del cont inuo stato di ana r chia e di disordine che do m ina in queste repubbliche. Gli stessi metici costitui scono anche la spiegazione de lla faci l e corruttibilit dei rispetlivi governi. II problema del meticciato compli cato dal fatto che in quest'! regioni quattro razz e principali che si incrocia no tra !Qro n el modo pi vario . Ora facilmen t e immaginabile quale d isa r monia psichica debba dominare in individui chi" daPa quadruplice negra. Quindi" dobbiamo essere grati ad una I1rava allieva Fischer,_ la dottoressa Rita Hauschild,. che ha recente mente pubblicato u n grosso "lavoro su questi bastardi. Il tavro della Ha usc h i1d il risultato eli una serie d i r!cerche compiute nel periodo 1 936-:H nel Vene zue!a pe r incarico dell'Istitut lmpera!ore Guglielmo, di Berlino. La Hauschild ha esaminat o con grllll de attenzione gli incrQci negro-cinesi generalmente po<;o co.nosciuti ma abhu stanza diffu si in America. G l i incroci riegro-cinesi i capelli di for ma intermedia tra le due forme origi narie. Sembra tuttavia che i capelli ri gidi dei abbiano una certa ten: denza a dominare su quelli crespi dei negri. Anche per quanto riguarda lo dei capelli que;to l'i pre:::enta intermedio. La sezione del capello. mol to intere.;sante come carattere uiscrimi nativo razziale, per<: h circolar<> nei ci ne:::i e e ll ittica nei negri, s i pre,-enta con variabilit pres:-;o gli individui bastardi. I l colore dei capelli molto scuro, speEso nero, in relazione alla forte pig mentazione delle zone originariP.. II colore della pelle e in genersle bru no con una certa tendenza al giallastro Molio stran o i l fatio della scarsa pig mentazione della sclera. minore tanto a quella dei. negri quanto a queila dei ci ne:;t. II colore degli occhi generalmente molto Indigeni del Sud-America che appendon-o i cadaveri del 'loro parenti (da Th. De Bry AmerjClle Pars VIli 1599). 14 Due tamlglle In cu i l Incrocio iu uomo cinese e donna In alto 1 genil .>ri ddla prima lamlgl i a e (sollo) l l l gll ; i geni tori, vlsll d i Ironie e di prolllo della seconda famiglie, e una loro llglla, vlsla pure di Ironie e di

PAGE 15

Questi sono 1 cinque llgli d'una lamlglla m.etlc cla, originata dall'Incrocio tra un cinese e una Indiana. Indiani della Guyana menlre iondono i loro Idoli (da Th. De lry Americae Pars VIli U99) La po,.iziont> deh 'occhio mostra chia ramente che rocchio dritto del negro dominante -"U quello ohliquo del cine !'e: 11egli incroci europeo-cinesi il Tao anva innc e trovato che l'occhio ohliquo era dominante. Anche l'apertura ciel r oc-chio grande domina ,;u quella pic cnla La piega mongolica dominante o co !"tituisce urio dei caralteri pi importanti dei meticci negro-cinesi. Ugualmente la forma cint';'e del n11so sembra che ahhia una dominanza su quella neg+a. L'orecchio sempre grande e ra ramente modellato. La di quella dt>i cinr! . Il naso a dorso come..<;so degli india ni -reces,;ivo rispetto a quello dei ci nel!. L'alterna labiale grandt> dominante rispetto a quella piccola. mentre la lar ghezza simile a quella di ambedue i genitori. Come negli incroci negri-einesi cos in quelli cinesi-indiani le teste alte sono dominanti ;;u quelle basse. Veniamo ora ad esamin -are il terzo gruppo di meticci studiato dalla Hau i meticci In questi meticci la forma crespadel capello dei negri si comporta come dominante rispetto alla forma liscia degli indiani. l meticci indiani-negri pre5entano molto s\iluppati gli zigomi : si tratta quindi di una dominanza del t.arattere indiano sul ne!n"O. Anche il fino t' arquato dell'indiano si trova spesso presente in que sto tipo di incroci. Infine la Hauschild ha compiuto una serie di ricerche sui mtticci cinesi-euro pei. ricerche che confermano in tutto e per tutto i risultati del Tao. Questo contr\huto recato dalla Hauschild permetter al nostro lettore di completare la conosct'nza che h-a -del problema dei mt>ticci. Difatti nei passati numeri della nostra abbiamo gi ampiamento parlato dei sep!enti tipi d i incroci: l) + ebrei; 21 Europei + .lingari ; Europei + negri ; -11 Europei + oltentotti; 51 Europei + marocchini ;

PAGE 16

a.' l Cillo d'lncroclo fra un cinese a una mulatta. In aho la madre, mulatta: sotto una bimba un blinbo meticci. 6 Europei + cinesi; 7J Europei + polinesial}i; 8) Europei + annamiti; 9) Europei + indiani d'America; A questi tipi possiamo ora aggiunge. re i seguenti: lO) Cinesi + negri; 11) Cinesi + indiani d'America; 12) + negri. Si tratla quindi di na cifra abbastanza rispettabile di tipi diversi d'incrocio. cifra che d per appena una pallida idea della diffusione del meticciato nel mondo. L'Europa stessa meticci euro peo-lapponi nel nord, europeo-mongoli ad oriente. europeo-levll'ntini nella regiont sud-orientale: questo per accennare solo ai cas! pi frequenti. 'Con la facilit delle comunicazioni la possibilit. degli incroci ancora aumen. lata. Aggiungiamo a tutto questo il fe nomeno della guerra. Pensiamo alle masse di soldati mongolici che la Rus sia ha portato nei suoi territori europei, alle truppe di colore ampiamente impie gate dagli inglesi e dagli statunitensi! Tragica conseguenza di questa 81Jerra sar. come abbiamo gi ripetuto diver se volte. l'aumento del numero dii(Ji in croci. Questo ci impone il di pre pararci ad affrontare il problema del meticciato nel dopoguerra. La campagna che svolge da tempo la nostra rivista per creare una coscienza di razza apparir un giorno in tutta la sua importanza. E' necessario quindi ,in sistere secondo le direttrici del razzismo biologico. GUIDO LANDRA

PAGE 17

Colle aue 173 lettere, Caterina Senlncau a'fl rivolta a papi, prlnolpl, prelati, condottieri, al gnorl, nonch a borghesi, a peeeatorl, perfllo c -come Cristo 111 JIUb la congregazione dei fedeli Cri hlicono non dif;se cessa dalle an. stiani, passa dalla morte tempo. nllerif.' tue, 1110 stlgllitni; C a t e rale alla morte eternale, e ra riun !!pero nella fede mututn di gionevolmente riceve pena e C:ontdglio, 11er lu guarigione li tenebre; perocch non 11' ,oluto uelle 011ure di lui, delle quali lavare nell'acqua del santo bat non rn cenno. Oli porlu con ri tesimo, e ha tenuto a vlle il vereuza tli Mos c delln J e., jle di Kangue del lt'igliuolo di D i o, il gius t iz ia li quella giu'ltizio c h e quale ha sparlo con tanto altrove t hlnmn .Varglur rita. Ma umore. sOJII n In i l nmorl'. <'o O fratello in Cristo Ues apri l'occhio dell'intendi mento a ragguardare la sua i uestimabile carit, che ti man da invitando con le sante spi razioni che &i 110no venute nel cuore; e ver li servi suoi ti ri-l chiede e finvit.a, che vuoi rare pace teL'O, non ragguarda-ndo alla longa guerra e ingiuria che ha ricevuto da te per la lunga infedelt. Perocch tanto dolce e benigno lo Dio nostro, che, poi che '>enne la iegge dell'amore, e che .il Figliuolo di Dio venue Vergine Maria, e sparse l'abbondanza del sangue in sul legno della santissima possiamo rieevere l'abbondanza della divina misericordia. Onde sicome la legge di .Mos era fondata in giustizia e .i n pena; cos i la legge nuova data da Cri sto Croce!lsso, vita evangelica, fondata in amore e misericorlia. In tanto ch'egli dolce e be1,1igno,' purch l'uomo ritorni a lui umiliato e fedele. e credere per Cristo &"\'ere vita etrna. E' pare che non si voglia ricordare -dell'orrese che noi gli facciamo; e non ci vuole dannare eterno! mente, ma sempre fare misericordia. Adunque levati, frate!lo mio, in Quanto tu voglia esse-ft l..a&o eGli Criato; e !lOD dQr mini pi ie tanta ceeiti, peroeeh6 Criato non vuole, n lo vo ello, ehe l'ora della morte ti trovi eieeo; ma desidera l'ani ma mia di vederti pervenire al lume del .aantO battesimo, al co me il eervo desidera, essendo affannato d'acqua viva. Non fare dunque pi resiatenza aUo Spirito tiento elie ti chiama, e non apreciare J'amor che t'ha .Maria, n le Jafrrime e orazioni ehe aono tatte per te; perehe troppo ti aarebbe crande ctudlzlo. Permaiu nella unta e dolee dilezione di Dio; e io pre1r0 lui ehe aomma Verit, che e'illu mipi e riempia della sua santi. sima lrl'Uia, e adempia il mio desiderio in te, Couiclio. Data a te, Couiclio, questa da parte di Cri8to Ges. Laudato sia Cristo CroeiilUo, e la 8UA dolci.88i ma .Madre glorioaa Vergine Madonna santa llariL Ges dolce, Ges amore Questa lettera coUa quale tea' ta la converaione di un giudeo, la rappresentaziODe tipica, nella n011tra letteratura, di co me stato riguardato l'ebreo, tanto nel lato religiOII, come aoclale e morale. ConSiglio l'o.tillalo gnuleo eh deve essere convertito alla fede. Tutta una letteratura, e non intendiamo parlare della letteratura religio. sa in specie, piena di aimiJi componimenti ove l'ebreo l'e.r in quanto fuori dalla realt del mondo, che ha un Dio fattosi uomo che lo regola. Da qui sorge quella fioritura di seritti nella nostra, eome del resto nelle letterature stra.nJere, che tutta si sviluppa attomo al giudeo OlltiJUJto Nel campo non propriameate laico, dai religio s i la conversione dei giudei iutesu come apostolato. A Boma, per eitare un esempio, don Antonio de Guevara, come leggiamo nelle sue Epi8fola familiarf's, ogni sabato ,.a in sinago ga a discutere con i dottori. Questo letterato spagnolo scambia lettere con i rabbini in ma .teria di fede. Si pu afteimare, cbe tome pi tardi -nelle acc.a ,lewie s i fra pastori e pasturelle se in cielo si prati t'bi piuttosto la pet;ea che. la accia, cos i nel l!eeQlo di Cte e anche nel seguente si parla e s i discute fuori e den tro le sinagoghe,. e della 'legge tti Mos e della legge di Cristo rra cristiani e giudei; i primi nel tentativo di convertire i sel'Ondi. l'be poi le ac.cademiche discussioni fra dottori e dottori fiJtirono per stancare, un fat to. e non sappiamo se imputar lo ancora all'ostinato giudeo. ('.erto le soeiet moderne impu gnano cen -altre argomentazioni il )lroblema. ebrieO. ENCOLPiuS 1'7

PAGE 18

L'Africa. che pu hen il con-l i nenie dei contra,.:ti. ospita. e .in aree non molto lontane -fra loro. i pi piccoli rappre,-entanti deJrnmanit. cio i Pi!!mei e i pi .grandi o alme no quelli in cui "i 1 erfica la maggior frequenza. di alte ed i Ni!oti. r\ tale particolare que,;ti u lt imi accoppiano una ;;truttura corporea e.-tremamente longilinf'a e un colore as ,;ai ,;d1ro della pelle. l\on pochi mo "' rano anche un ro\e,.ciamen to delll' l1l Continente l\ero on di so lito l'indigeno "JleiHle anche troppo per l'ahito. almeno quando vi1e in zone frt> qnentate rla ;;tran ieri. I. Negri. Nilotici. rome i Bari. i Denca. gli Scillk. i Nuer. i Latuca. i 'iuha c altri clelia reg-ione. clil'er;;amente dalla generalit dei 1;opol i primitivi del mondo. dimostrano cordiale di;;prezzo per gli ahiti. A chi l i interroga in proposito rispondono che i loro parlri hanno sempre fatto cos. rc;;tandone :'odi,..f:llti. e quindi non esimoti1o er ("ambiare. P.raricamenlc l IS Uomini e ragazzi Bari. indipendtnti da p;onrno che 111111 sia qut>llo tlt>i .loro l'api o amano. quando lungi da f!l i Europei. Per f'hi provit>ne da l sud si l'iaggia. in mezzo ad una quasi completa anarchia fino alla regione rli Kartm. Ne>'stmo d noia se non si di!'lurha ma "arehht> vano illudersi tli ri cel'ere le manif esta:r.ioni di omaggio cht !'ono quasi t spontanee f rn i popoli Rantu. ormai tuili ..;ollorressi. Nudi. ripeto. Nl appogl!iati spesso so pra una sola dt'llf' loro lunl!lris;oimt' gamhe. a mezzo clelia lancia tt>nnta c:on la punta fitta in terra. gli uomil'i di quelle trih pas,;ano le ;riornatl' in un dolce far niente mentr(' lt-donne la1orano pt>r tutti. Madre Denka. Notare la grande lunghezza Giovanotti Scitluk. Hann? i capelli induriti degli arti in confronto al tronco. con sterco bovino, simulando un copricapo:

PAGE 19

Bari, cosparsi di sterco bovi no e cenere per difendersi d11lle un%ilre. tradizione. o nt:Cf"Slllta. soltanto per i vecchi. che indossano una pelle di capra destinata a difenderli dal ,enlo e dalla pioggia. e per le vecchie. il cui vestito in ogni caso si limita ad una sottile cin tura di cuoio dalla quale pende sul die tro tlll:t sDt'cie di coda. Guai a toccare quella coda. considerata in certe trib simbolo dell:t huona !'alnte e della lon w.vit! Chiunque ne ha divieto. compri"!'O il marito. Se per disgrazia qualruno la sfiora. hisogna suhito !'acrifica re un pollo o una capra per evitare che la donna ammali o muoia. Ogni paese ha le !IUt: superstizioni. ma questa della cofa certo una delle pi !'l rane. Lungo il Niln. lf' prime trih che si incontrano dopo la sua uscita dal lago Alht>rlo coono qtiPlle di'i Bari e dei La lura. composte di Negri altitotoimi. so du,. metr; e pi. con la tf'sla relati vamente piccola. il collo e tootti le. Il' gamhe dal ginocchio al piede do tate di mitotHe insolite e con polpacci appena accennati. esageratamente spo !'tati in alto. Tutt'altro che hrutti. ricor dano pl'r alcune fattezze i Somali. ai quali in qualche modo imparentati razzialmente. Li somigliano anche nella abitudine giil enza uno speciale permesso. Non meno fierj e indipendenti degli Scillk sono i Nuer. Essi. alcuni anni addietro, uccisero a colpi di lancia un magistrato europeo recatosi loro paese con l'intenzione di dettar legge. I Latuca. i Bari. i Denca e i Nuba ( da non confondersi {'On i Nubia'li. che vi\'Ono molto pi a nord, nella Nubiai preferirono invece e paga re un tributo annuo alle autorit euro pee che cos )j lasciano nella loro mil lenaria barbarie. Il paesaggio in mezz a cui scorre l'esistenza di Cllle5>le trib fra i pi interessanti di il Nilo. Una distesa di papiri vi 5epara in qual che punto la foresta dalle acque libere. ma qua e l gli alberi pos!'ono ancora sfiorarle. Chi naviga sul fiume assiste allora, da breYe distanza. alla \'ita in piena libert di antilopi. bufali. elefan ti, giraffe. ippopotami. coccodrilli e uc celli di ogni specie. La riva destra del Nilo margina difatti. sul luogo. una delle pi grandi riserve di sehaggina deWAfrica. Al .limite di interminabili campi di papiri. e quindi in lontananza. scene consimili si hanno anche pi avanti. fin a Kartrn : ma l'ele fante diviene a poco a poco pi raro a vedersi quanto pi si discende il Nilo. Quando poi. dopo Kartm. il fiume af fronta il deserto di'Ila :\nhia. la selvag-19

PAGE 20

Donna Scilluk, fumatrice 'di canpa selvaggia. gina :
PAGE 21

Segundo gli dudi di Kuhn e prose guendo il cammino dopo l'ultima lezione in cui abbiamo visto alcuni dei lenomeni genetici dipendenti dalla leg ge di disgiunzione, crediamo necessa rio insistere sulla casistica di tale legge GENETIUA che una delle pi importanti per la conoscenza del meccanismo di dei caratteri eredifarii. La dialettica di Kiinn forse lo pi semplice. Qualcuno pu notare che le osser vozioni in questa materia verlono sugli animali inferiori, su alcuni mammiferi e su olcune piante e che quindi la generalizzazione all'uomo, aJmeno per sfumature della legge medesima, pu sembrare arbitraria. Ora in linee di massima confermato sopratutto dagli 51udi germanici e da quelli compiuti nei laboratori scientifici degli Stati Uniti che la gran parte dei casi nel terreno genetico, in altre forme biologiche, risconfrabile nell'uomo. Come poi vedre mo appresso, nel corso delle nostre lezioni. Riforniamo alla generazione F, di cui abbiamo parlato nel precedente numero. C' il in. cui un gamete maschile A (cio di razza pura parentale: P) si ullisca con un gamete femminile A, oppure con a. La zigofe (cio il complesso fecondato) AA, come abbiamo visto precedentemente ricostruir nel fenotipo la razzo P. Lo zigofe Aa rico struir un ibrisfo C' un terzo caso: uno spermafozoo con a i ncontra un uovo con A o d luogo ad un ibrido, oppure, i,;un quarto caso, incontra un uovo con a dando luogo od una rozza Paa. Secondo Kiihn l'incontro dei gameli puramente casuale. Gomefi e gameli a ven gono prodolfi in egual numero in ciascuno dei due sessi quindi l'incontro di una sorta di spermatozoi con una .. qualsiasi di uovo ovviene casualmente. Doli !l separa zione di A e di a durante la gametogenesi dell'ibrido e dall'incontro casuole dei ga meti, consegue la disgiunzione dello generazione successiva agli ibridi delle Fo nelle combinozioni gefliche AA, Aa, aa e cio nel ropporfo 1:2:1 Le cose si complicano quando nell 'ibrida si riscontra un carotiere dominante. In que sto caso l'individuo non parr ibrido ma di razza pura. Per sapere se o non di razza pura occorrer se si tratti di una pianta dioica servirsi dell'autoimpollinazione. L'ibrido si sveler se in una delle generoiioni successive avverr disgiunzione per ca suale incontro del gamete A con a al di fuori della dominanza del carotiere che si considera. Un bovino con il coraffere dominonle del pelame nero risultato di uno ibridazione A (nero) con a (rosso) pu essere accoppialo con uno bovina che presento il tipo sivo o pelame rosso (incontro casuale aa di gemefi corrispondenti al tipo con pefome rosso). Attraverso questo reincrocro (R) si oftemlnllO indi.vidui per met neri (Aa) e per met rossi (ao) essendo anenulo che uno con o si incol"!lrofo con un uovo con a ed uno 5permatozoo con A si incontrato con un uovo con A. Perch ci sr!t potUto ovventt-e slalo necenario che l'individuo a pelome nero sio sto lo un ibrido con la dominonzo del pelame in nero, ch se fosse stato un puro sareb bero venuti fuori soltanto ibridi, mentre invece si sono citlenuti ibridi e recessivi. Cosi ogni animale con il C!ltoftere dominante che derivi dalla F : se cUI origine Il disgiunzione ove si reincroci nasce dalla formula Aa. Se invece mantiene il carattere dominante nasce dalla formula genica AA. Alleli si dicono i geni che formano una coppia determinalrice di un carattere. Per esempio i geni A ed 11 sono alleli antagonisti riferiti al carattere del pelome nero (A)_ e al c araftere del pelame rosso (a). Sono ed. alleli uguali gl'individui che risultino da combioazioni Ali. ed aa. Sono ad alleli antagonisti o disuguali gl'individui che risultino da combinazioni Ao ed a A Nel primo gl'individui vengono chiamali omozigoli " nel secondo eterozigoti Le specie possono essere omozigoli per un determinato carattere, od eredit pafolc gica, ed elerozigot per altri caratteri. Nell'incontro di due alleli uguali il c;,raffere di cui sono origine si riproduce nell'individuo (fenotrpo) infallibilmente, ma pu acce dere che si incontrino lue alleli antagonisti relativi per esempio al colore e l'individuo risulti dalla dominanza per esempio di A su a. Una malattia ereditaria per esempio pu essere nel discendente il risultato della unione degli alleli ugu"ali di genitori ammalati per -cui .il discendente riproduce l'ascendenza ma pu essere nel discendente medesimo il risultato della unione di un allele sano con. un allele malato t:on la dominanza dell'ammalato sul sano. Come. pu avvenire il con trario: la dominanza del sano sull'ammal11to. In questo c11so da un individuo apparentemente integro pu essere trasmesso il ge ne ammalato il quale nella discendenza ove casualmente si incontri con un gene omo logo od ugu11le per quel caratlera patologico (p11foeredopatologico) determiner il prodursi di un individuo ammalato come lo era il remoto ascendente. Sono i casi del salto eredit11rio, per cui si hanno pi individui s11ni in discendenz11 diretta da malati llccop piafi con s11ni e poi una serie, per disgiunzione, di individui ammalati ereditariamente . lnvifiamo l lettori a medllare lungamente la figura che diamo traendo la da uno schema di Kiihn. Sono constatazioni per cui socialmente utile lo studio della genelic11. MOD. 'Y ,. .z-n. O x O< 01 .o. x nr .,...-.... .. ot x ,-, Schema del ere::Uiarb di IJn carattere recessivo, p. es. di una malatia recessiva in una famiglia (per es. sordomutismo). O" = muchi, O = femmine. In bianco i sani, in nefu gli l figli dell'unione 1 x 2 sono tutti sani ed -eterozigoti. 3 x 4 e 7 x 8 matrimoni fra omozigofi sani; i figli hanno la probobilit :1 di essere sani omozigoti: soni eterozigoti col gene per la m!llatla; gli uni e gli aUr; lenotipcamente ndistinguil?li . 12 x 13 unione fra primi cugini, che s dimo strano ambedue eterozigoti per la ma lattia per avere figli malati (probabilit per i figli 1 AA : 2 Aa : 1 18x19 unione dr un m11lato con nn;, ete rozigote proveniente da famigl mala ta che si eterozigote perch compaiono figli lati (in a 1x2: probabilit 1Aa:1aa; 22x23 unione ha ammalali con figli

PAGE 22

qttestionario A proposito ."della nof11 .. Einstein plllgia rio " apparsa nel Questionario del n. 24, _Ili C.!lsa editrice labor, che ha pubblic.lfo il libro cui in tale nola si ci ha scrillo quanto segue: Nel n. 24 dell'nferessllnliisim.!l "Difes11 Razza troviamo all11 rubric11 Que sfionuio " una nola che riguarda un.!l no-stra pubblicazione. ;/ Il rilievo che fa l'egregio vostro collabo ratore, giusiissimo, e vi preghiu"!'lo di rin graz:iarlo a nome perch il su ri lievo ci permelle di evitare per le prossime. ristampe il ripetersi dell'4;rrore inv,ero grave. Non riusciamo a 'apire come il nostro collaboratore abbia potuto lasciarsi sfuggire simile e[lormit. Evidentemente nella sua alfermuione il nosfr autore si ribllo a qu anfo hanno dello. altri, senza curarsi di vedere chi dei du, Keplero o Newlon, era nato : e morto prim11. . Avremmo segnalata la cosa all'autore, ma questi, professore di fisica, incaricalo siro Governo all'insegnamento nelle scuole italiane all'estero, deceduto. .Visto il guaio, vedremo ora dil.!lr f11re una revisione generale alla m11teria. Per qua. nfo si faccia, si pubblica un'Opera che frutto della collaborazione di molti specialisti, non si riesce mai ad evi fare totalmente inc -onvenienti simili, ci. vor remo dire al vostro colia2_orafore perch possa comprendere come un errore, sia pure grossolano, non pu inlirm11re la seriet degli intendimenti che 1.!1 nostra Casa, nell11 sua modestia, nelle pubhlicazioni. _Sono purtroppo i infortuni mestire, che colpiscono chi lavora, e cie.chi lavora seriamente" Giuseppe Grleco, uno Ira i pi anziani e fedeli collaboratori di questa rubrica, cosi ci scrive da VIco Eq!!ense: la peggior cos11 che poss.!l cap.ifare ad una questione sorta viva e palpitante con problemi ben definiti e re11li da risolvere, quella di and.!lte a finire in m.!IDO ai file)_ sofi. Questo accaduto alla questione della Razza. E' successo cos che, dimenticando i problemi .pi.i necessari ed urgenti, si son presi a combattere i mulini a vento. Ognuno si sentito autorizzalo a distillare la sua teoria per melle re d' .!ICcordo questo e. quello e a nessuno neanct,e per del che qualche cosa di pi importante da fare, qualche cosa --------... che non poteva indefinitamente. Ci s dimenticati, in una parola, che nella vita dei popoli ci che conta sono i .falli, non le parole. Veniamo al concreto. Quanti si ricord11no ancora che esiste una tut tora_ insoluta _che richiede rimedi urgenti e radicali? E della polemici! anliborghese che ne successo? Pure esistono poche questioni attuali come queste, sono Je que facce di una stesse questione, perch bor ghes e ed ebreo sono 111 stessa cosa, tendono allo stesso fine: l'asservimento del po polo ali .!l potenza dell'oro. Sono le -serpi che ci covano in seno il l.oro veleno, pronte a mordere ad ogni momento, e noi invece di combatterle come dovremmo, ce stia mo tranquillamente a filosofare. Biso'gna capire ehe non possiamo rim11ndar .f.ullo al poi,. alla Hne della. guerra. "Dobbiamo battere il chiodo adesso. Subito .' Ballere fino alla noia, inshncabilmente, perch la gueru non si vin:e solo nelle trin cee e sui campi di batt.!lglia. Noi siamo gli antesignani di un ordine nuvo, comb.:sllia mo per esso e vinceremo, questo certo, ma la Viltori.!l non basta averla, bisogna nie ril.!lrsel:t. Qui si tratta di fare l'Italia, la Italia che noi vogliamo, quella che s -ogna rono. "i nostri vi e che dovr essere, che sar, dom.!lni, vivente realt per .i nostri figli. l'Italia deve essere. il nostro ide.!lla, servirla in umilt, con le opere, combatten do i noslri nemici doyunque, con tulle le armi, senza incerlezzll. Questa difesa razza, questa deve essere. Alla ilosolia ci si penser dopo, quando non avremo allro da fare. Difesa della razza vuoi dire difes!l del nostro ge-. nio, difesa dell'Italia. Bisogna c11pire che ogni .slasatura un delitto conh-o la nazio ne. Dobbiamo essere inflessibili, e prima di tu Ilo con noi stessi. C'. ancora troppa za vorra che lenta di intralciare la nostra eia verso l11 Vittoria tot111le in tutti i campi. Se non la buttiamo in mare adesso non lo faremo mai pi. Abbiamo. il dovere sacro santo di farlo. .Se vogliamo .capire la nostra razza," voglio dire l'Italia, dobbiamo guardare alle opere prodott d!!l suo .genio, alla sua storia me ravigliosa. le opere. Questo .il punto. Perch anche. la. politic.J un'opera d'arte, quando il prodotto di un genio. Pensia__ mo a Cavour, a Mussolini. Nessun discorso pu farci vedere l'Italia meglio di un qull dro, poniamo. di MiChelangelo, o di una poesia dei nostri sommi. Di questo dobbia mo renderei conto. Di e di null'altro. E'. gi molto. Soprattullo ricordiamoci che quello che adesso necessario, anzi urgente, fare 1>, non filosofare Da Veron il c!lmerala Alfonso ci scrive quanto segue; Troppi medici che oggi esercitano la professione provengono dalla covt del materialismo scientifico, quella latal e funesta concezione del fallo biologico, pa- lologico e terapeufico che. considers le ma lattie come enlif.\1 cliniche a s stanti e ha fallo perdere in loro stessi la capacit di scrutare .i fenomeni organici con mentalit biologica e nella loro inlerezza di relazione, di causa e inferdipendenza; covt vittima delle illusioni del laboratorio e dimentica della verit ippocralica, ch e riduce la pratica medica alla sola funzione meccanica di prescrivere speci.!llil fabbricate in serie, or dinale sulla scorta dei ricellari e con il solo elfetto di calmare dei sintomi. Tutto questo non si risolve nell'ing.)nno e nel danno di chi si ammala? Non fa' amma lare, dalo che la gente ha imparato a usare medicinali per abitudine, in lulle le forme e in modo pazzesco? Ormai non si ingoiano medicinali quando si sta male, ma_ si l anno le cure preventive periodiche, per si stemai Chi pensa che la vera prevenzione o l'immunit sono solamente conferile dal ungue e dagli umori puri e da una vita condotta secondo nafural Non cresce luitodi il numero delle malattie a decorso cronico o con caratteri e andmenlo assolutamente atipici, delle malattie misteriose, delle morti improvvise, delle reclute per i manicomi e de_ i parli distoicil Non vogliamo accorgercene? Eppure, solo fino a un certo punto l'organismo (specie l'apparato riproduHore femm!rtile) pu sop portare senza h-oppi guasti il rodlo e l'av vr.len!menlo delle varie cure e la vio lenza causala dalle iniezioni endovenose! Che cosa possiamo noi opporre al dilagare di tanfo imbroglio (anche se letto in buona lede) _.che diffonde _anche la sf.!lmpa medica industrializzata, al dell" grande stampa, 11lla prop!lg.!lnds dell" radio e del cinemaiografo sulle grsndi scoperte mediche, se non pu fars i !enlire tra il pubblico la voce del buon !ensol Abbiamo pubblicato la let tera del camra.l,!l Givlani, perch gli' argomenti in essa accennali ci sembrano inleres. santi e degni di discussione E' tuttavia evi dente che quelle del wivi!lni nOJl poss .ono essere considerate come conclusioni senz'al accettabili: occorre approlondire e non giusto generalizzare largamente. Speriamo comunque che altri nostri letiori vor. ranno intervenire nella discussione che .con questo scritto abbiamo inteso iniziare.

PAGE 23

(31) L11 "Polizza Dotale' una delleforme assicurative maggiormen te :raccomandahili ai genitori per preparare i mezii al l' educaiione dei figi L qu indi utile con un E S E M P l O P R A T l Un padre dell'et di aimi 27 vuole a favore di sua bambina di anni 2 una --dote di L. 25.000 che dovr essere corrispo s ia alla hamhina ste:'sa quando avr raggiunto il 25 A tal fine # radre, quale contraente, s'impegna a pagare al l'Istituto, al mas:;imo per 23 anni, il premio annua:le di L. 801,25, che si ridurranno a L. 7 53 circa per. la corre sponsion annuale della partecipa zione. agli utili, e per contro assume gli obblighi seguenti: l 0 ) di corrispondere a scadenza il capi tale se a quell'epoca in vita la 2) di rinun:. ziare all'ulteriore incasso dei prem i (pur mantnendo immutato l'ob-.hligo di orrispondere come sopr la som m a assicurata) qualora il contraente (genitore) venisse a Ilncare durante lo svolgimento del co ntratto; 3) di al contraente i premi al netto di. tasse e interessi, in caso di m orte della henetcaria prima della scadenza del contratto; resiituzione inoltre che sarebbe fatta a <'hi di dirltt se nel frattempo fosse mort o anche il contraente. . -PER INFORMAZIONI E CHIARIMENTI RIVOLG8RSI.ALLE AGENZIE DELL'ISTITUTO NAZIONALE DELLE -'\ . ;