USF Libraries
USF Digital Collections

Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario

MISSING IMAGE

Material Information

Title:
Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario
Physical Description:
Serial
Publisher:
Società anonima Istituto romano di arti grafiche di Tumminelli
Place of Publication:
Roma
Publication Date:
Frequency:
semimonthly
regular

Subjects

Subjects / Keywords:
Race relations -- Periodicals   ( lcsh )
Jews -- Periodicals -- Italy   ( lcsh )
Race relations -- Periodicals -- Italy   ( lcsh )
Genre:
periodical   ( marcgt )
serial   ( sobekcm )

Record Information

Source Institution:
University of South Florida Library
Holding Location:
University of South Florida
Rights Management:
All applicable rights reserved by the source institution and holding location.
Resource Identifier:
usfldc doi - D43-00107
usfldc handle - d43.107
System ID:
SFS0024306:00107


This item is only available as the following downloads:


Full Text
xml version 1.0 encoding UTF-8 standalone no
mods:mods xmlns:mods http:www.loc.govmodsv3 xmlns:xsi http:www.w3.org2001XMLSchema-instance xsi:schemaLocation http:www.loc.govmodsv3mods-3-1.xsd
mods:relatedItem type host
mods:identifier issn 0000-0000mods:part
mods:detail volume mods:number 6issue 7series Year mods:caption 19431943Month February2Day 11mods:originInfo mods:dateIssued iso8601 1943-02-01



PAGE 2

..----SOMMARIO-----, ALFREDO OBERTELLO: GLI INGLESI, O DELL'INTIMA ELEZIONE L'ORRIBILE VIAGGIO; INCENDI, MASSACRI, VIOLENZE ... ; DUE IMMAGINI: UNA RAZZA L'INGHILTERRA E LA TRATTA DEI NEGRI l CACCIATORI DI SCHIAVI; COME GLI INGLESI PUNIVANO l RIBELLI; NELL IMPERO INGLESE LA SCHIAVITU' ESISTE TUTTORA; PATRIZI E PASTORI SCHIAVISTI; IL PRIMO NEGRI ERO MOD.: GENETICA QUESTIONARIO UN'ARTE DELLA MEDICINA ____________ __, l MANOSCRITTI ANCHE SE NON PUBBLICATI NON SI RESTITUISCONO GLI UFFICI DELLA "DIFESA DELLA RAZZA" SI TROVANO IN ROMA PIAZZA COLONNA (PORTICI DI VEIOI TELEFONO 63737 62880 il "TEVERE" l'avamposto della stampa fascista' LEGGERE DIRETTO DA TELESIO INTERLA NDJ non significa soltanto essere informati ma anche e soprattutto avere una guida S. A OHI[ IN[ DI VlllAQ P[QOSA lOQINO

PAGE 3

ANNO VI NUMERO 7 ,').FEBBRAIO 194-3 l E!lCt: IL S t : 11. 20 DI IH;Nl llli:St: t.N NUMt:RO St:PARATO !.IRE l AUBONAMENTO ANNUO LIHt: 20 HDONAMENTIJ !IEMF.STRALt: 12 E !l T 'F. H Il l l Il O l' l' l O IJirettore: TELESIO INTERLANDI C o m i t'a t o d i re d az i o n e : prof. dott. GUIDO LA NDRA prof. dott. LIDIO CIPRIANI Seuetilrio di redazione: GIORGIO ALMIRANTE SCIENZA DOCUUENT!ZIONE POLEUIC! OUESTIONJ\810 Q -UESTO FASCICOLO DOCUMEHT. A &LI OBBOBI DELL' . Lo schiavismo il primo dei repugnanti aspetti della storia de Ilei razza britannica che la nostra rivista documenta. Successivamente con la frequenza di un numero speciale ogni mese -documenteremo la corruzlolie degli Inglesi, la loro lnclvllt e la loro gludalzzazione . OGNI NUMERO CONTERR UN ARTICOLO DI UN NOTO SCRITTORE E UNA VASTA E RIGIDAMENTE OBBIETTIVA DOCUMENTAZIONE

PAGE 4

t ; .. f .. ,..... er Milton, Dio, che s manifesta sempre ai suo1 servi, si rivela dapprima agli Inglesi N l'opi nione di quelle che scaturiscono isolate in mo menti d'ebbrezza spirituale o d 'esaltazione men-tale; anzi cos a dire, comune e corale; cio divulgata e v:en dalla massa, e il poeta non la che assumerla e G:on cretarla in verbo attivo smagliante, in sentenza lucida me morabile. Perch l'inglese anche comune (bench notoria mente e inoppugnabilmente gl'inglesi derivino da una mas sa di pirati che si sono susseguiti e sopraffatti a ondate di laniandosi e mescolandosi e rendendo, cos, veritiera l'as serzione d'uno dei loro migliori ingegni, Defqe: essere essi composti del fangc di tutte le razze nordiche bellume,. -{{anfibia -:plebaglia malnata) cova elezione inti ma si .sente levato su piedestallo, fo,rnito di encomio e inappellabilit .E s a o presume, come esser ... '-'D. !an Hxy d! appartenere alla p i gr: :mde nazione sulla lerra >>, aH >t10Z10ne della quale Dio volendo, avrebbe in verit potute creare un modello magg:ore ma in verit non lo cre. E sa o presume d 'aver cospicuo carattere e pi cospicua responsabilit, come uomo e umano, ritenendosi investito di mente cuore modi unici e d 'unica autorit e competenza; er cui s ; tiene in buon diritto di considerare bassi ma pi ancora bolsi gli altri uomini e niente affatto capaci di erigersi e mostrare lena, senza il suo intervento e il suo ausil'o; e si riterr di conseguenza responsabile del peso morto del mondo. Ncn c uno di loro; quanti sono John Bulls, che ncn sia persuaso di portare sulle pro.pr-i.e spalle l'Europa, scrive Russell Lowell Questo monda, Europa che cosa sarebbero senza lui, l'inglese, senza le1, l'Inghilterr:J? Mettiamo avanti la migliore ipo tesi : un intrico, una bassura, un'acquitriio inerte e maga ri pittoresco, ma selvaggio e miasmatico; insomma, come dice l'Emerson, un cumulo di scarti, a heap of rubbish Av,r dunque l'inglese presunzione, inevitabile. In cospetto dello straniero si comporter in due modi: o gli dor addosso come carne persa, gridandogli, quale mini-

PAGE 5

ma offesa e contumelia, cane (cani di francesi! di .ceva lq plebaglia d tutti indistintamente gli stra nieri. certo per crassa confusione, nei primi dell'Ottocento. come testimonia Agostino Ruffini) ; oppure lo terr distac cato, umiliato, facendogli sentire la terribile colpa d i non essere eletto. Abbietto sei tu, straniero Ma perch le sono? --:Perch non sei come me Vorr quindi l'inglese scendere all'altrui favella! Porf a nel Mercante di Venezia trova che il suo vagheggino inglese << non ha n latino n francese E appunto l a ra gione data ind:rettamente senza ambage dal famoso dottor Johnsori che non volle in Francia parlar francese perch offerto a quei mariucli d i Francesi un vantaggio a suo sfavore, li avrebbe cio elevati a danno del suo piedestallo inabbassabile. Sicch non pare pi pec cato di presunzione o boriosa bestemmia il ringraziamenfo che in un pubblico discorso prcffer il poeta e filosofo Cole ridge a D i o, per averlo immunizzato dall'abilit d i dire anche un solo motto d ; francese. Sissigno.ri . l'elezionP. gelosa e v iolenta: guai a chi la presume e la tocca. Gl'inglesi 'farebbero pagar caro l'ar dimento anche a Satanasso. Vuole Sati:masso illudersi d i essere davvero pari o superiore? Dimentica forse l a spada puntab dell'Arcangelo? Tutt a l p1u potrebb'egli cercare non un illusori o spodestamento ma un adeguamento; e c io sollevarsi alla d ignit, alla ccrrettezza e compostezza. alla virt in una parola, all'elezione inglese; perch que5ta una funzione ben precisa degli inglesi ( e l o scriv e e testimoni a il loro poeta. Amold): mi g liorar e tutto e tutf fuo rcn se stessi; costituendo essi il supremo esempi o e l a suprem.::I mta umana perfetta. E per termine d'arrivo, elcgi o grande, anzi precipue. anzi estrem o per tutte le c;ose e tutti gli uman', d ire: C o m e inglese oppure: lo scarnbierste per un ing lese E l'inglese vero non avr poi ragione d i possedere quel l'mgoglioso egotismo che come scrive l'Emerson fa .rebbe impallidire Alessandro. Cesare, Napcleone ? d i considerare t utt i gl' uomi ni solo stipa da gentilm ente af. fastellare o se resiste, da maciullare, per arderla a suo compiacimento e in verit a sua gloria? E dicano pure per c i <4li stranieri, ripetendo giusto due versi dettati da un isolane, quale m inima rimostranza: ... tanto malnato e scortese che ognu11 ritiene un demon e { 'Inglese! Gli tuttavia. che dove sono due e l etti ivi egotismo e presunzione d i elezione, m::xgarl non sempre proclamati: Questo disegno dii vero trillO diii' lllustrated London News del l ottobre 18S7 ci mostra i metodi coloniali in. glesi, quali luron o e sono applic11i in India. Circa 100 uomini del ll" reggimento indiano furono allora, per essersi ribellati agl i oppressori britannici, legati dinanzi ai cannoni e tatti 1 peni.

PAGE 6

Armati di bastoni, gli agunlni britannic:l inlierlsc:ono c:ontro gli arabi In Palestina. anzi e sottintesi e tenuti nel piano quasi del sot e vi saranno esterior: cmplimenti, visibile ami3t ma intimo rancore e invisibile lotta. Due inglesi fan n o i nfatti sbi to dovunque, anche al Polo Nord, l'Inghilterra, si sa, perch si schierano dal lato della spontanea, guar dinga, irsuta preminenza; e, se non h ymno altre, metton o i n dipendenza e soggezione il ghiaccio che calpestano, l'a ria cruda che respirano; ma neHo tempo fanno s. bito la curiosa societ inglese: un agglmp.erato di maci gni, di campi divisi di forre isolate, di corpi e p nme pre clusi emulanL tu sei, io sono; gli stranierUutti sono me-. n o di noi; tu vuoi essere pi di me, io sono p i di te ; la sciamo stCire le veniamo ai fatti: sali tu che salgo io ; da ultimo vedremo chi scalato pi alto. A p-. punto non. mnifestano schietto tutte questoe paiono s o cievoli e non sono; o lo sono nel senso di tale detta emu che parte dai. contatti in apparenza pi familiari ed umili per salire a scissioni immense. diosincrasia la loro Ognunc .J/a frettolo s o di.ritto, p ersuaso, a ttrtto e astratto, come vanno le formiche ; e se si incontrano mai cozzano, ma si stimano e lisciano e dipa r tono; assai umili, anzi piccini piccini L'umilt e l'impaccio son.6 a loro consoni apparentemente come l'aria che re spirano: vi stanno afferrati piu dei bimbi appen a s bucati dalla gonna materna; li direste pieni di ftubanza, tremore supplicazione Eppure hanno gi tanta 6 consistenza e tanta mta, d a disturbare, se scoprono le intenzion i segr e te ravviso dei grandi . I J J'uu d el/'a./lro si li111idi so11 {111/i. ( i()lllt' st al ('it l rio soli < t 'l'l'lls .... ero oudrut: o magli6: C'Oli/l' S(' 11/ C:ie/0 I!.IJIIII/1 r/11 so /11 ('('/'('CI NSI' r/'tt/1(/(//'(1, Verit profond a in versi dal Defo e pei suoi con. nazionali. Infatti la loro tim ide:iza avvantaggiq e c cpre l'arnbiz!o. ne immensa e pi qncora l'incaritatevole p roposito di at iingere isol.ati le soglie celesti, dapprima come Inglesi in cospetto e a dispetto d altri umani (non per nulla Sweden borg nel suo sistema teologico appresta lcro un cielo sepmato), quindi come Inglesi i n cospetto e a dispetto d i cltri In glesi. E le prove sono tante: per esempio, insenarono la Ri forma nel Cinquecento, e fu in ,realt una denunzia della autorit pontificia pe, r farsi loro, autorevoli d 'una l ;bert di coscienza che li mettesse a fruire la graa senza frem o baluardi o interposizioni, e f urono protestanti fra i pi vio lenti al Romanesimo; per tosto protestarorio a se s te ssi levando cenacoli e fazicni, chies e e chiesa madre loro anglicana: bassi ed alti Angl'cani, Anglo-cat iolici (non romano-apostolici), Presbi Calvir : listi Battisti, Anabattisti, Trinitariani, Un i t ariani, Wesleyani, Metodisti, Evangelist i Christadelfiani : e chi n 'ha pi ne aggiunga.. Perch? Per districarsi, ognuno, da tutti i con fratei inglesi, da morasma e tanta folla ; per lva.rsi u n pulpito, un'altana. e per aprirsi un varco pi spedite e certo al Ciel.o. Grandi e goisti i n cos ingenti cos e dell'anima. pensiamo i n cose del corpo, le cose terrene materiali] Sopraffecero gli altri. quelli che avevano luogo e do ::-:inio fuc.r del'iso la: con le armi o v e r a proprio indispen sabiie, or:pure d i preferenza con ie arti. Tut t e le arti iu rono buone: malizia, corruzione, i ntrigo, adulazione vezzegg; mento, i n tim o riman to, J:ersecuzione, sopraffazione, remct a,soldo, oo, onori. Ottenuto c os. con ce,ra sem pre d isiratta e contegnosa, con un fare peregrino e d iscre to e assorto e 1:1a gari spesso con una puerile timidezza la pudica ritrosia ( e perci parbrono gli osservatori d; sostan. z i a le ipocrisia); cttenuto cosl il dominio reaie d i gran J:arle dello terre sublunari e quello effe livo di quasi la loro t otali t, sopraffecero se stessi. !vfiser o ii i n vece, in voce sociafe, sinedrio di tu tti, arengc d 'ognuno, !egi ttimazione d 'un'apparnte e plausibile dignit, libert elfzione singola, universale. Fatto c i, si schierarono allo pi accanita battaglia vicendevoie. Non scalarsi in politica era come non scalars1 in ric cbez'za; e vi_ceversa. Chi non pugna e vince, paga e versa. i/ersa,re in r:overt versmc in miseria.soprattutto morale, sociale, a nzi meglio c iv ile : niente appoggi, n iente client: rilente pre s t igio, niente dominio. E senza dominio prestigio clie nti appoggi, chi p u salire? Un circolo . CO! USO. P1esso nessun altro popolo di ques t o mond o fu cos lo fuggita l a r.;cvert tanto temut o l 'jsolamento fuori di ieghe e sodalizi, gr.aainj que. sti per non gradini per salire, gradini per primeggiare e sopraffarsi E' una

PAGE 7

cosa .dovunque, esser e indigenti; ma i n In ghilterra un'onta. l vi, comparire <
PAGE 8

Schi av i I n vendita: pubblicitario s i pot eva leggere nel 1819 In una citt degli Stati Uniti. FANCIULLI BOERI MORTI NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO (Secondo una stat i st i c a uffic iale in g lese) NELL'ANNO 1901 Giugno 576 Luglio 112ft Agosto 15ft5 Settembre 196ft s Cosi appiccati gli schi av i veni v ano lasciati a morir d i lam e e di s ete solo quando s:J tradurre ogni pensiero, oyni aspirazione, ogni azione in pecunia, in peculio: l a sua pot e n za, la sua grandezza sempre e poi sempre avrannc radice e rilievo da una base o d.J uno sfondo aureo di buona e tangibile e valevole lega, non di auree leghe mentali o s p intual1: belle cose fatue, anzi superflue, di chi alla vita o ri n u m: 1 ... c mente. La vita concreta e acerba che vuoi essere combattuta senza titubazoni, inciampi, distrazioni pre occupazioni morali. E battaglia per tutti: pei ricchi che devono difendere e accrescere la ricchezza, vero !onda mento e sinonimo di nobilt, o a loro tramandat a o da loro )::ei non ricch che hanno da s::dire a tant a vetta. pei mise.rabili che hanno d:x tentare comunque una resur rezione o accettare la mort e perpetua i n questo mondo .:! altrove, nell'altro preparato. Nobilt, borghesia, plebe. Che d v ;sione, che lotta di mte terrene! Gli scrupclosi, gli esitanti, i d istratti. cadono o s 'impan cano. Va bene la religione; m a le sue norme positive non devono essere n un fardello n un impedime n t o. Essa pu sussistere solo a questo patto: che aiuti, non ostacol': o sia pe.r lo meno di tale inezia, di tale inerzia, da restare lettera mcrta se anche in astratto vigente. E cos pure la naturale esitazione umana davanti a posizioni ardue, a pass di gran cimento e controversia l'animo l a bandisco e sia spregiudicato, proteso; il c u ore s : a f erreo, afferrato alla mta. senz a condizione d i mezzi. N in fine permang:mo distrazioni: le arti, le lettere, la filosofia, ccn tutte le belle cose affin', e gli stessi divertimenti, se non hanno ufficio di preparare l'individuo a una migliore competenza della mta precipua -la conquista della ricchezza sono svaghi consentiti sol o come tali, senza impegno e imp'egc. Perci la religione sar. in I n ghilterra, a tutti gli effetti prati e t un allegro ateismo essendole sottratto i l per manente alore assoluto, la n o.rma d'vino, per sostituirvi un'accomodante connivenza umana ( e .ne nascer l'illu !>icne blasfema di possedere, in conseguenza, un pieno ed unisono intimo esaudimento religioso); perci. non si avranno sottintes i, angustie, rimord:menti o d i Coscienza o di sensibilit nell'agire sfrontato e s pietato: perci do! trina ed arte saranno un inte.resse e un plauso scio dilet tanteschi, solo esteriori, riuscendo p : gradita la compagnia di sensali che di poeti. di cavalli che di prcfessori b vista d 'una zuffa d i galli che due ali di cherubino. Naturalmente la regola comporta l'eccezione. Ma do ve per esempio, se non in Inghilterra, pi compatito ar. zi avallato il contrasto d 'un uomo che d 'una mano iise a il suo cane, vezzeggia il suo canarino, e con l'altra fustiga imprigiona annienta il nativo che ha conquise, o abbandona o ab
PAGE 9

L'O.RRIBILE VIAGGIO Questo disegno mostr l colloculone degli 1 chi vi nell stln di un bstlmento negrfero Come si vede, lo sputo er utilizuto l mnlmo. S u l 1711 la sola Li v erpool t : a n e o SII 107 navi n cgriPn aH 111ila capi; Bristol s11 2:-l nav i m l'arie X .SIO; Londnt x.J ; ili SII !'iS nav i; Lant"a sler si m contcnt di !J!'iU capi s11 -1 nav i : totali dtll 'annata ;):J. S9!i tapi. K e i s Ptll' unni dal 17SO al 17Sii. se < malo i dati di Brcjan Edwarclt;, rt<'l lt s o li' eolollit illglcsi f11rono iuqwr tali 2.S:-!O.IH.)0 s chiavi. co11 lilla 111<' dia allnua di eirca :-100 mila eapi . \!Pil a sola lialltairi t d a l lii.'!O al IS20 l"tllono importa t i XIH) 111ila s ehiavi. P la Virgillia ml 1790 a v Pv a 2 00 mila sdrinv i (./. Sl'b l' z i o 'Truffa e .whia1ismu n ella politic a i n y lese . Uomu. /.1/:lfi P rtg. :! :! ) La tappa C<'lllralt dPI vi al--(gio triangolan, n ota enlllt il midd/( JWS:iO{Jf' tra que lll t dall'A fri t a al l e Indie oecid<'lltali. Il 111idrll e Tms sayr a hmdo d 'una llave ingltimento c h e fra culme Un bastimento che navig circa tre mesi, ebbe 1'80 per cento del carico di schiavi morto per malat tia; all'arrivo la met degli schia vi erano gi cadaveri putrefatti Un butlmento carico di schlnl lnsegulloi da UM nave d guet.,.: gli sventurti venge>t* geHatl In mre. 9

PAGE 10

piatte e tempeste; nav1go circa tre mesi, ebbe l'SO 0/ o del carico morto per malattia. ed all'arrivo uno_ dei hri di quasi tutte le coppie di negri incatenati era gi cadavere putrefat to. Fn ufficiale di hordo dichiar che a causa dell'orribile puzzo di putJedine e di. materie fecali., era iniJ)ossi bile scenderP nella stivli, ed il ci ho era gettato. alla ,-infusa-dai boccaporto. Altri testimoni riferiscono che il puzzo di una nave negriera si sentiva a cinque miglia sottovento. ( J. Sebezio. Op.cit. pngg. 2.'1-24): Gli ufficiali. della nave Zong di Liverpoolnell783 gettarono in mare 132 schiavt vivi per carpire un premio di assicurazione, e gli avvocati inglesi nel difendere l'armatore -in nanzi, a un tribunale inglese, sostennero tranquillamente trattarsi di normale getto in mare di merce ava riata. (J. Sebezio. Op. oit. pag. 24) -In seguito all'abolizione legale della schiavit, fu stabilito che la sola prova ammessa per giustificare la cattura delle navi contrabbtmdiere fosse la constatazionemateriale del la presenza di schiavi a bordo; gli orrori della tratta perci salirono ad altezze inimmagjnabi.Ji. Il capitano inglese Homans del brigantino Brillant in_seguito da una nave da-guer ra, lega 6O schiavi alle maglie del la catena dell'ancora disposta. in o perta e mentre I imbarcazioni col picchetto per .la visita si avvicinano al suo bordo, d Jondo alla catena in pieno oceano con tutto il carico uma no. La nave non pot essere catturata perch manc la prova della presenza materia le dei negri a bordo. (.l. Scbezio. Op. cii. pag. 24). l dP.gli orribili di schiavi erano seminati, in Africa, di bianchi scheletri d'infelici malamente nutriti. fortemente legati e crudel mente trattati, caduti :lungo ]a viu, e qui lasciati per morirvi natura!mente, o per essere vivi dalle bestie feroci. ( Broun. Storia Navi negrlere In attesa del carico umano . IO Gli schiavi trasportati sulle scialuppe verso la fUlve negrlera dell'Africa e d. ifal. Sonzor;uo. Vul. I. 7Jaff. i9). 1'\ 011 c' esagerazione nell'a ffermure che il :J6 per cento di quei convogli di sehiavi periva lungo il cam mino vPrso la eosta, senza menziogli OTTori u cui etano assoggettati i superstiti nel periodo di tempo ehe ril1)nnevano rinchiusi nelle in attesn dell'arrivo d i 11]1 hast i nwn t o. o le t p i l terribili ngoniP ehe dovevano sopportare quando venivano nelln stiva della ruve durante In tiaversata dall'Africa nll'Am'eria. Tuttavia, non si deve supporre, nemmeno JH' r un istante che gli uo m;ni i quali si dedicavano a questo traffico fossero tenuti in conto di qualche cosa meno che altamente rispc ttahili commPrcianti In se tondo luogo, esso era immensamente lucroso, e Bristol e Liverpool in per esso. ( I-11" 0 'II'lt, l, 7.5) Quando il_ frnncese Uarcourt fece i l suo viaggio nel Hi82, i)]))"ezzo d'uno schiavo di prima qualit era die ci franchi; e siceome si poteva ven dere in un paese cristiano per ci rea 400 franchi, rie ,:isultnvu sempre un : enoJ me, favoloso f{Ulldagno. ( BroU'/1, I. 7fi).

PAGE 11

Une renle di schlevl, In .Ahlce .\'f'fla riC')JIJ,'l-iziollr' 11 Sir Ridwl'll illarti11, "" nolo .11/:.<;siullo,.;", .v!. ('aineoie, i11lerprela cu!i i il 111 ori u rl i ; eri e r h l'O M'. rl e i M a l u /)( { (!: ,, Perrl-ulo il 1/U.<;' /ru paese, perduto il beslianw, la nostra y ente r/isJWI'.WI, IIUi 1/IJ/1 abbiamo JJii /ICS:-; Ili H t ra {/i rnw d i n i n 're: {{' o.'! l re rlo1111f' ci ahbu 11dmtiiiW, i IJ:wuh i /W /1111110 lftW/ c :he t'O{Jfioi/U,' IIIJi IIIJ/1 siam niente e tWII ahhiauw n d .iri/li IIP i l'{j{Ji di IICSSII/10 VWc i e (K D. M o nl. La ( .t'O CP cl t< lltll,!t'O f<"::d. it11l. 192:-l. p11g. (i:'>) Il yiornafe MalniJeil' '!'inH's ,, ]Jaroll' mollo ch iarc 1w lf/JP .,,o 01'{/0IIIeltfO: La f.f'.or i<1 d; l;jHf l' -fil' l x t li 11r.i. w o uer;ro in tista richia111a lnJ]JfJO 11/. /n 111enle l e l/Orli/P per fa "Nera di Dunn;l}brook" per tut di_ rersiNJ piu/fo.<;/o chf' 1111 Jlrincip,'fJ Lo nbbiam /nlfu fi nora, bruciando i Kraa/.<; ( t :iffag gi) ,<;o{u p erch erc m t ifhtfJYi illfli yeniJ, 11 sparando Sllflfi i11dig1 'tti i 11 l ttga .\e111 p{ icP111PIIIP pc>rch era 110 neri .... Se fa pofiliea di sparare a }Jrima cis/a coulilllHtsse, 11011 fa rebbe altro che \J)i11yere i lll;gri W IItJn e pi ndfe /ife dei rituflur (E. D. pag. ()li) Il /ier. Joh11 lf"ile prde we:sfe JiiiiiO di SafisiJ/Iry. iu una l elleru 11l :; M efhodisl Tinws ili data .10 sf"lfe mbre. 18.tlfi, eifa il caso di u11 ufficiale d ella Co111par;nia che> co slri. nse, cun minaccia rii pene, 1111 capo i11dig euo a consegnargli sua figlia per /arsc>-nc> 1111 'a ma 11 te. Noli/icai il /alto all'Amministratore, e l'accu sato fu ricono suiuto c:o/.pei'Ole. Poco dopo egli lm.c," il pa ese; pure l'of/esu pur r e di. cos poco 111omento che d opo 1w1:e mesi egl i era di ritonw e oc CU1Ja L''a 1111 p .osto u/liciale nelle l ruppe raccolte p e r pu n i r e ribc>l fi ' (E. D. Morel, pagg. 66-67). lf so/fO<'am ento d e l.la ribellione 71e r opera d elle a11 toJ'iif-imperia! i fu accompagnato da grandi ]Jerdi l e rf, ; rife di indigeni. e da _molli i ncideu/ i l erribibi, com f.> quello p e r cni furono faftP saltar pe-r ari-a colla dina111if e le ca rerne in i Mas b ouas si erano rifugiati. An cora 111olto te-mpo dopo che l<1 ri beUione era stata soffocata, si fa cevano battute per ittifo il pae se, e l e ese cuziJoni erano all'ordine d e l giorno. -Quand'ero in Rhode sia scrivei'G .1lfr. Thomson i Commissari indigeni e polizia erano in giro dappertutto a caccia c(,; qu.ei poveri sciaguTati. Molti erano g sfati suppliziafi sia in Bulu.wayo c h e in Sal-i. sbury, ma l e ]Je r sec u zioni e i processi contillla l'nno luttnrn "'-(K D. : t Il

PAGE 14

L'INGHILTERRA E LA . ... '. -1 ... "" .. .......... '. dinmne 1111 delitto internazionall. ngistri umcrieuui "'; i cal colato dte gli lngllsi. ut i vtuti anui dal lliHO al 1100, furono nspon;-;ahili pn l'illlport.nzionp di "\friea11i neliP Indi!' Oeeidentali t' 111'1 Contilll! lltP Ma all"alha dl'l >si,. l'uno stianll' d i SJH't'll la lo ri ga rt'g'l-( i a \'a no Il l'l so dd is fa n la Sl'lll p n <'I'PSt'l'lltl' ril'iti1stn d soltanto g i oc:are al pavimento d e l sotto-coperta ... lio n di rado impazzivano prima di ntorir soffocati ... n e l deli rio aleuui ucci.devano altri compa col l a speranza di aver maggior spazio per respirare ... g li uomini stnt.ngolatno i loro vicini, e l e don ne si l'ieca vano vicendevohnen t P chiodi uel cer v ello ... Questi orrori divennero mille \'Oitt rm1ggiori quando il traffic o 14 Ulliciali della Compagnia imperiale est-airicana, che stipulano u trattati,. col : capi a Klkuy

PAGE 15

TRATTA DEI NEGRI Per un secolo intero lo schiavisrno tenne il primo posto nella politica britannica < Il eu111u lo inrnrtrrso di 6ccllt'zze infarncrnenlt acqu; state p e r IIWzzo dll' assie11lo concorse in gra11 parte H < :ornpcnsare i grandi sacril'ici c h e era costa ta la guer'l'a La gt'ncrazionP elrt eon clusc i l trattato fu portata u considerare l' estc11sione del traffic-o d eg_li t:OIIIe llllo d egli s copi ]Jri r wipali d P IIa politita toJJrnrcrcialt' ingle1-1e Divenne eosi seopo principu ll' .. d t'lla politita nazio rutlp J'incornggiarl' il ratto di die t irH di 111igliaiu di nPgri p t r g dtarli in prl:'da ; tll a pi r nriscrahile selriavitI I n n 'alt la Pat:t c ht Jlort ''''' trl'gua preearia f' di brev< durata nii' F :uropa. poril i u \'l'ttIH gut r'l'a. <'una /.!11'1'1': 1 d i ta r:r!lt' l'l' atrot'l' ,. dtso lanlt, iJJ una JJI;sura nra i illrrll:q'i:r ; ;ta l'i r :r 1 allont :ti l'.-\l'rica, t' feel:' dt'll'lnglriltf'r'l' a la pi grnn di sdriavi n e l rJJonclo intero N Ln t r udiziont continuiJ p e r tutto il : i_f'l'olo Lord l'ha tlr111n l't'ce Sl't:p o principalt d PII;r sua politica lo sYiluppo di Qirt'sto curunrere io l' ... i Y aJJt l'IH' lr Slll con()uiste in :\ frit: a avevano n1ess o i l tr:tffito dl'i rwgri quaf:'i intera lii entc 11e ll c JJlalli d egli ingle "i l'inaJJeo Pilt. dopo la /.!U<'J'I'U che distrusse la potenza JJiarittirna d ella Francia. ne a nni< :hil il t raffic o s chiavista. l' frantumi I'Tmpero lll' usa l t' in Al'ric a per l a c olllpra d e i u egri. l uwrean i i Ili \l;u ; < lii:'Stl:'r si avnrntaggiarono. p e r lo p i su (]u e sto seconde artieolo. t:aleolato chi:' dal 1150 al l kOO u n quarto d<' i l1astimenti d e l porto di Lin' r pr > o l fu u s ato n e l tral't'i to tiP i rwgri: t o si eitlil llnJIOpolizzavn i einqnt' ottnYi d e l <:OillllrPrciu in.l!lese dl'gli sl'hiavi e i trP spltirlli d l'l tnt ffit:o nPgriero lll Ondiale :\aturalmentr lllH'StP ci t'n non danno un id e a orrori e d rlle d e astazioni < h(' attollrpagnaYano a e a t tura d gli schia,i in Afriea. ni:-della t:rudt>l tii l'On eui I'I'HIIn trntl
PAGE 16

16 tiC IIt' 'all'lt'l'it'ano I'J 1"1;: fi'('O f'l'll diVPlll:HtO t:OS gl,'HI1dt e he lt> :o;clnpliei "''lll'l'Prie dPi ),ia;ulti pt>l rutto d<>i n egri n eJie lllllH'dialp Vt"illllliZt' dtiill illt'll di l'OSlll: 1:'1'11110 assolutanH' llt P iusul'i'ieieuti ;; .;orldi:-;Jan l e 111oltp l'ie hiP sk. Si dovPttPro spillan. pPr lltezw di guerre eivili ap p c .sitallten1.P organizzalt, n gioui illll<'t:l'Ksibili Hgli l npci. Tut111 la vastissil! ta rPgioue d11l Ht!li<'J.!HI al. Congo, ,. Hllt'ilt' pi 111 Hud. 1'11 s eouvolta. toll'lllloiosa t' pit t'ertii P dtl eo Htin l' lllt Trihit iutPre trnuo indotte e per' C'orubattt>r e altri' tribr. l'Olnlrrtitit per l'ur seon e t it in altrt tontntritit. ) u sPdnzionp dtl gtwclugno ;; SJlt'!'f' dPi propri vit, lt gelosie, gli odii inclividnllli. tut to l'l'li illll'llsit'ieHto 11llo stl'sso stopo: <' llll'lllre vaste Hl'rt nlrnli l'l'ano devastHte s i st<'lllnliie r e una veurletta privata. La p erdita diretta di vite e h!' iu!'vitahilrllt'llt!' p o ttava questo stato di guerra pereurw cllv'rsse r e stata enoriiiL' in s. p e r non dir nulla dflllr perditi' indir(!tte c he. In di struzione dei raccolti e d c i grmiai c l e c'onseguenti modi 1wr inedia Il trasporto aiiH costa, p e r terra o p<'r fiumi. di 111111 eo n !'lltl' inePssante di prigiouir.ri 7 l Cosi gli schl1vt compiv. no Il vl19glo terrestre, prlm1 d'euere lmb1rC1tl.

PAGE 17

111 ecppr, ptnnirnti da luoghi cliKtanti cPntinnin di JlliJ.(Iin, d't' HI'I'OJ.(Hnlt'llll'lllt P allt IIIO(te p(i c i JIIHIIJ'PstHzionj di IIVVPrsion< f'Hilt dai l'olonj delJ'AIIIPriea rlu l nrtlllollnth, SegrPtario di Stato JH'r l e Co loni e, 11el ITiil in ri s posta ad 111111 clc llc b111tu proltstl' in IIIU l eria, diss< hrutnl111ente: :\o11 possiarno JH' I'IIIPltl're alle l'olonit> di frenare o scorHJ.(;!iHre nl'ppur in ;,ini111o grado un tral"l'i. co che rcndp tanto alla naziotH -Cos ispondeno Lorcl Dartmounth 11011 ra cova che PSprimere a parole que llo c h e. fin dalla JHICt' rli l treeht, era diventata di rutto la pclitica lln:r.ionalt stahilt:'. Egli appoggio n e llo spirito d e l suo t e111po. La lllonarchia, l'aristo!'rHzin, il mondo tonlln ereiale f'd t:'C'c(eF;iastico a n c h e di fendevano il traffico dogli schiavi e llP heneficiavano direttamente. 1 /Ja/ dl'/l'illpii'Hf 1>'. IJ .. 1/orPI : L11 1'1'11( 1' di'l lll'f/ m Trad. i/11/. r d i f a dnlln C'n s n rrfit,.irr /lnNSt 'tJnn iHIPtlln:innfllr. llnwn 1!12 .1. JWfl. t::-:!!1). UNO DEI. CAPITOLI PIU ABOMINEVOLI Lord Morley disse una volta del nostro trattamento delle. razze indigene sud-africane che: E' uno dei cnpitoli p i abominevoli della storia conlemporcr. nea: uno dei capitoli pi obbrobriosi della :;toria della nostre relazioni con popoli di r-azza inferiore". (E. D. M orel. Op. c it.. pagg. 38-3S All'epou dell'abolizione della lraHa: presentuione delle urte di liberazione a un gruppo di schiavi Runaway (ma la traNa lu ben presto ripresa dandesttnamenle).

PAGE 18

I CACCIATORI D l SCHIAVI Assalto d'un Ylllagglo di negri, per opera del capo schlavlsla Baker. 18 Con la 11aee di Utreht (lHVl) l'lughiltcrru aggiungeva, al rifornimen to delle eolonie britanniche, il mo nopolio per uu trentennio del mer cato spagnolo, grazie al "pacto de asiendo de negros co l quale s i conveniva e h e la Corona in glese s'inca ricusse; por mezzo di perrnne rlu t:ssu nominate, di trasportare alle Indie Occidentali spagnole 144 mila negri !!el lo spazio di 30 anni, cmt umt media di 4000 l'anno. Per 25 anni l'esecuzione del i nlttu to fu concessa, in regime di monopo lio, alla Compagnia del Mart-dEl Nord, di cui erano azionisti, per un quarto rispettivamente del capitale, il re di Spagna e la tegiua d'Inghiltl'l'a; IWI nel 1739 il contratto fu revocato e la tratta africana fu lasciata lihera a tutti i sudditi juglesi. Le co lonie inglesi dell'4-merica contavano neL 1715 solo 60 mila nel l'i54 il loro numero ora salito n 260 mila, nel lTiG a 4fi0 milu; il primo c.-nsimcnto degli Stati Uniti. nel 1790, rileva la d i 752.069 n. a poco nello stesso anno, nelle Antille inglesi. si san'hbero conbtti 4G3.208 in qu e lle francpsi !104 miJa, nient.re nelle Antille spa;.:no l e eS8t non sarPhbero stati che 32.296. ( J. Sebez i o Op. ci t ). Dal 1080 al 1786 oltre ne g ri furono importati nelle coloi1ie inglesi. (Brou n. Op. cif l, 71). In 1oclllit prive di stabilimenti gli Europei spesso si mettevano in ngguato d e gli indigeni, li afferra vano e li tenevano imprigionati, fineh potesse ro venir imbarcnti per l e colonie. 'l'ali degni comnu!rcianti pare sia no sbtti gli antecessori dei cacciatoii di merli del mare t ;ueridionale, poich penetrand o nel gran fiume c rnontandolo in eercH d'af.fari, essi, o invitavaf)o g li indigeni a bordo con la scusa di voler comperare, o insistevano che s i dovessero consegnare ostaggi in garanzia della loro buona condotta; e tanto i mercanti veri quanto gli ostaggi dello stesso eolore gravemente il rischi o di non pi rivedere il loro vil laggio se, per avventura, il vento fosse stato in favore quando queste tran.<;azioni stavano per finire. ( (3rotvn. Op. c:it. l, i3).

PAGE 19

COME G .LI INGLESI t PUNIVANO I RIBELLI: il taglio di una gamba e il rogo; oppure 111:orte per fame; in alcl!_ni Bavaglio per gli schlnl (da un modello di pro prlet della so:de,.. antl schlnlsta). casi la castrazione La ribellione di uno schiavo ent punita n elle colot;tie inglesi col ta di una gamba, dopo di che il eondannato era arso vivo; oppure con la sospensione ad una forca fino alla morte per fame; in alcuni casi la punizione era la castrazione, e sap piamo che 42 schiavi subirono questa punizione per mano di una e!le cutrice, la signora Milis. ( J. Op. c it., pagg. 25) 11 Direttore d ell'agricoltura della Costa d'Oro, H. W. Johnson, rife risce od suo libro su questa colonia notizie sulla costruzione delle. strarle; vi una rete stradale di mille e cento miglia che viene mantenuta n e l modo seguente: In forza dell'ordinanza n. 13 del l'anno i cupi' devono. obbligare i loro sudditi albi costruzione e alla manutenzione della strada nel lo ro distretto. l capi percepiscono per questo, ogni trimestre, il pagamen to di dieci scellini per ntiglio. Il la voro degli indigeni non lviene retri huit.o (.! Sebezio. Op. Sulle delle carceri nella Nigeria del sud si pu leggere quan_ to segue nell'African World del 3 _giugno 1905: Nelle pri.gioni di Celeher regna la dissenteria. tra i car cerati e settimanaimente ne muoio no cinque o sei. Da lungo tempo il infetto e i dottori non san uo pi a che santo votarsi. La causa evidente che il carcere sovracca: rico; esso contiene da quattro a cin quecento prigionieri che vivono nel le celle i gruppi di 25 per ciascuna. Ma ciii in teoria pert'h in realt i gruppi sono di 35 .Apprendiamo da fonte sicura che su 20 prigionieri: provenienti lo scorso anno da Asaba soltanto cinque sono ancora in Strumenli usafl dai merunti di schiavi. a, a: il giogo o la -.. gorea ; b, c: catene adoper<5le per assicurare gli schiavi ; d: anell.o di ferro saldalo 11 fuoco sul membro d uno schiavo, i l 'quale aneHo dev'essere spez: z:ato da uno .suolpello 'per venire levato via e: o ceppi; (: cOTda usata per legare pii schiavi ; g: collare di fe"o; h: el metto1 usato per imbavagliare gli sch iavi con ..., peno d i fe"o per costringere den tro lingua; 1: corbash " o frusta d pelle di rinoceronte.. Il preno di uno schiavo in merci. 19

PAGE 20

PlTRIZI E PASTORI SUHIA VISTI Nel 171-!0 fra diec i e ventimila schiavi esistevano proprio in terra. In Parlamento, secondo Lushington, v i erano 5f membri diret tamente interessati alia e fra i proprietari di schiavi n e ll e co loni e figuravat1o i nomi pi illustri d e l patriziato: il conte di Balearres con 472 sehiavi, il conte di Horwood co11 232, il eonte e l a tontessa di AirliP co n 590, il conte Tallot e Lord Shelhit rne con 79, Lord Seafield co n .IO, Lord Hatherton ed il Vescovo di E x e t e r con 540 l a fa111iglia (]ladstone con 4f-iS in Oiamaica e 844 in Ouiana. ( J. Sebezio. Op ci f. pag. 25) Tra i pm feroc i }>roprietari di schiavi bisogn a co llocar e i n pri111a linea un'e letta schiera di pastori pro testanti; n e l 1813 il reverendo di St. h.itt ammazza la sua schiava Elisa, ed assolto; n e l 1818 i Reve r .endi Padri Rawlins e Beaver com m ettono delitti analoghi; il Rev. Hig gins di St. Kitts assolto dall'accu s a di aver mutilato cinque negr;'nel 1829 il curato Bridges alla Giamaica assolto per due volte dopo aver m al trattato a sangue l a sua cuoca Kitty Hylton che aveva bruciato l'an=osto. (J. Sebezi c Op. cit. pagg. 26-27). Schiavi sfiniti dalla e da-lla fame, abbandoMii ai corvi. 20 t r \ Convoglio di schiavi in cammino Ouglil:'lmo Oladston c . l'illustre sta tista, il campio n e di tutte le lihert, colui c h e nel 1H51 co n l e dul' famosp lettere a Lord Aberdeen d e nunzi< i l Govemo horhpuico di Napoli COIIH' negazione di Dio avev1:1 fatto i l suo ingresso alla Camera d ei Comu ni con un discorso in difesa degli schiavisti, e votato contr o il proge i. to di emancipazione La f amiglia Gladstone era proprietaria d i 1012 c1:1pi di bestiame umano. (J. Sebezio. O p. c i/ . payy. PRETI PROTESTANTI PI FEROCI DELLE BELVE ... IL PRIMO NEGRI ERO Fra i molti delitti che la storia attr i bui sce alla nazione brhann l a c la circo stanza che un Inglese lu Il prim :) lnllvl duo a scorgere nel tralflco dei negri afri can i un pi lucros!l che nel com mercio della polvere d'oro e dell'avorio Oues lo personaggf o iu Il celebre slr John Hawk ins (Brown Op. cii:, t 71 ) Slr John Hawkins aveva cosi poca ver gogna del suo commercio, che quand9 venne creato canllere, egll scelse per pro pr i o si emma gentilizio un meno moro nel suo proprio colore, legato intorno con una corda (Brown Op. cii., l, 75) Nel fS61, il primo sotto-contrattore In glese (o negrlero) compare sulla scena, nella persona di John Hawklns, Il quale, colla Regina Elisabetta come socio In a c comandlta, si i mbarc per la sua carriera di assassinio e di brigantaggio nella buo na nave Jesus prestatagli dalla sua real consocia Dieci anni pi taicfl Elisabetta lo fece cavaliere, in compenso della sua perslsten te energia descritta da un contemporaneo come una spedizione quotidiana a terra per impadronirsi degli abitanti, bruciando e le loro clfl6 Verso la met6 del secolo XVIII gli In glesi diventarono esportalori diretti tanto dalla costa occldentele per meno della Compagnia 4frlcana quanto dalla costa Mediterranea del Marocco colla Compi gn a dei mercanti di Barberia le quali vantavano l nomi del Conti di Warwlck 1 di Lelcester fra quelli del loro dlreltorL (E. D More!. Op. c ii., 21-22).

PAGE 21

r noslr! lelfori come si possono avere mufc.zioni somiltiche e psichiche mediante Unii modificazione sfrulfurale e costitutiva dei cromosomi. Ma vi hanno, come abbiamo accen nalo altrJ volla, modifiche le quali a v : vengono per na semplice e pura alteratione numerica di questi c:orpicc:i'oli GENETIUA che sono alla celle generation! animali, vegetali ed umane. Parlammo altre volt11 o::li n asseflo semplice o complesso dei croonosomi prima e dopo la fecondazione. Ora si vuoi chiarire che dopo quesf'ullimo fenome.,o, che poi il pi importante i n biolog1a, so possono avere mutazioni di asseflo o, in termini poveri, altetuioni di numero d.ai cromosomi che compongono il quadro genellico. degli individui. in corso di divenire tali nel mistero della generazione. Kiihn ci parla di un gran numero di muiazion; del genom11 cio di mutazioni numeric'M n seno 111 genom11 dovute a lurbative inlerven.Jte nel corso di un11 mitosi che si sta svol-gendo in modo normale. T11li lurbalive possono essere costituite da r
PAGE 22

questionario u-n' me.cUc-ta. A proposito della questione della me dicina e dei suoi metodi, e in risposto olio lettera di Givianl, su La malo covala il camerata Beduschinl, di Como, ci scrive quanto segue: Ho letto e meditoto su La Difesa della Rozza la lettera del camerata e collega cfal titolo La mala covala e, pur alle sue affermazioni, approvo in loto 'il vostro commento e special mente dove d:'te: "Quelle del Giviani non possono essere considerale come conclusioni senz'allro accettabili; occorre appro-. fondire e non giusto generalizzare cosi Cosi la penso anch'io e, credo, anche quei molti troppi medici colleghi .slimalissimi nostri Mi sovviene subito ci che ripeteva un Ma<.slro d i Clinic.a ... quell'industri.ali;mo ft::rmaceulico vestito in logl di sciena il De Giovanni, il quale pur generalizBndo correggeva con "quell'industrialismo: segno che ve n'era un altro. Tentiamo di approfondire come voi au spicale. Intanto precisiamo che generalizzore o standardizzare (brutta ma-significativi! parol11) I"!On dell.!! scienzaarte nnil3ri3 l11 qu11le notorio 'deve considerarsi scienz11 dell'individuale" E qu11ndo il Giviani afferma che l11 mala covala di troppi colleghi vittima delle illusioni del e dimentica le necessit ippocraliche, indaga e non precisa in un piccolo settore del pur ancora v11sto problemi! sanitario che rimarr insoluto lin ch ... finch .... lo vedremo pi avanti. Constatiamo che proprio il in generale, valido aiuto alla clinica, che h11 spinta e insedial3, pur-con. lenlezz.,, in questo cinquantennio la veu chi a doltrin' umorale rinnovata, completala dalle continue osservazioni e scoperte sperimentali. a complemento di quella di Vir kow, mettendo in primo piano lo studio del .terreno organico" come quello che s _em pre fa la malattia anche se questa h11 come coefficiente o conc.aun il signor Microbo pi o meno palogeno. D i qui il passo diremo concomitante o ad un ritorno ad lppocrale non stato lungo. La maf11 COV:IIi! quindi nata dal mate rialismo scientifico c9me la pens11 il Giviani nel suo primo periodo e cio dottrinal non esiste, non pu esistere: un non senso. Mi! il medic,P la persona che ha la missione preci!
PAGE 23

' BANCA COMMERCIALE ITALIANA SOCIET PER AZIONI CAPITALE L. 700.000.000 INTERAMENTE VERSATO RISERVA L. 170.000.000 BANCA DI INTERESSE NAZIONALE

PAGE 24

Wl .....


xml version 1.0 encoding UTF-8 standalone no
record xmlns http:www.loc.govMARC21slim
leader 00000nas 2200000Ka 4500
controlfield tag 008 121018u19381943it sr p p 0 b0ita
datafield ind1 8 ind2 024
subfield code a D43-00107
040
FHM
c FHM
049
FHM
0 245
Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario.
n Vol. 6, no. 7 (February 1943)
260
[Roma :
b Societa anonima Istituto romano di arti grafiche di Tumminelli],
February 1943
650
Race relations
v Periodicals.
Jews
z Italy
Periodicals.
651
Italy
x Race relations
Periodicals.
1 773
t Difesa della razza : scienza, documentazione, polemica, questionario.
4 856
u http://digital.lib.usf.edu/?d43.107